Banca Mediolanum: un nuovo conto deposito. Con il trucco?

Si chiama In Mediolanum ed è l’ultimo (per ora) di una serie di conti deposito. Queste le caratteristiche…

L’uomo del cerchio intorno a te torna in scena con un nuovo conto deposito. Banca Mediolanum offre InMediolanum, che paga il 3,50% lordo di interessi. Cerchiamo di scoprirne di più…

In un soleggiato mattino di maggio stavo camminando, rigorosamente munito di giacca e cravatta, per le strade della mia città quando un cartello ha attratto la mia attenzione. Una spiaggia bianchissima, la figura di Ennio Doris di Banca Mediolanum in primo piano e la ‘famosa poltrona rossa’ sullo sfondo. A quanto pare anche la banca costruita intorno a te si è lanciata nel business degli investimenti sicuri. Ma andiamo più a fondo.

Un conto deposito come gli altri?

Il 3,50% e nessuna spesa. A patto di vincolare le somme per un anno. Come mai Banca Mediolanum parte proprio oggi con l’offerta del suo conto deposito? E dietro tassi così elevati che cosa si nasconde? Prima di risponderti vorrei tranquillizzarti. Credo che tu possa aprire, se lo desideri, il conto deposito In Mediolanum senza alcun problema o pensiero.

Il primo consiglio che ti do però è questo: aprilo tramite internet e non recarti presso un Family Banker o, peggio ancora, non richiedere la visita a domicilio di nessun consulente. Tra poco ti dirò il perché. Ancora non sappiamo se in futuro ci saranno delle promozioni riservate alle persone che sono già clienti, come sta facendo ING Direct, ma ora come ora il nuovo prodotto non mi sembra per nulla negativo.

Banca Mediolanum ha bisogno di liquidità?

Il dubbio che nasce legittimo è: “ma non è che Mediolanum ha bisogno di soldi per fronteggiare il momento di crisi e quindi lancia un conto deposito “pericoloso”? Sinceramente non lo credo. Non dimenticare che si tratta di un’azienda che di banca ha solo il nome, in quanto il suo obiettivo è quello di vendere fondi comuni, polizze vita e fondi pensione. Anche da questo punto di vista puoi dormire sonni tranquilli. “Eppure qualche cosa che non mi torna c’è”.
In effetti il lancio di In Mediolanum, a mio avviso, è un’acuta manovra commerciale orchestrata dalla banca per intercettare le disponibilità liquide dei clienti e dei potenziali clienti.

E’ questo il vero segreto che si nasconde dietro l’allettante offerta. Considera il tasso corrisposto, dal punto di vista dell’azienda, come un costo promozionale allo stesso livello della pubblicità. Oggi c’è molta liquidità in circolazione, ma i risparmiatori hanno paura. Grazie all’offerta di un prodotto che il mercato già conosce, Banca Mediolanum, con un tasso di interesse competitivo raccoglierà un sacco di denaro fresco. Fin qui tutto bene. Alla scadenza del vincolo dovrai prestare attenzione…

Il conto deposito diventa un fondo comune

Buon giorno, sono il Family Banker di Banca Mediolanum. Vorrei incontrarla”. Ecco il tipo di telefonata che dovrai aspettarti se sceglierai il nuovo conto deposito. L’azienda ora ha i tuoi soldi su un conto che a lei non rende niente per cui è normale che cerchi di trasferire quella liquidità su un prodotto più remunerativo. Non hai bisogno che ti dica quali, vero?

Ecco perché il secondo consiglio che ti do è quello di rifiutare categoricamente ogni offerta commerciale successiva. Anzi, ti dirò di più. Evita proprio di incontrare il Family Banker. Queste persone sono estremamente abili nel carpire la tua fiducia e nel manipolare la tua mente. E non mollano la presa sino a che non hanno la tua firma su un contratto. Li conosco molto bene, per esperienza diretta, e ti chiedo di credermi sulla parola.

Apri serenamente il conto InMediolanum, ma dì NO a tutto quello che ti proporranno dopo…

Dedicato alla tua sicurezza finanziaria

Giacomo

P.S. Mi aiuti per favore a migliorare i servizi offerti? Dedicami 12 secondi del tuo tempo partecipando al sondaggio che c’è nella home page, in alto a destra. Grazie!!

 

Share this

Comments

  • giuliano

    Carissimo Dottor Giacomo Saver,
    mi dovrei fidare di un personaggio come questo?
    http://www.dm.unito.it/personalpages/scienza/documenti/Ennio-Doris.wmv
    Beh, direi proprio che non ne vale la pena….
    Radar sempre accesi e buon proseguimento a tutti!
    Un caro saluto!

    • Giacomo

      Giuliano, al di là del personaggio, credo che questa volta l’offerta sia interessante. E per quanto Mediolanum sia una ‘one man company’ l’azienda non coincide con la figura di Ennio Doris ;)
      Un caro saluto anche a te!!

  • Claudio

    Come promesso è arrivato l’articolo su cui avevo chiesto lumi! Grazie per la celerità ed i chiarimenti!

    • Giacomo

      Te lo avevo promesso, Claudio e poi credo che l’argomento interessi un po’ tutti :)

  • Alberto

    Ringrazio per l’ottimo articolo e colgo l’occasione per fare i complimenti per questo blog, che seguo quotidianamente con piacere.

    • Giacomo

      Accetto di cuore i complimenti!!
      Lacia però che ti dica una cosa, Alberto. Siete voi: tu e tutti gli altri amici che seguite il blog con affetto a decretarne il successo. Ricevo molte mail alle quali rispondo nel più breve tempo possibile in cui mi vengono mosse critiche costruttive, dati consigli e richiesto il mio parere ed aiuto. Tutto ciò permette alla nostra comunità di crescere e di trovare un luogo in cui le aspettative di tutti sono soddisfatte al meglio.
      Se però nessuno leggesse quello che scrivo, questo blog sarebbe solo una pagina sperduta nel mare magnum di internet ;)

  • Davide

    Buonasera Dottor Saver,
    i nuovi clienti possono aprire il conto deposito online, i vecchi clienti vengono bloccati
    in fase di apertura online e rimandati al family banker.
    Lo scopo e’ duplice: scoprire se i vecchi clienti hanno liquidita’ e quindi farli convincere dal family banker
    ad investirla in modo diverso dal conto deposito. Non credo sia una forma di rispetto verso il family banker che altrimenti vedrebbe perdere la sua figura verso i propri clienti…
    Saluti

    • Giacomo

      Grazie per la segnalazione, Davide.
      Questo conferma quanto già abbiamo detto ossia che occorre essere molto forti e determinati nel pretendere il conto deposito e SOLO QUELLO. Se il Family Banker si ostina e diventa arrogante, come purtroppo è costume diffuso tra i venditori di quella società, lo si accompagna cortesemente alla porta ;)
      Saluti a tutti gli amici che ci leggono!!

      • paolo ongarato

        carissimi,

        io sono un cliente ed ho un Family banker da 1 anno e mezzo e leggere questi commenti A PRESCINDERE DISCRIMINANTI mi fanno riflettere su un sacco di cose .
        1)le persone che sparlano hanno mai avuto esperienze personali?
        2)le persone non sono tutte uguali
        3)ho un sacco di amici/clienti soddisfatti
        4)ho avuto piu consuleza e assistenza 1 anno e mezzo che in dieci presso popolari e bcc
        5)mi pare che internet e i blog ragionino per le persone.
        6)al momento della sottoscrizione i costi mi sono stati detti e penso che se uno lavora debba essere pagato (la gente non lavora gratis) io ho 1 piccolo negozio e ovviamete alcuni prodotti hanno piu margine altri meno (certo che se uno mi chiede una sella non li do dei pedali )
        7)abbiamo condiviso una diversificazione del patrimonio secondo me ottimale.
        i chiaccheroni ci sono in ogni attività STA NELL INTELLIGENZA PERSONALE CAPIRE CHI SI HA DAVANTI.
        Buona giornata

        • Giacomo

          Caro Paolo,
          il mio obiettivo è informare le persone che frequentano il blog, non certo scegliere per loro. Inoltre se hai letto con attenzione il mio post dico chiaramente che a mio avviso il conto InMediolanum è uno strumento di investimento valido. Se mi segui da tampo sai che la mia non è una crociata né contro le banche né contro Mediolanum in particolare. Le banche sono come grandi scaffali nei quali si trova di tutto, l’importante è sapere scegliere i prodotti validi e lasciare quelli scadenti. Se poi tu ti trovi bene con il tuo Family Banker cntinua pure, sono felice per te!!

        • Maurizio

          Caro Paolo,
          Anch’io ho la stessa tua esperienza; ho un family banker preparato che mi ha consigliato un’ottima diversificazione in base alle mie esigenze.
          Le chiacchiere stanno a zero fatte da chi probabilmente non ha soldi risparmiati da investire e non sa di che parlare. Hai ragione questo blog è penoso e fazioso.
          Ti saluto cordialmente

          • Giacomo

            @ Maurizio
            Ognuno parla per esperienza diretta. Il mio obiettivo è quello non di essere fazioso ma di fornire un’informazione completa e indipendente. Se poi trovi questo blog penoso nessuno ti obbliga a frequentarlo…
            Ti auguro buona domenica

  • Igor

    anche Fineco fa una cosa simile con il conto deposito Supersave a 12 mesi: a chi trasferisce liquidità sul suo conto , vengono riconosciuti interessi maggiori rispetto a chi i soldi li ha già sul conto .

