cigno nero

Investire: il Cigno Nero contro gli Esperti

E se i consigli degli esperti valessero meno di quanto credi?

Investire seguendo i consigli degli esperti non sempre è la cosa migliore che tu possa fare. Il ruolo del Cigno Nero.

Fai regolarmente il backup dei dati presenti nel disco fisso del tuo pc? Se – come la maggior parte degli utenti – hai risposto di no a questa domanda, fallo subito. Poi ti chiedo di proseguire nella lettura di questo post dedicato alla casualità sui mercati finanziari e al sorprendentemente elevato tasso di errore nelle previsioni degli esperti. Investire seguendo i consigli dei “guru” molte volte è dannoso per la salute del tuo portafoglio.

Prima di partire, dall’inizio, come facciamo di solito, ti invito – se non lo hai ancora fatto – a leggere l’ebook omaggio “I tre segreti per investire in modo intelligente” così da scaldare i muscoli intellettivi :) .

Il cigno nero

Il cigno nero è la sintesi del pensiero di Nassim Nicholas Taleb, un economista-filosofo di origini libanesi che, con questo termine, indica un evento imprevedibile le cui probabilità di realizzazione sono sottostimante ma che, una volta accaduto, avrà conseguenze devastanti sulla tua vita. Un po’ come la rottura dell’hard disk di cui parlavamo all’inizio.

Quando scegli di investire dovresti fare in modo di tutelarti sempre contro il possibile cigno nero che potrebbe distruggere i rendimenti del tuo portafoglio. Peccato che nessuno in banca ti dica queste cose, e che le previsioni degli esperti non solo siano molte volte completamente sballate, ma non tengano conto delle conseguenze di eventi estremi.

Eppure negli ultimi anni ci sono stati parecchi eventi imprevedibili: l’ultimo, drammatico, è il terremoto in Emilia Romagna. Per prima cosa vedremo perché fai bene a diffidare dai consigli degli esperti, poi vedremo una semplice strategia per ridurre l’impatto del cigno nero sul tuo portafoglio.

Investire senza esperti?

Prevedere il futuro è sempre difficile, specialmente quando abbiamo a che fare con un ‘sistema’ complesso come l’intreccio ingarbugliato di comportamento umano, economia e mercati finanziari. Non solo, ma studi empirici effettuati dallo psicologo Philip Tetlock hanno dimostrato che non esiste un legame robusto tra il titolo del previsore (ad esempio laurea in economia) e accuratezza della previsione.

Gli analisti finanziari tendono a fare previsioni che si avvicinano di più l’una all’altra che al risultato finale. Prova a chiedere consigli per investire a due esperti di banche diverse. Probabilmente ti diranno le stesse cose…

Questo conformismo nasce dalla volontà dell’industria del risparmio di “pararsi il sedere”. Dato che le previsioni in media sono sballate è più semplice difendersi dinanzi al cliente se non ci si è discostati troppo da quello che dicono anche gli altri. E – come sai se mi segui da un po’ – la stessa pratica è adottata dai gestori dei fondi di investimento.  Mi viene in mente la storia del concorso di bellezza descritto da Keynes dove i votanti non scelgono la candidata più carina, ma quella che pensano che gli altri riterranno la vincitrice.

Inoltre gli esperti di finanza hanno un’autostima tremenda: anche se colti in fallo non apprendono lezioni di umiltà dai propri errori. Per questo io non leggo mai report di analisti finanziari per scegliere gli investimenti per i miei clienti e ti invito a fare altrettanto. Ma, purtroppo, c’è dell’altro.

Un modo per investire saggiamente

Abbiamo già visto in un post precedente che normalmente l’evento inatteso (il cigno nero) altro non fa che accelerare un trend già in atto. Mentre l’osservatore superficiale attribuisce a quell’evento la responsabilità di un forte movimento di mercato, l’investitore intelligente sa bene che il movimento dominante era già ‘partito’ precedentemente ed ha agito di conseguenza. Ma allora che cosa puoi fare, concretamente, per evitare i cigni neri?

Eccoti un paio di consigli utili, specialmente in questi tempi in cui l’imprevedibile è diventato la regola:

  • scegli di investire in ETF che replichino gli indici di borsa e lascia perdere le singole azioni. Un evento isolato che colpisca la società in cui hai investito potrebbe avere conseguenze drammatiche sul tuo portafoglio. Inoltre il titolo in questione potrebbe scambiare il giorno “x” ad un prezzo inferiore rispetto alla chiusura precedente di parecchi punti percentuali. Questo ti metterebbe in grossa difficoltà anche se avessi fissato uno stop loss, perché quest’ultimo sarebbe saltato senza darti la possibilità di inserire l’ordine di vendita. I prezzi delle azioni presentano delle discontinuità più frequentemente di quanto immagini. Gli indici, al contrario, si muovono in modo più continuo
  • quando investi, invece di leggere le previsioni degli esperti, osserva il trend dominante sul mercato che ti interessa. A differenza delle previsioni che sono prettamente soggettive, i trend sono dei movimenti abbastanza oggettivi che non ti daranno la certezza di non sbagliare, ma ti aiuteranno e evitare di prendere cantonate.

Il sito yahoo finanza, per ogni strumento finanziario, ti fornisce un’analisi grafica che ti permetterà con semplicità di individuare la direzione del trend.

Certo, l’ideale sarebbe acquistare e vendere in corrispondenza dei punti di svolta del trend medesimo, ma questa è un’altra storia.

Come sempre ti aspetto nei commenti per leggere la tua opinione o per rispondere alle tue domande. Perché, come c’è scritto nella “mission” del sito sei tu il vero protagonista…

A presto!!

 

Share this

Comments

  • dib309

    Ciao Saver, sono molto d’accordo con la tua opinione.

  • Giacomo

    @ Dib309
    Grazie…

Add your comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Che cosa sono Realmente gli INVESTIMENTI ASSICURATIVI?

Perché le banche amano le polizze vita? Come mai chi le sottoscrive al 99,9% resterà deluso? Gli investimenti assicurativi sono davvero sicuri?
L'ebook omaggio "Investimenti assicurativi? NO GRAZIE" ti insegnerà

  • a difendere i tuoi soldi dalle sanguisughe finanziarie
  • quanto costano davvero le polizze
  • che cosa chiedere subito alla tua banca per non avere "sorprese" dopo