Stop-Loss

Una semplice regola di money management

Conosci a fondo lo stop loss? Approfondiamo questa potente regola di money management

L’utilizzo dello stop loss per come portfolio protection è molto diffuso. Ma sei sicuro di sapere tutto su questo strumento di money management?

Del doman non c’è certezza” scriveva Lorenzo il Magnifico nel lontano 1400.  Lo stesso si può dire delle regole di money management tra le quali lo stop loss rientra  a pieno titolo. La sua utilità non è accettata universalmente,  ma l’utilizzo di questo scudo è in grado di fare comunque la differenza per il tuo “portfolio”.

Per questo motivo, oltre ad essere uno dei tre fondamentali segreti che ti svelo nell’ebook omaggio, sarà l’oggetto del post che stai leggendo. Alla fine avrai la piena consapevolezza che, seppur con dei limiti, l’utilizzo di un tetto massimo per le perdite ti aiuterà a proteggere i tuoi investimenti.

I presupposti del money management

L’idea di fissare una perdita massima raggiunta la quale farai bene a vendere le tue azioni o i tuoi ETF che replicano un indice azionario è molto semplice. La crisi drammatica che abbiamo vissuto pochi anni fa ha dimostrato che non è sufficiente acquistare un paniere di azioni e mantenerle nel lungo periodo per essere al sicuro. Purtroppo i momenti di ribasso dei mercati sono un fattore ineliminabile e le fasi di crollo verticale rendono inutile la diversificazione.

E sai perché? Perché tutti gli indici delle princpiali borse mondiali tendono a muoversi insieme nei momenti di crisi. Fa poca differenza avere nel tuo porafoglio azioni italiane, europee , americane e giapponesi. Le crisi hanno ormai natura sistemica e travolgono tutti. Non solo, ma i rialzi ed i ribassi dei mercati sono fenomeni persistenti. Questo è molto importante, perché sta proprio nella continuità dei movimenti in atto la giustificazione dell’uso di stop loss in grado di evitare che i tuoi soldi evaporino come l’acqua che bolle.

Quando lo stop loss non funziona

Se i prezzi delle azioni si muovessero in modo casuale ed imprevedibile, come gli accademici che sostengono la random walk teorizzano, l’utilizzo degli stop loss sarebbe inutile. Immagina un mercato finanziario molto volatile, composto da azioni che fluttuano in modo selvaggio con una chiara tendenza rialzista. E’ evidente che in queste condizioni il miglior strumento di money management sarebbe il famoso adagio “compra e tieni”.

Sei d’accordo con me? Se tanto la tendenza è a crescere ma le quotazioni si muovono in modo casuale intorno ad un percorso al rialzo, se inserisci uno stop loss rischi di uscire dal mercato e di non rientrarvi più, con la conseguenza che perderai le successive fasi di rialzo. Questa è la teoria. La pratica, come stai per scoprire, è diversa.

Il buy and hold portfolio

Molte persone hanno subito, negli ultimi dieci anni, perdite gravissime a causa di crisi ricorrenti in borsa. Le prime ad essere colpite furono le azioni dei titoli high tech all’inizio del nuovo millennio, ma poi le crisi da sporadiche sono diventate sistematiche con enormi danni agli investitori. Per la prima volta si è visto che non è vero che il lungo periodo è la via di fuga che permette di rendere remunerativo un investimento in azioni. Non è un dogma che le quotazioni degli indici azionari tendono sempre a crescere!!

Per periodi di tempo prolungati le azioni possono scendere e farlo in modo così drammatico che spesso una generazione non è sufficiente per recuperare le perdite patite, senza poi considerare l’inflazione. Non meravigliarti se in questi tempi turbolenti la semplice detenzione di azioni per parecchi anni non è più sufficiente a garantirti la tranquillità come lo era quindici anni fa. Allora era in essere un forte movimento rialzista, oggi la turbolenza e le crisi sono all’ordine del giorno.

L’obiettivo del nostro money management è non perdere!!

Lo stop loss non ci permetterà di guadagnare molti soldi se scatta durante una fase di rialzo dei mercati. Immagina di utilizzarlo una sola volta, magari grazie alla formula di Saver che ti consiglio di applicare SEMPRE. Dopo pochi mesi dalla tua uscita dalla borsa e dalla vendita delle tue azioni… il mercato riparte e tu resti fuori.

So che non è consolante, ma il primo obiettivo di uno strumento come quello che stiamo analizzando è di fornire il giusto compromesso tra rischi e opportunità. Se viaggi in scooter utilizzi il casco. Se non sei mai caduto, hai speso quei soldi per nulla, ma nel caso (toccatina) dovessi cadere, il casco è lo strumento che ti salverà la vita. Allo stesso modo è vero che in presenza di un mercato volatile ma improntato al rialzo lo stop loss rischia di limitare i tuoi guadagni, ma pensa come saresti felice se avessi disinvestito tutti i tuoi impieghi in borsa all’alba della grande crisi!!

Se valutiamo uno strumento con il senno del poi è facile fare un commento sulla bontà o meno dello stesso. Se fossi certo di non cadere dallo scooter non userei nemmeno il casco, che tra l’altro è anche scomodo. Ma sono felice di aver speso i miei soldi per uno strumento che può fare la differenza tra la vita e la morte in caso di caduta.

Ma allora come va fissato uno stop loss?

Questo sarà l’oggetto del prossimo post. Nell’attesa ti ricordo che è disponibile l’anteprima dell’ebook “Salva la tua pensione”.  Non lascerò ancora a lungo il banner in home page per non risultare fastidioso, ma ti consiglio davvero di leggerlo. Se poi avrai la bontà di dirmi che cosa ne pensi ne sarò felice.

A presto!!

Giacomo Saver

Share this

Comments

  • giuliano

    Carissimo Dottor Giacomo Saver,
    una delle prime regole fondamentali è: pararsi il c**o! Detto tecnicamente tutelarsi da ogni possibile guaio possa capitare.
    La tua formula aggiunta ai “radar sempre accesi” coincide con la massima tutela dei nostri sudati risparmi.
    Un caro saluto a tutti!

    • Giacomo

      Giuliano, tu che mi segui da moltissimo tempo sai bene che la semplicità è la regola numero uno per pararsi il bip bip :)
      E lo stop loss è una di quelle regole sacre da rispettare sempre. Io non lo feci anni fa e me ne pentii amaramente!!
      Un caro saluto a tutti!!

Add your comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Che cosa sono Realmente gli INVESTIMENTI ASSICURATIVI?

Perché le banche amano le polizze vita? Come mai chi le sottoscrive al 99,9% resterà deluso? Gli investimenti assicurativi sono davvero sicuri?
L'ebook omaggio "Investimenti assicurativi? NO GRAZIE" ti insegnerà

  • a difendere i tuoi soldi dalle sanguisughe finanziarie
  • quanto costano davvero le polizze
  • che cosa chiedere subito alla tua banca per non avere "sorprese" dopo