    • Giacomo

      E’ vero, con una differenza. I promotori di Fineco, ammesso che uno ce l’abbia perché non è indispensabile, sono meno aggressivi commercialmente di quelli di Mediolanum. Almeno in linea generale…

    • Enrico

      ma il supersave non è un conto deposito bensìì un acquisto di buoni contro termine (in partica come ben spiegato acquisti obbligazioni Unicredit)… vale a dire che i soldi che versi non sono garantiti dal fondo interbancario e, almeno in teoria, sono appesi al teorico rischio in caso di insolvenza dell’emittente…

  • Claudio

    Io ho il conto Fineco da 11 anni. Non una volta sono stato chiamato da un loro promotore per propormi alcunchè! Sulla loro serietà non ho mai avuto dubbi.

    • Giacomo

      Siamo in due :)
      Grazie per la testimonianza!!

    • Francesco

      Una banca che da 11 anni non ti contatta ti pare una azienda seria?
      Se tu hai un azienda o sei un artigiano e hai un cliente non pensi che sia normale e anzi doveroso informarlo e assisterlo? Secondo me considerate le banche come un self service ma non sono questo…certo se tutti i clienti fossero con master alla london school of economics allora non servirebbero nè banche nè consulenti…pero’ finchè c’è chi definisce il supersave buoni contro termine…anziché pronti contro termine….o peggio non conosce la differenza tra un ctz o un CCT…

      • Giacomo

        @ Francesco
        Purtroppo se non sei uno dei clienti “buoni” che sottoscrive i prodotti che convengono alla banca stessa automaticamente passi nel dimenticatoio. So che è tirste ma è così…

  • matrix

    quindi secondo voi, i consulenti sono gente da evitare ?

    • Giacomo

      @ Matrix
      in assoluto i consulenti non sono da evitare. Meglio girare alla larga da quelli che si spacciano tali ma che sono in realtà dei Promotori finanziari pagati dalle banche che danno loro i prodotti da vendere. Questi ultimi sono in palese conflitto di interessi: da un lato dovrebbero fare l’interesse del cliente, dall’altro l’istinto di sopravvivenza li spinge a vendere i prodotti più redditizi per loro e per la banca mandante a scapito del risparmiatore che dovrebbero servire.

  • matrix

    Allora che differenza c’è tra un consulente e un promotore finanziario e come faccio a capire con chi ho davanti ?

    Faccio questa domanda perchè sono da poco diventato cliente e quello che ho letto qui sinceramente mi ha un po’ spaventato !

    ovvero, io sono soddisfatto di quello che ho fatto, ma leggendo questa pagina qualche dubbio mi viene ?

    • Giacomo

      Il consulente è una perona idipendente che non lavora per una banca o una sim ma è al limite pagato da te a parcella. Se la persona con cui parli lavora per una banca non è un vero consulente né può essere imparziale.

      • Roberto

        Caro Giacomo, sono un Family Banker di Banca Mediolanum ed ho letto il tuo articolo sul nostro conto deposito.
        Io svolgo questo mestiere ormai da 10 anni con onesta’ e successo e con la soddisfazione dei miei oltre 200 clienti. Ora quello che non capisco e’ : perché se tu hai avuto una brutta esperienza con un Family Banker ,che altro non e’ che una persona che può avere i suoi pregi e difetti come chiunque , ci debbano rimettere oltre 4000 professionisti che svolgono con onesta’ questa professione??? Hai ghettizzato la categoria  teorizzando che siamo tutti disonesti e abbindolatori , non pensi di aver esagerato? Al contrario ti dico che questa professione oggi e’ fondamentale per non commettere gli errori del passato  e parlo di errori commessi dai risparmiatori acquistando Obbligazioni Parmalat ,Cirio, crack Argentina etc etc, nella maggior parte dei casi spinti all’acquisto dai dipendenti delle strutture bancarie tradizionali che avevano oltremodo conflitto di interessi con le società in fallimento, un caro saluto
        Roberto

        • Giacomo

          Caro Roberto,
          la categoria die Promotori Finanziari è una categoria sulla quale esiste una grande dose di ambiguità. Io non voglio ghettizzare nessuno, tanto meno le persone che, come scrivi tu, svolgono con successo e coscienza questa professione. Voglio solo che sia chiaro che i Promotori finanziari (di qualunque “bandiera”) sono pagati a provvigione sulla base dei prodotti che vendono. Sono dei consulenti in conflitto di interesse e questo è doverso dirlo. Conosco Mediolanum dal 1996 e conosco anche persone che ci lavoravano e che ci lavorano. Non ho nulla contro quell’azienda. Come ho scritto rispondendo a un altro amico lettore, l’obiettivo del blog non è quello di ghettizzare nessuno, ma solo di informare e insegnare a distinguere le cose buone da quelle inefficienti.
          Io stesso sono stato cliente di Mediolanum in passato, quando ho iniziato a riespingere le offerte convenienti solo per il “consulente globale” come si chiamava allora, questo si è inalberato e io l’ho accompagnato alla porta.
          Anche perché secondo lui “chiaramente”, “fondamentalmente” erano tutte occasioni imperdibili. Sapere è potere e saper distinguere i prodotti buoni da quelli scadenti è importante per scegliere e investire bene. Se poi il Famili Banker offre prodotti convenienti per entrambi, per lui e per il cliente, è il benvenuto. Su questo blog e a casa dei clienti!!
          Se io fossi un Family Banker invece di sentirmi punto nel vivo, se ho la coscienza a posto, continuere

          • Roberto

            Come supponevo hai avuto una brutta esperienza con la persona sbagliata.
            Un Family Banker e’ un professionista del settore e un distaccamento di Banca Mediolanum, se vogliamo come una filiale di una Banca Tradizionale ,che vende servizi propri oltre a quelli dello Stato, con l’obiettivo di risolvere le esigenze del cliente , con tutto l’intento di riuscirci dato che solo con la soddisfazione del nostro cliente possiamo continuare a fare questo lavoro perché ogni nostro cliente soddisfatto ci presenta nuovi clienti, al contrario oltre a non presentarci nessuno ci fa anche cattiva pubblicità (sopratutto in piccoli centri urbani come dove abito io).
            Quindi nasce spontanea una riflessione: e meglio farsi seguire da un professionista del settore (cointeressato con il cliente ) oppure da un dipendente ( nella maggior parte delle volte inadeguato) che non ha nessun interesse alla soddisfazione del cliente?? Saluti

        • Enrico

          sono cliente Mediolanu anch’io. Ho avuto ben tre family banker… tutte brave persone ma tutte interessate a vendere i prodotti scarsissimi di banca mediolanum a cominciare dalle polizze sulla vita dalle performance scarsissime e dai costi esorbitanti per poi passare dai loro fondi comuni…. in 17 anni gli unici guadagni che ho fatto con i miei limitati risparmi li ho fatti con il mio prudente “fai da te” mediante altre banche.
          Non c’è un solo prodotto Mediolanum vendutomi in questi 17 anni di cui possa dirmi soddisfatto… poi la banca “intorno a te” è secondo me malata di burocrazia il che per essere una banca on line mi fa pensare… non ho nulla contro la figura del family banker in sè ma questi fanno unicamente gli interessi della banca e soltanto quelli e sono eccessivamente addestrati alle tecniche di comunicazione il che rende la loro azione artificiale e “piazzistica”, tendente a valorizzare soltanto gli aspetti fiunzionali al tornaconto societario piu che giudizi e cosigli obiettivi.
          Poi noto che tutti i prodotti di investimento finanziario targati Mediolanum sono “pesantissimi” per quanto riguarda le quotazioni: si deprezzano in fretta nei periodi di ribasso e non riescono mai a risalire la china e se lo fanno è con tempi biblici.. Per non parlare dei costi di conto corrente…. borbonici… non credo che questa banca abbia vita facile all’estero.

        • Marco

          Ho una collega che ha un family banker e fino ad ora ci ha solamente smenato i suoi soldi. Certo non si fa di tutta l’erba un fascio, ma se un dipendente di quella banca continua a far perdere denaro al cliente, dovrebbe esser la banca stessa a dare un calcio nel fondo schiena al dipendente.

          • Giacomo

            @ Marco
            Il dipendente è solo l’anello finale di una catena e i consigli che dà non sono farina del suo sacco.
            Ogni operatore ha delle direttive precise in merito cosa dire ai clienti e si limita ad applicare quelli.

            Per cui non è la dipendente a dover essere “defenestrata” ma il comitato investimenti della banca :)

  • matrix

    mmmmhhh… be il mio caso è il secondo ? il mio consulente è un Family Banker (cosi c’è scritto sul biglietto da visita Mediolanum) quindi deduco che lavoro per Mediolanum !!!

    ….ma vendendo dalla SanPaolo, posso dire che sicuramente anche quando parlavo con il direttore o con un addetto, la situazione era la stessa ! cioè anche il direttore era uno che lavorava per la sua Banca quindi anche in quel caso c’è il problema di imparzialità !?

    Per essere sicuro di avere dei consigli imparziali devo rivolgermi ad un “INDIPENDENTE” ! se non ho capito Male ?

    • Giacomo

      I Family Banker sono in conflitto di interessi.
      Intendiamoci, non voglio dire che siano tutti quanti protesi a fare il loro interesse, ma il conflitto c’è. Loro guadagnano una provvigione su ogni contratto che tu sottoscrivi e la loro quota è proporzionale al costo che sostieni tu…
      Buon fine settimana!

    • Leo

      La ringrazio per l’articolo, preciso ed esaustivo. Mi terrò ben alla larga da Banca Mediolanum.

      • Giacomo

        Leo, non è il caso di stare alla larga da una banca, ma solo dai prodotti inefficienti che la stessa propone!! Il conto deposito a mio avviso è un buon strumento per investire i tuoi soldi.

  • matrix

    Ho capito !!! anche se ho un mio punto di vista, e mi spiego:

    Anche il mio medico di fiducia è in conflitto d’iteresse, lui è un professionista che potrebbe consigliarmi sulla base del suo interesse e non della mia salute…. lui potrebbe x esempio dirmi di seguire una dieta, anche se non ne ho bisogno, oppure fare delle continue visite, analisi e dei controlli anche se non ne ho bisogno …. quindi potrei fare lo stesso discorso anche degli avvocati e quindi di tutti i professionisti….

    Secondo me la cosa da fare è una sola, non affidarsi subito e completamente, ma nemmeno chiudersi a riccio, magari dare la propria fiducia e verificare che sia ben riposta.

    Io ad oggi sono soddisfatto e se volete vi tengo informati ?

    • Giacomo

      Se vorrai tenerci informati sarai sempre il benvenuto!!

      • Simone

        Caro dott. Giacomo qual’è il prodotto migliore per investire a breve termine(1 anno)?

        • Giacomo

          @ Simone il modo migliore oggi è scegliere un conto deposito vincolato che, oltretutto, non pagha nemmeno il bollo. Puoi scegliere il conto Mediolanum, Conto Arancio o Che Banca a seconda della possibilità di aderire ad una promozione (dove prevista) e del rendimento. Buon investimento!!

  • matrix

    Io ho fatto Mediolnum e fin’ora è andato tutto Bene !
    Il famili banker è tranquillo, ogni tanto mi manda qualche mail, e tutto procede come presto ….

  • Simone

    Dott. Giacomo grazie inanzitutto per avermi risposto, io sono già titolare di un Conto Arancio, e sono incerto se investire su Borsa Protetta. Cosa ne pensi? Grazie.

    • Giacomo

      “grazie inanzitutto per avermi risposto”, ma scherzi? E’ dovere e piacere per me rispondere a tutti coloro che mi scrivono…
      Secondo me Borsa Protetta non è un prodotto efficiente. E’ vero che non paghi commissioni di ingresso, ma quelle di gestione non sono a buon mercato. Io non sottoscriverei un prodotto simile…

      • Simone

        Tra Conto Mediolanum e Che Banca cosa scelgo! o ci sono altri prodotti con commissioni di gestione più vantaggiose? grazie

        • Giacomo

          Io sceglierei Mediolanum se poi te la senti di respingere le avances dei Family Bankers…

          • Alessandro

            Caro Giacomo, sinceramente non capisco perchè le persone devono tenersi alla larga dai Family Banker? Perchè sono in conflitto di interesse con i prodotti che fanno sottoscrivere? Allora dobbiamo evitare anche i dentisti, guadagnano sui materiali che utilizzano per sistemare i denti… Credo che il consiglio giusto per le persone sia quello di appurare che il Family Banker, come qualsiasi altro professionista di qualsiasi rete sia davvero tale. Mi spiego meglio: ognuno di noi ha esigenze temporali e personali differenti, un buon consulente deve capire quali sono e aiutare la persona ed il suo nucleo familiare a mettere in piedi una buona pianificazione finanziaria, diversificando nel breve medio e lungo periodo, ed evitando rischi elevati (come obbligazioni di singole banche, che purtroppo molti hanno nei depositi titoli) o improduttivi (parcheggio sul conto corrente o conti deposito al 1,5% – 2%, quando l’inflazione è il 2,6/2,8.. per fortuna ora sta calando ma ha ridotto il potere d’acquisto di molte persone). Il consiglio di stare alla larga dai Family Banker è pessimo, così come è pessimo il Family Banker che invece di fare l’interesse del cliente fa solo i suoi interessi tramite sottoscrizione di prodotti con elevate provvigioni senza che il cliente abbia tempo di recuperarle, o magari con un prodotto a lui inadeguato. Ultima info: i Family Banker guadagnano anche e soprattutto dalle masse in gestione, perciò non è detto che la sottoscrizione di fondi comuni sia sbagliato a priori. Se avesse la possibilità di sottoscrivere un fondo obbligazionario che mediamente le da il 4,5% lordo annuo (nel 2012, anche 6%, 8%) e le è costato un 1% di sottoscizione iniziale ed ha il suo portafoglio in oltre 1.000 titoli, aiutandola a dormire sonni tranquilli sempre e comunque, le dispiacerebbe? Soprattutto ora che i rendimenti sono crollati!! Grecia e Cipro insegnano che occorre avere dei professionisti accanto (seri!) perchè quando poi arrivano le scoppole (Lehmann, etc) è tardi. Le uniche figure da cui stare alla larga, sempre e comunque sono i quaquaraqua!! Buon Lavoro. Un Family Banker di Banca Mediolanum

          • Giacomo

            @ Alessandro
            La ringrazio anzitutto per essersi qualificato. E’ evidente che tutti vendiamo qualche cosa. Io ad esempio vendo la consulenza indipendente e il materiale di formazione che troverà su questo sito. Il punto, secondo me, è che la vendita di OGGI deve basarsi sull’arricchimento di entrambe le parti. Ora, posto che i fondi Mediolanum sono inefficienti (la invito a dimostrarmi quali prodotti battono il proprio benchmark replicabile con i normali ETF) mi domando come mai il cliente dovrebbe pagare così tanto in termini di commissione di gestione.

            I fondi “stellati2 come dite voi sono disponibili anche senza balzello di ingresso, basta essere un minimo accorti. Il vero vantaggio che dà un promotore finanziario è l’asset allocation, ma a meno di avere professionisti davvero preparati il risultato finale che il risultato finale per il risparmiatore sarà inferiore a quello ottenibile facendo da sé.

            Tutto questo discorso vale in generale nei confronti dell’intero sistema bancario. Quindi la prego di non considerarlo né un attacco verso la banca per cui lavora né verso la Sua persona. Concludo dicendo che conosco bene Mediolanum perché anni fa feci la tesi di laurea sulla sua azienda e studiai approfonditamente anche il modello commerciale particolarmente ‘aggressivo’. La saluto caramente e ricambio gli auguri di un buon lavoro.

            Come dico spesso ‘il sole sorge per tutti’ e sono certo che con la sua professionalità smentirà appieno le critiche che ho mosso nei confronti delle ‘banche di investimento’.

          • Alessandro

            L’aggressività che sicuramente lei ha studiato nella sua tesi di laurea appartiene al passato ed ad una piccola parte della vecchia guardia che non ha ancora cambiato atteggiamento e visione. L’azienda da anni si è messa in discussione per crescere e migliorare. Da un recente sondaggio dell’Abi, risulta che i clienti di Banca Mediolanum siano tra i piu soddisfatti sul mercato. Naturalmente su 4.500 professionisti qualche persona che esce dalle righe ci sarà sicuramente, che non vince insieme al cliente tutti i giorni, anche. Ma è fisiologico. Non mi sentivo attaccato dalle sue parole, le ho viste come non del tutto imparziali, probabilmente sbagliando, ma ho avuto piacere di intervenire perché sono certo che il suo ed il mio lavoro, finalizzato a migliorare la consapevolezza delle persone dal punto di vista finanziario sia un ruolo fondamentale. Ma con fermezza le confermo la mia contrarietà al fai da te. Ognuno deve fare il suo lavoro. Lo diceva anche Giovanni Falcone:’ per vivere in una società migliore basta che ognuno faccia il suo lavoro con serietà e professionalità’. Come me operano e lavorano tantissimi colleghi in Banca Mediolanum e lo confermano anche gli interventi di alcuni clienti in questo suo spazio. Buon Lavoro.

          • Giacomo

            @ Alessandro
            Avevo intravisto un altro suo commento in cui indicava un fondo dalle buone performance ma non lo trovo più. Se è stato cancellato per errore, potrebbe gentilmente reinserirlo? Grazie…

  • PIero

    Incassare il 4% loro parcheggiando al sicuro il proprio denaro? E’ ancora possibile, ma bisogna fare in fretta: così come scende il costo del denaro stabilito dalla Banca centrale europea, diminuiscono anche i rendimenti dei principali strumenti per la gestione della liquidità. E’ il momento di passare ad un conto deposito come forma di investimento personale. Basti pensare che un italiano su 10 sta pensando seriamente ad utilizzare un deposito vincolato per investire i risparmi di una vita! Quale investimento più sicuro?
    http://www.TuttoSuiPrestiti.it

  • mark

    ma fatemi capire una cosa ,
    state parlando del prodotto INMEDIOLANUM o state parlando delle persone ?
    credo siano due cose differenti.
    Credo (ma correggetemi se sbaglio) che il conto deposito INMEDIOLANUM funzioni a prescindere dalle persone.
    Se apro questo conto deposito e mi danno il 3,50 lordo , me lo daranno sia che lo apra direttamente con Ennio Doris in persone, sia che lo apra con un family banker che ha iniziato ieri ..

    o SBAGLIO ?

    • Giacomo

      @ Mark
      Non sbagli!! Ed infatti InMediolanum è l’unico prodotto della casa che io consiglio :)

  • Roberto

    da oggi INMediolanum 3,75% a 12 mesi (2,73% netto)

    • Giacomo

      @ Roberto
      Grazie per la tua segnalazione!

  • Rosario

    Io uso Rendimax e mi trovo benissimo, 3,80% per vincoli ad un anno. La cosa positiva è che non fanno distinzioni tra nuovi e vecchi clienti

  • Simone

    Gentlissimo Dott. Giacomo,

    Le chiedo gentilmente una Sua opinione sul prodotto Iw power 6+6.
    Ho un pò di liquidità da investire e, tra i vari conti deposito, mi sembra quello più remunerativo nel breve tempo (1 anno).
    Quali rischi si possono correre con questo tipo di investimenti?

    La ringrazio fin da ora per il tempo che mi vorrà dedicare.

    • Giacomo

      @ Simone
      Credo che sia un’ottima alternativa per cifre modeste, sotto i 5.000 euro. Il 4% lorod offerto da IWBank si traduce nel 2,92% effettivo netto inferiore al 3,06% pagato da Che Banca sui pronti contro termine a dieci mesi. Per quanto riguarda la sicurezza stia sereno. IWPower è sicuro, perché non credo proprio che IWBank avrà problemi di solvibilità.
      Se ha ancora bisogno di me sono a sua disposizione!!
      Un caro saluto.

  • Claudiosim

    Salve ho letto tutti i post di questo articolo, e siccome sarei interessato ad aprire il conto su mediolanum , vorrei avere una vostra conferma, se posso procedere o meno a fare questo conto.
    Quello che io so è che si ha per un anno il 3.75% sulle somme depositate , che non si paga nulla (zero spese). Ma mi ha un detto un mio amico che non si paga nulla se si ha sul conto almeno 10.000 euro all’anno, altrimenti si paga circa 40/60 euro, questo è vero ?

    E poi ho anche intensione di farmi la carta, ma su questo nn so nulla, chi mi illumina ?

    Spero di avere una vs risposta e nell’attesa vi auguro una buona giornata a tutti.
    Grazie anticipatamente.

    • Giacomo

      @ Claudiosim
      Come puoi leggere tu stesso sul loro sito:
      https://www.inmediolanum.it/static/adPros/home.html
      L’apertira e la gestione del conto sono gratuite. Credo che le tue informazioni siano riferite al conto Freedom che è un conto corrente remunerato, ma non al conto deposito.

  • Claudiosim

    @Giacomo
    Quindi mi confermi che è il 3,75 (lorfo) e che non si paga nulla, cioè se vado in qualsiasi banca nn ho nessuna commissione ?
    Sai ti dico questo perchè uno mi ha detto che nn si paga mai nulla da nessuna parte, ed uno invece mi ha detto che se ho un tot sul conto nn pago ma se ho meno di quel tot pago come ho detto sopra sulle 40/60 euro all’anno.
    Grazie ancora e buona giornata.

    • Giacomo

      @ Claudiosim
      A me non risulta che tu debba pagare NULLA all’infuori del costo del bonifico che devi fare presso la tua banca e verso il tuo nuvo conto. Ma affinché tu sia davvero sicuro, scrivi una mail alla Mediolanum e chiedi conferma del fatto che non ci sono costi, poi stampala e tienila come prova nell’improbabile caso in cui ti chiedessero dei soldi :)
      Così sarai tranquillo nella maniera più assoluta.
      Il conto InMedioalnum, essendo un deposito e non un conto corrente, non prevede carte di pagamento.
      Ciao

      • Matteo

        Arrivo in aiuto.
        Ti confermo che se parliamo esclusivamente del Conto Deposito “InMediolanum”, esso è COMPLETAMENTE gratuito. Ti dico questo perchè io l’ho attivato ad inizio anno. Per tutto il resto (carta compresa) si fà riferimento al conto corrente della Mediolanum, ma questa è un’altra storia.
        Buona continuazione.
        Matteo

  • Claudiosim

    Ah dimenticavo, e per la carta che mi sai dire , smp gentilmente?

  • Claudiosim

    @Giacomo
    Se vai sul loro sito: https://www.inmediolanum.it/static/adPros/home.html# e cliccando su ZERO SPESE, che cos’è ?
    Cmq le banche della mediolanum quali sono?
    ORa gli scrivo a loro, vediamo cosa mi dicono.
    Nel frattempo grazie ;)

  • Leonardo

    Ciao. Ho letto con interesse fin qui.
    Anch’io sto valutando l’apertura di un conto deposito con Mediolanum, visto che offre il 3,75%, pari al 2,73 netto, che oltretutto da gennaio diventerà il 3, 06% netto (per effetto del recento decreto che abbassa la tassazione sui c/c).
    Tale offerta risulta effettivamente migliore di molte altre (es.CheBanca, 3,50%), ma peggiore della neonata Banca Sistema (che per attirare i clienti offre ben il 4,25%, cioè 3,10%netto).
    Prima domanda: anche il renidmento netto delle altre banche, inclusa BancaSistema, aumenterà a gennaio 2012 per effetto della diminuzione delle tasse sui c/c? (Suppongo di sì, ma al telefono quelli di BancaSistema non hanno saputo dirmelo. Se sì, il loro tasso netto aumenterà dunque analogamente arrivando a 3,43%?)
    Seconda domanda: ci si può fidare di una banca appena nata come BancaSistema (che poi a quanto pare ha dietro Banco di Sicilia e Royal Bank of Scotland) ??
    Terza domanda: nè Ennio Doris nè il Berlusca godono di un grammo della mia stima. Ad ogni modo, il family banker di Mediolanum mi ha detto che Berlusconi ormai ha solo il 5% di Mediolanum, mentre Doris ha il 51. Wikipedia parla invece di 35%(gruppo Fininvest) e 40% (Doris). Sapete mica chi ha ragione?
    Quarta ed ultima: tra i prodotti addizionali che tu, Giacomo, sconsigli di accettare dai family banker c’è anche il c/c (standard o freedom)? Detto altrimenti, se uno apre un conto deposito con Mediolanum, gli consigli di aprire solo quello, o anche il c/c ?
    Grazie delle info, sono un valido aiuto a orientarsi e ragionare meglio!!
    Leonardo

    • Giacomo

      @ Leonardo
      La riduzione dell’aliquota sui conti deposito riguarderà tutti i prodotti di tutte le banche. Ma penso la festa durerà poco, perché gli istituti ribasseranno il tasso lordo per drenare il vantaggio fiscale. Questo forse non accadrà subito ma poco alla volta è lecito pensare che le banche reagiranno nel loro interesse. Se i tassi al livello di oggi vanno bene, perché dare di più grazie alla minore tassazione?
      E’ una mia idea, ma penso abbia una sua logica…
      Una banca appena nata offre le stesse garanzie di una secolare.
      Per quanto riguarda l’azionariato di Mediolanum ho trovato questo:
      http://finanza.lastampa.it/quotazioni/MTA,AFMED/MEDIOLANUM.aspx?tab=psoc
      Io consiglio la sola pertura del conto deposito. Lascerei perdere il conto Freedom che ha una franchigia al di sotto della quale le somme impiegate non sono remuerate.

  • Fabio

    Salve, ho letto tutto con molto interesse e grazie per le attenzioni che offre per noi utenti bancari.
    Sono correntista mediolanum e mi trovo bene; ho aperto un conto deposito con loro e credo che sia tra i più vantaggiosi se non addirittura il migliore. Condivido mokte cose che lei ha scritto ma non capisco una cosa. Perchè ci consiglia di rifiutare tutti i prodotti che un family banker ci offre? A cosa devo fare attenzione? A me non dispiace che mi si propongano prodotti di ogni tipo; è ovvio che cerco di aprure gli icchi, chiedo quali sono i costo ed i ruschi. O forse dovrei aver paura di essere preso in giro? Cosa mi consiglia di attenzionare maggiormente delle loro proposte? Non mi risponda di metterli alla porta in quanto in conflitto di interesse perchè lo sappiamo ma come loro anche le banche classiche in parte lo sono.
    Grazie per la risposta

    • Giacomo

      @ Fabio
      Se fai una ricerca con Google ti rendi subito conto che la maggior parte dei prodotti Mediolanum è molto cara e presenta rendimenti deludenti.
      D’altro canto la disponibilità del FB che viene a trovarti a casa la sera deve pur essere ricompensata in qualche modo. Per questo motivo e per esperienza diretta (alcuni miei clienti avevano sottoscritto prodotti Mediolanum) ti consiglio di girare alla larga dai prodotti gestiti offerti da questa società.

      Buon fine settimana a tutti

  • Simone

    Salve,

    vorrei ancora disturbarla per chiederLe questa volta un Suo parere sul prodotto Rendimax.
    I tassi di rendimento sembrano molto alti, ma sono realmente così sicuri come dicono soprattutto vedendo il periodo in cui stiamo vivendo?
    Ho letto che Banca IFIS S.p.A. aderisce al “Fondo Interbancario Tutela Depositi” che garantisce i depositi di ogni cliente fino a 100.000 euro, per effetto del D. Leg. n. 49 del 24 marzo 2011, ma questa è una reale sicurezza per chi investe in questo momento di crisi globale? I miei soldi sono realmente al sicuro o, in qualche maniera, qualcosa si rischia sempre?

    La ringrazio in anticipo per la risposta che vorrà darmi.

  • Landolfo

    Salve,

    ho letto fin qui tutti i precedenti commenti, e li ho trovati interessanti.
    Ora anche io avrei una domanda da porle in riferimento alla crisi attuale. Ovvero, nell’eventualità di crollo dell’euro, quindi della moneta tutta, quali sarebbero le conseguenze per tutti i piccoli e grandi risparmiatori? Personalmente ho un c/c Freedom di Mediolanum e mi sono sempre trovato bene. Ma ora mi chiedo, se si prospettasse il peggiore scenario, ovvero quello del fallimento dell’euro…cosa ne sarebbe dei miei risparmi? Cosa ne sarebbe di tutti i risparmi in valuta euro? Se si arriva al punto di non ritorno, di non solvibilità dell’Italia, Grecia, ecc….se questi debiti non possano più essere onorati… cosa ne è dei soldi dei cittadini italiani? Dei fondi pensione? Dei conti correnti in generale? Dei conti deposito? Dei c/c banco posta? Dei libretti di risparmio? Chi rischia di più in questo momento? Chi di meno? Mi sembra ci sia fin troppa reticenza nel affrontare questi argomenti e come sempre zero rispetto e zero informaizone trasparente nei confronti dei cittadini e di tutti questi piccoli risparmiatori e lavoratori che sono la vera forza di questo paese.

    Spero che vorrà e potrà rispondere alle mie domande, che sono sicuro, sono di interesse di tutti.

    La ringrazio sin d’ora e le auguro una buona giornata

    • Giacomo

      @ Landolfo
      Se l’euro finisse si ritornerebbe probabilmente alle monete nazionali. Ci sarebbe un’inflazione enorme, una cirsi economica forte, la Germania non sarebbe più la locomotiva dell’area euro perché il Marco si rivaluterebbe moltissimo penalizzando le esportazioni.

      L’Italia andrebbe in default, probabilmente fallirebbero molte banche italiane che detengono il nostro debito pubblico, oppure si scatenerebbe un’iperinflazione causata dall’emissione di nuova “lira” da parte della Banca d’Italia.
      Insomma, sarebbe una crisi senza precedenti che porterebbe a mio avviso anche la guerra civile.
      Ma non credo arriveremo a questi livelli…

  • chiara

    buongiorno signor Giacomo,
    io ho il conto deposito di mediolanum e sinceramente mi trovo bene per il momento.. ma volevo chiederle un’altra cosa.seconde lei il prodotto “capital new” potrebbe essere un buon prodotto? stavo considerando l’idea di “crearmi” una pensione dato che credo proprio che quella dello stato non la vedrò nemmeno….
    la ringrazio
    Chiara

    • Giacomo

      @ Chiara
      Io eviterei assolutamente quella polizza, di tipo Unit Linedk, costosa e inefficiente.
      Ci sono altri modi, più economici e sicuri, per crearsi una pensione integrativa.
      Per qualunque dubbio o domanda sono lieto di aiutarti!!

  • salvatore

    Salve vorrei raccontare la mia esperienza ed avere un parere da Giacomo: sono cliente Mediolanum e onestamente comincio a non fidarmi più del family banker che dopo avermi fattoinvestire 15000 euro in pronti contro termine con rinnovo automatico in conto In mediolanum Plus PCT evolution, ero tranquillo di questo investimento. Oggi sono andato in agenzia per altri motivi e mi dice che l’investimento eseguito a luglio 2011 non è andato a buon fine….e me lo dice ora???????? e se non fossi andato in agenzia????? siamo a gennaio 2012. Mi propone un altro investimento nuovo non ricordo onestamente il nome dicendomi che il precendete non lo fanno più e non è conveniente…sent puzza di bruciato.

    • salvatore

      ah si ora ricordo conto deposito in mediolanum…che faccio???? se mi proprone altre cose non accetto vero?

    • Giacomo

      @ Salvatore
      Diciamo che i pronti contro termine, per i Family Banker e per tutti i promotori finanziari, sono specchi per le allodole.
      Si tratta di prodotti civetta che non rendono nulla ed hanno solo l’obiettivo di raccogliere denaro fresco offrendo un tasso competitivo. Poi, una volta che ti avranno dimostrato che la promessa è stata mantenuta, inizieranno a proporti fondi e altre ‘cosine’.
      Evidentemente il tuo pct non è stato seguito dal FB che si è limitato a passare l’ordine senza tenere conto di eventuali anomalie successive.
      Stai certo che se avessi sottoscritto una polizza o un pac tutto sarebbe filato liscio.
      Cogli la palla al balzo per salutare il tuo consulente e inizia ad operare da solo seguendo i consigli che trovi nel blog e nel materiale di formazione disponibile!!
      In bocca al lupo!!

  • stefano

    Vorrei aprire un conto deposito e pensavo a Conto Arancio per diversificare visto che mia moglie ha già CheBanca da anni e si trova bene. Mi sono informato un po’ su internet e mi sembra di avere visto cose più o meno positive. Qualche anno fa però ho avuto modo di conoscere una persona che lavorava nel settore finanziario che mi aveva consigliato di stare alla larga da Ing Direct. Mi daresti un tuo consiglio. Grazie.

    • Giacomo

      @ Stefano
      Utilizzo il conto arancio dal 2001 e non sono per nulla preoccupato. L’unica cosa che occorre è fare attenzione alle scadenze delle promo, perché ing non sempre offre tassi interessanti. A quel punto i soldi ‘volano’ altrove :)

  • Egidio

    Buongiorno Giacomo,

    ho letto con attenzione tutto i commenti del blog. Vorrei gentilmente soffermarmi sul discorso sicurezza dei conti deposito. Sarei curioso di leggere una suo risposta alla domanda fatta da Simone il 24 settembre scorso sul discorso Fondo di Tutela dei depositi. Si tratta di una garanzia reale in caso di fallimento di un gruppo bancario aderente? Ipotizzando ovviamente che non fallisca tutto un sistema economico nazionale perché le conseguenze sarebbero inimmaginabili…
    Glielo chiedo perché sto valutando l’apertura di un conto deposito. Ormai quasi tutti gli istututi bancari permettono di rendere disponibile la somma di un conto deposito remunerata ad un tasso base che varia dall’1 al 1,50%. Il rendimento annuale più remunerativo è il 3,40 % netto.
    Se di fatto la tutela sotto i 100000 euro è reale ed il capitale non è di fatto vincolato non vedo rischi, ma solo opportunità…E’ così?

    Ringrazio anticipatamente per la risposta

    • Giacomo

      @ Egidio
      Ho scritto un post sul funzionamento del fondo interbancario che sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito.
      A tuo beneficio te lo riassumo in anteprima in modo schematico
      1) la criticità del fondo interbancario risiede nel fatto che esso non ha una patrimonialità ma è un consorzio che ‘obbliga’ gli aderenti a prestare mutuo soccorso alla banca in difficoltà
      2) se dovesse fallire una banca grande i fondi non sarebbero sufficienti
      Ciò nonostante i conti deposito sono sicuri, perché in caso di dissesto di una banca prima del fitd interverrebbero la Banca d’Italia e la BCE per salvare (a costo di emettere moneta nuova) l’istituto in difficoltà.
      Un abbraccio e complimenti per la costanza nel leggere tutti i commenti :)

  • Chicco

    Da 7 anni seguo ed utilizzo i conto depositi, nutrendo tanta diffidenza negli agenti/intermediari!Circa un mese fa ho trasmesso via internet la documentazione necessaria per l’apertura del conto deposito InMediolanum. Dopo aver eseguito il bonifico (ultima settimana di dic 2011) mi giunge una telefonata dalla centrale, dicendomi che mi dovevo recare presso una filiale Mediolanum per sottoscrivere il contratto davanti un Family Banker. Prendo appuntamento con il Family Banker, sottoscrivo il contratto davanti a lui e mi garantisce che entro 2-3 giorni avrei ricevuto via posta la documentazione con i codici di accesso per visualizzare i miei soldini. Purtroppo ancora non ho ricevuto nessun codice d’accesso e la cosa inizia ad infastidirmi e non poco. Ovviamente ho telefonato ulteriormente al Family Banker, che mi ha tranquillizzato sul fatto che avrò brevemente i codici.

    Vi chiedo:
    1) Sul contratto (che ho letto e riletto 30 volte) dove sta scritto che debba essere associato un Family Banker? IngDirect e ContoConto non prevedono questa figura. Al momento ho speso 10 euro di gasolio per recarmi alla filiale Mediolanum, 2 ore di pazienza, i soldini che avrei potuto maturare da 1 mese a questa parte e sta aumentando la diffidenza.

    Voi come vi comportereste?
    i) Ritirare immediatamente i soldi?
    ii) Aspettare ulteriori giorni?
    iii) Raccomandate o altre forme?

    Grazie in anticipo per una Vs risposta.

    • Giacomo

      @ Chicco
      Il conto deposito è uno specchietto per le allodole che serve a mettere il cliente in contatto con il Family Banker in modo che quest’ultimo possa poi cercare di rifilargli fondi e polizze.
      Fino a che non hai ricevuto i codici non puoi operare sul tuo conto deposito, per cui esso resta ‘inattivo’.
      Io farei un reclamo via mail a Mediolanum (trovi l’indirizzo all’interno dei fogli informativi analitici che puoi scaricare da internet) e aspetterei la risposta.
      Tanto tenere il conto in ‘stand by’ non costa nulla quindi non proccuparti!!
      Al massimo se entro un paio di settimane non ottieni risposta fai una lettera in carta semplice a Mediolanum in cui chiedi la chiusura del conto.
      E non dimenticare di mandare il reclamo in copia anche al Family Banker (chiedigli la mail). In questo modo si muoverà più velocemente!!
      Un caro saluto

  • giosue'

    Salve a tutti
    io vorrei aprire un conto deposito? mi potreste consigliare tra banca mediolanum , conto arancio,rendimax?
    A me interessa solo conto deposito e niente arltro nemmeno il contocorrente.
    Grazie

    • Giacomo

      @ Giosuè
      Dipende dalle cifre che hai a disposizione. Se hai parecchia liquidità puoi sceglierne più di uno, al limite anche tutti.
      Se la tua disponibilità è modesta (diciamo intorno ai 10.000 euro per scendere nel concreto) opta per quello che ha interessi più elevati.
      Ciao!!

  • alberto

    Buonasera Giacomo,
    ho letto con attenzione l’articolo ed il thread di commenti…proprio in virtù dei tassi vantaggiosi stavo valutando l’apertura di un conto deposito InMediolanum. Navigando in rete ho però appena scoperto Conto Forte – http://www.contoforte.it – che sembra molto più vantaggioso: interessi a salire dal 3,75 al 4,5% sul capitale vincolato per periodi tra i 90 e i 365 gg, ma soprattutto un 3% lordo sul capitale non vincolato…hai qualche informazioni di rilievo per cui questo prodotto non dovrebbe essere sicuro/affidabile?
    Ciao e grazie!

    • Giacomo

      @ Alberto
      In linea di massima tutti i conti deposito sono sicuri grazie all’intervento congiunto di BCE e del fondo interbancario com epuoi leggere qui:

      http://www.segretibancari.com/formazione/ecco-perche-il-tuo-investimento-in-banca-e-sicuro/

      In particolare le banche medio piccole come quella che offre il conto deposito da te segnalato dovrebbero, paradossalmente, avere meno problemi di quelle grandi grazie anche ad una maggiore presenza sul territorio e una ridotta esposizione a operazioni di “finanza spericolata”.

      La concorrenza si fa sentire, e una volta tanto ciò va a vantaggio del risparmiatore. Penso che tu possa aprire il contoforte serenamente. Se i soldi in ballo sono molti per una maggiore tranquillità diversifica :)

  • marco

    Ho il conto Inmediolanum da Giu. 2011 e finora solo un paio di sms dal Family B., ma pur avendo aperto il conto via web ho dovuto passare dal Family B.: è la prassi della banca.
    Saluti, Marco.

    • Giacomo

      @ Marco
      Grazie della segnalazione. Fin tanto che il FB ratifica le volontà del cliente va tutto bene. L’importante è non cadere nella tentazione di sottoscrivere fondi o polizze :)
      Un abbraccio fraterno

  • marco

    … scusate dimenticavo: si passa dal Family B. x il cosiddetto riconscimento de visu.
    ciao.

  • Social Network

    Ottimo Articolo…

    Il tuo articolo mi è stato d’aiuto,grazie…

  • Lucille

    Gentile Giacomo,

    mi scuso innanzi tutto perchè uscirò un po’ fuori argomento.
    Nei giorni scorsi ho accompagnato i miei genitori (già clienti Mediolanum) a un incontro col loro family banker, in quanto, a seguito della vendita di un immobile, avevano deciso con parte della somma ricavata di aprire un conto deposito InMediolanum. Telefonicamente il family banker aveva appoggiato la loro decisione, invitandoli a recarsi in agenzia, ma una volta che ci siamo trovati lì ha tentato di dissuaderli dal depositare l’intera somma sul conto deposito, consigliandogli di investirne almeno il 75% in obbligazioni estere. Questo, a suo dire, metterebbe i loro risparmi al sicuro da possibili svalutazioni dell’Euro. Effettivamente trovo che sia stato un po’ aggressivo e ora i miei genitori sono molto preoccupati e indecisi. Non si sentono sicuri a investire in obbligazioni estere, ma allo stesso tempo temono di trovare tra un anno i loro risparmi svalutati.
    Mi farebbe piacere avere un suo parere a riguardo.
    La ringrazio sin d’ora per la sua risposta.
    Lucille

    • Giacomo

      @ Lucille
      Purtroppo l’aggressività commerciale è parte del bagaglio culturale dei FB Mediolanum.
      Il consiglio che le ha dato, condivisibile in linea teorica, è da scartare sul lato pratico. Ritengo inadeguato consigliare a persone con una bassa propensione al rischio una diversificazione valutaria che presenta dei rischi di oscillazione del tasso di cambio.

      Immagini che l’euro si rivaluti nei confronti delle valute inc ui le presunte obbligazioni sono denominate… Ciò implicherebbe delle perdite in conto capitale.

      Piuttosto diversificate tra più onti deposito. Oltre a InMediolanum ci sono anche INGDirect, CheBanca, Contoconto e molti altri:

      http://www.aduc.it/articolo/conti+deposito+2012+cosa+nuovo_19876.php

      Se avete dubbi, lei e i suoi genitori, sono lieto di aiutarvi.
      Buona settimana!!

  • Lucille

    Grazie Giacomo!

    E’ quello che un po’ pensavo anch’io… Fortunatamente ero presente e ho invitato i miei genitori, impauriti dagli scenari totalmente negativi sul futuro dell’Euro e sul destino finanziario dell’Italia dipinti dal FB, che dava loro come unica scappatoia dalla crisi qualla di – cito testualmente – portare i capitali all’estero per vie legali acquistando obbligazioni, a prendere un po’ di tempo per riflettere.

  • Marco

    Buona sera , vorrei aprire un conto corrente con carta di credito e pensavo al conto standard… leggendo un po’ mi son venuti dei dubbio, ma davvero non conviene?

    • Marco

      Naturalmente con mediolanum

    • Giacomo

      @ Marco
      Mediolanum è complessivamnte una banca molto cara. Per il conto corrente io sceglierei altre banche on line molto più economiche ed altrettanto (o rose maggiormente) efficienti.

  • Marco

    E tra le banche non on line? Hai per caso qualche banca da suggerirmi?
    grazie mille!

    • Giacomo

      @ Marco
      Mi sembra interessante l’offerta del conto BNL Revolution, a patto di non eseguire troppe operazioni allo sportello :)

  • Simona

    Salve,
    vorrei r chiedere un Suo parere sul prodotto Rendimax.
    I tassi di rendimento sembrano molto alti, ma sono realmente così sicuri come dicono, soprattutto vedendo il periodo in cui stiamo vivendo? Posso fidarmi? Ho da sempre lasciato tutti i miei risparmi nella banca Intesa- San Paolo, ma sto valutando la possibilità di aprire un Conto Deposito per avere interessi sicuri.
    Rendimax mi ha fatto una buona impressione.
    Lei cosa mi consiglia?

    Grazie!

    • Giacomo

      @ Simona
      Rendimax è un conto deposito molto efficiente. In pochi giorni Banca Ifis ti manda il contratto a casa e i rendimenti sono allettanti.
      Due ‘piccoli svantaggi’:

      a) Banca Ifis finanzia le imprese di medie-piccole dimensioni attraverso lo smobilizzo di crediti commerciali (Factoring). Questo la espone a rischi particolari in questa fase economica.
      b) non è possibile svincolare anzitempo le somme impiegate.

      Utilizza pure Rendimax, ma in abbinamento con un altro conto deposito per diversificare e no ‘andare pesante’ nel metterci i tuoi soldi. Pericoli non ce ne saranno ma la prudenza non è mai troppa :)

      • Simona

        Grazie mille!
        ….dato che sarebbe la mia prima esperienza di un Conto deposito, a questo punto penso che opterò per il tanto reclamizzato conto Arancio, che mi sembra più tranquillo, in tutti i sensi! Preferisco la prudenza! ;)

  • maury

    salve,volevo informazioni sul conto deposito a 24 mesi di banca sistema.grazie

    • Giacomo

      @ Maury
      Il conto deposito di BancaSistema è un semplice conto vincolato a 24 mesi con la possibilità di smobilizzo anticipato delle somme impiegate con la perdita degli interessi maturati nel frattempo.

      Banca Sistema è attiva nella concessione di credito ad imprese mediante la formula del factoring il che a mio avviso la rende ‘delicata’.

      Cari saluti

  • Frank

    Salve, volevo un suo parere sul conto di deposito bccfor web. Ho sempre tenuto i miei risparmi su Conto Arancio che pero’ ora offre tassi molto bassi. E’ per questo che sto meditando di trasferire tutto sul conto deposito della bcc di fornacette (20mila euro). Posso fidarmi? Cosa mi consiglia? Grazie.

    • Giacomo

      @ Frank
      Non conosco bene il conto bccfor web, ma in linea di massima tutti i conti deposito sono sicuri. Se una banca fosse in difficoltà interverrebbe dapprima il fondo interbancario di tutela e poi la banca d’Italia imponendo ad una banca terza di salvare quella in difficoltà.
      Può quindi aprire serenamente il conto e investire i suoi risparmi…
      Cari saluti.

  • Selene

    Buongiorno Giacomo,
    Sono stata cliente Mediolanum quest’anno con un conto deposito al 3,75 lordo su 12 mesi, mi sono trovata bene.
    Ora il tasso, essendosi abbassato naturalmente al 3% ho fatto qualche ricerca. Mi ha comunque contattato il Family B per propormi il 4,25, ma sarei dovuta andare da lui per la non possibilità di gestire il cambio “online”.
    La seconda mia scelta sarebbe la BBC FOR WEB che al momento sulla cifra che investirei mi farebbe il 4,5% lordo vincolandoli 18 mesi, solamente che mi sembra una piccola banca e non ne conosco l’affidabilità.
    Entrambe hanno liquidazione trimestrale che è una cosa che mi interessa per poter utilizzare subito gli interessi senza pero’ che là cifra investita cali il suo tasso.
    Due domande:
    _Ho letto che ora Mediolanum fa pagare il bollo al cliente: di quanto si parla? È una percentuale della cifra investita?( in BBC for web la paga la banca)
    _ mi posso sentire tranquilla a ri aprire un conto deposito (ed essendo forte a scegliere solo quello col Family B) con Mediolanum che benché mi dia un tasso minore mi sembra piu affidabile?
    La ringrazio infinitamente per le risposte in anticipo

    • Giacomo

      @ Selene
      Buon giorno carissima… Se riesce ad ottenere il 4,25% sul conto deposito senza passare attraverso la sottoscrizione di prodotti gestiti allora va benissimo, se invece l’offerta è condizionata al fatto di aprire una polizza o un fondo è meglio lasciare perdere.
      L’imposta di bollo è dello 0,10% con minimo 34,20 euro per l’anno in corso e dello 0,15% dal 2013 in avanti.
      Può tranquillamente fidarsi di Mediolanum che è del tutto affidabile. Le banche piccole come quella da lei citata sono anch’esse affidabili – in linea di massima – grazie alla copertura del fondo interbacncario di tutela dei depositi.
      Tra le due io sceglierei Mediolanum, così da dormire sonni assolutamente tranquilli se proprio non vuole avere nessun pensiero.
      Per qualunque cosa sono a sua disposizione…

  • Giovanni

    Buonasera Giacomo,

    volevo chiederle info in merito ad un prodotto della mediolanum che ho sottoscritto qualche mese fa. Il prodotto in questione è una compravendita di titoli denominate certificate CPUSA3 di cui il titolo è SP 500 INDEX. Sostanzialmente dovrei ricevere delle cedole ogni 3 mesi con importo lordo annuo di circa il 7%. La mia prima domanda che desidero porle è la seguente: secondo lei è un titolo affidabile? e poi ci sono possibilità che questo titolo raggiunga l’evento barriera? Tenga presente che la durata del “contratto” e di sei anni. Grazie mille per la disponibilità e le auguro buona serata

    • Giacomo

      @ Giovanni
      Pur non scendendo nel dettaglio del singolo titolo (cosa che richiederebbe uno studio più approndito), le dico in tutta onestà che questo tiolo non è affidabile. Lo è dal punto di vista dell’emittente (Mediolanum è sicura come banca) ma non dal punto di vista del funzionamento.
      Tenga presente che se l’evento barriera sarà toccato (cosa imprevedibile ma di certo possibile), il capitale alla scadenza non sarà più garantito. I certificati sono scommesse inique dove, in termini probabilistici, è sempre il “banco” a guadagnare.

      Lo tenga presente per la prossima volta…

      Cari saluti!!

  • Alberto

    Ciao Giacomo, senti io sono intenzionato ad aprire un conto deposito, al quale il capitale iniziale non c’è. Quindi partirei con una somma mensile di 200€ – 400€ per 5 o 10 anni, devo valutare.
    Ora vorrei sapere quale sarebbe la miglior proposta con il miglior tasso netto e soprattutto senza nessun rischio.

    Grazie in anticipo…

    Cari Saluti

    • Giacomo

      @ Alberto
      Caro Alberto, è praticamente impossibile sapere quale sia il miglior conto deposito in assoluto, perché dipende dalle tue esigenze e dall’orizzonte temporale. Per quanto riguarda il rischio, praticamente tutti i conti sono sullo stesso piano, grazie all’esistenza del fondo interbancario di tutela.

      Una prima indicazione, per valutare il conto più adatto alle tue esigenze può essere questa classifica:

      http://investire.aduc.it/articolo/conti+deposito+ultime+novita+dell+anno+2012_20949.php

      Facci sapere e buone feste!!

  • silvye

    Salve,potrei dire la mia sug’ investimenti?
    Ho letto che qualcuno considera i family banker fineco molto soft,ma e’ solo una impressione personale:in verita’ sono proporzionali alla fame di pecunia ke anno,pertanto fineco mediolanum sono sovrapponibili.Ho avuto una brutta esperienza con un banker fineco:mi sono ritrovata ad investire 50.000 euri ,il tipo nn mi ha specificato ke li stava mettendo in una polizza decennale,ho firmato,fidandomi delle sue dcerie,e bum al ritiro la sorpresa.
    Con questo vorrei dirvi d’informarvi bene,piuttosto se solo un x cento di perplessita’ rimandate,ma siate lucidi essenzialmente,quando investite.Ci sono un sacco di cialtroni in giro.Un saluto a ttt.

    • Giacomo

      @ Silvye
      Non ci sono banche migliori di altre. Quando si tratta di promotori finanziari sono tutti sullo stesso piano. La differenza è fatta dalle persone e non dalle banche, ma a monte c’è il solito conflitto di interesse. Non ripeterò mai abbastanza che i promotori finanizari sono VENDITORI pagati a provvigioni.

      Si tratta di una categoria particolare di agenti di commercio: invece di girare per i negozi a proporre abiti per l’infanzia vendono fondi e polizze, ma la dinamica è esattamente la stessa. Proporranno sempre e solo quello che conviene a loro.

      L’antidoto è molto semplice: EVITARLI come la peste. O nel migliore dei casi prendere tempo e analizzare attentamente ogni cosa che propongono prima di firmare. Questo vale per tutti i promotori di qualunque banca essi facciano parte.

      Un caro saluto!!

  • Antonella aka yashi

    Salve, vorrei da lei un consiglio perchè è da un pò che sono in dubbio du un “investimento” che ho fatto con banca mediolanum; l’anno scorso è nata mia figlia e con mio marito abbiamo deciso di tenerle un cresciconto, è venuto un family banker, amico di amici, e ci ha proposto il premium plan new edition…questo: http://www.bancamediolanum.it/premiumplan.html
    Abbiamo optato per la modalità PAC, con versamento iniziale di 1200€ e successive quote da 100€. la tipa ci ha detto che alla fine il capitale sarebbe stato rivalutato considerando anche la rivalutazione ISTAT, invece io mi trovo già a pagare rate da 105€… (ISTAT+ 3 punti) :(, inoltre dietro mia insistenza che volevo vedere NUMERI mi ha mandato un prospetto “PAC LIFE FOUNDS” che quantifica l’investimento versamento finale lordo di 19.200€ e un importo liquidabile di 31.250€ fra 180 mesi. Ci devo credere, o mi conviene interrompere ora questa polizza perdendo “solo” sulle 600€? la ringrazio se vorrà essermi d’aiuto

    • Giacomo

      @ Antonella
      Il FB le ha raccontato una bufala. L’accantonamento è fatto in una polizza unit linked, ossia che investe in fondi di fondi, come può leggere lei stessa nel link che mi ha fornito. Inutile dire che da ciò deriva una duplicazione di costi, vero? Il punto dolente però è un altro: le polizze unit linked, prorpio perché investono in quote di fondi, non possono garantire nulla alla scadenza, tantomeno un capitale rivalutato per l’inflazione.

      Interrompa subito la polizza e se la penalità di riscatto non è troppo elevata, ritiri tutto e riprenda il controllo dei suoi soldi.
      Un caro saluto!!

  • Alessandra

    Ciao Giacomo… Scusa il disturbo ma volevo un tuo consiglio :) ho 21 anni e volevo iniziare a “mettere da parte” qualcosa :) quindi aprire un conto deposito, ogni mese versare una piccola somma (100/150€) e tra qualche anno poter prelevare quanto messo da parte e allo stesso tempo usufruire di un buon interesse! Grazie :)

    • Giacomo

      @ Alessandra
      Se le somme in ‘ballo’ sono modeste ti consiglio di aprire un libretto postale. In questo modo non pagherai l’imposta di bollo di 34,20 euro che ha il suo peso su capitali inferiori a 20-30.000 euro. Per qualunque cosa sono a tua disposizione :) A presto!

  • Mauro

    Buongiorno,vorrei essere consigliato su una surroga di un mutuo.un FB e’ venuto a propormi una buona offerta di cambio mutuo se passò a mediolanum,poi mi ha presentato i prodotti di vari assicurazioni… Dato che sono al corrente di una “multa” di diversi milioni di euro che mediolanum deve pagare,non so che fare…..

    • Giacomo

      @ Mauro
      Sono spiacente di non poterti aiutare amico mio, ma non mi occupo di mutui. In bocca al lupo.

  • giuseppe

    buomgiorno giacomo ho letto i tuoi consigli è li ho trovati molto utili e scrupolosi io mi trovo in una situazione di stallo dovuto dalla situazione attuale del nostro paese nell’ultimo anno ho investito in conti di deposito ma adesso sono 1 mese che sto fermo voglio precisare che la cifra dell’investimento non è poco ma non è neppure tanto tu cosa mi consigli di fare è se mi consigli di investire in conti di depositi quali per te sono i piu convenienti è sicuri ti saluto in attesa di una tua risposta

    • Giacomo

      @ Giuseppe
      Secondo me i conti deposito più sicuri sono ‘i soliti noti’: Che Banca, Rendimax (con prudenza), contosuibl e conto arancio. Non posso dare qui indicazioni precise di investimento non conoscendo la tua situazione. Ma sarò lieto di aiutarti se mi contatterai.

  • Daniele

    Salve, sono stato messo in contatto da una amica con un Family B. di Mediolanum per l’apertura di un conto deposito. Lei dice di trovarsi benissimo, pur avendo solamente un conto corrente e non un conto deposito. Stessa realtà per un altro amico, medesima situazione, solamente conto corrente. Io il conto ce l’ho presso Unicredit da un ventennio, filiale con la quale ho un ottimo rapporto e mi trovo benissimo. Vorrei tuttavia depositare una cifra iniziale di 20.000 euro in un conto deposito ben remunerato, mi sembra di leggere bene sul deposito Mediolanum, altre soluzioni a suo avviso?
    Grazie anticipatamente, saluti Daniele C.

    • Giacomo

      @ Daniele
      Il conto deposito va benissimo, a patto di fermarsi lì e non seguire i consigli per gli acquisti successivi (le verranno di certo proposti i fondi e le polizze velenose). Se si limita al solo conto deposito va bene.

  • Daniele

    Salve Giacomo,
    mi chiamo Daniele e ad oggi ho un piccolo risparmio personale di circa 20.000
    euro. Entro la fine dell’anno aumenteranno fino a diventare 50.000 per un
    incentivo all’esodo che sto percependo dalla Ditta presso la quale ero
    dipendente. Ho chiesto un poco in giro, il mio Istituto Bancario, Unicredit,
    con il quale ho un ottimo rapporto anche fiduciario mi ha consigliato di aprire
    un conto deposito presso un onlineBanking, quella di mio maggior gradimento….
    Boh, l’ho trovato strano, tuttavia mi garantivano che ad oggi è il modo più
    sicuro e remunerativo per i miei risparmi. Un paio di conoscenti mi dicono di
    trovarsi bene con la Banca Mediolanum dove hanno un conto corrente in essere e
    me l’hanno consigliata. Ho contattato un Family Banker, la quale dopo una visita mi ha
    consigliato di aprire un conto deposito ottenendo un interesse netto pari al
    2.80% o eventualmente di diversificare una piccola parte di questa cifra con un
    fondo obbligazionario così da ottenere con la somma degli interessi dei due
    conti un maggior profitto…….Che ne pensa? Ha qualche consiglio da darmi a
    tal proposito?
    La ringrazio anticipatamente.
    Saluti Daniele

    • Giacomo

      @ Daniele
      Credo che il suggerimento di aprire un conto deposito sia azzeccatissimo. Medioanum di per sé va bene, ma tenga presente che è un prodotto civetta. I FB iniziano a vendere un prodotto semplice e conveniente come il conto deposito, ma presto inizieranno a suggerirle di diversificare ed allora, come per magia, appariranno i soliti fondi comuni e le polizze.

      Per questo motivo la invito caldamente a limitarsi ad usare solo il conto deposito ma a declinare ogni offera successiva che le sarà fatta. Un caro saluto.

  • Gianluca

    Salve Giacomo,
    Il mio FB di mediolanum, mi ha consigliato di aprire un conto deposito,per diversificare un po’ i risparmi che detenevo solo sul conto corrente.
    Io pero’ ho visto il conto corrente delle poste denominato”bancopostaclick” che mi sembra interessante!
    Lei personalmente cosa ne pensa dato che ha la stessa remunerazione di interessi uguale a quello di mediolanum? E’ un buon prodotto?Mi posso fidare?
    La ringrazio
    Saluti Gianluca

    • Giacomo

      @ Gianluca
      Può assolutamente fidarsi della Posta. Io anche per diversificare il rischio aprire il conto Bancoposta e lascerei perdere il Mediolanum. Un caro saluto.

  • Daniele

    …anche Rendimax offre un tasso d’interesse molto interessante, sicuramente più alto di Mediolanum. Che ci si possa fidare?

    • Giacomo

      @ Daniele
      Sì ma con una certa cautela. Mi spiego. Banca Ifis – che sta ‘dietro Rendimax – è attiva nel factoring. In pratica concede finanziamenti alle imprese medio piccole dietro cessione di crediti commerciali non ancora scaduti. Ora, poiché la crisi sta picchiando duro proprio inquel settore, è facile immaginare che l’attività di Banca Ifis sia ‘delicata’. Non sto dicendo che la banca non sia solida, per carità, ma di certo non andrei troppo pesante nel metterci i miei soldi.

      Una parte (max 30.000) va bene, oltre eviterei. Un caro saluto e buona settimana.

  • Filippo

    Io ho attivato entrambi i C.D. in tempi diversi , ed abbandonato rapidamente il Mediolanum, dopo la prima ” sola” del cortesissimo Family Banker, una Polizza PAC ” United linked ” sanguisuga , costatami il 10% del capitale versato dopo 3 anni , pur di uscirne , e ne sono contento. …Grazie Giacomo.

    Oggi mi trovo molto bene con il Rendimax, ….ed inoltre ricordo a tutti , che i tassi civetta promozionali del conto deposito Mediolanum , da sempre , sono validi solo per la ” nuova liquidità”, ..non sono un esperto ma mi sembra di capire che finito il primo anno di vincolo , per gli stessi soldi nuovamente vincolati, quel vantaggioso tasso , te lo puoi scordare… a meno di non immettere sul conto altri soldini freschi , quelli sì con il rendimento ” premium”….corretto ??

  • Daniele

    Gentile dott. Giacomo,
    sono capitato per caso su questo blog e mi sono letto con attenzione tutte le richieste degli utenti e tutte le sue, sempre cortesi devo dire, risposte. Le faccio una premessa, importante. Io di mestiere faccio il Direttore di Banca e, in questa veste, vendo ai miei clienti (naturalmente principalmente tramite i miei collaboratori che si occupano di gestione del risparmio) i prodotti che la Banca mette a punto e/o i prodotti intermediati per conto di altri players di mercato. Fatta questa premessa e considerato il filo rosso che lega pressochè tutte le sue risposte, le chiedo: ma qual’è il soggetto – bancario e non – che “tratti” il risparmio delle famiglie e che non operi in regime di conflitto di interessi? Naturalmente la risposta è: NESSUNO! E allora?
    Lei ha mai trovato una commessa che lavora nel negozio X che le abbia consigliato di comprare le scarpe nel negozio Y? O un venditore del concessionario BMW che le abbia mai detto “guarda che la Mercedes è meglio!” Perchè questo? Perchè entrambi operano in conflitto di interesse, cioè traggono in qualche modo guadagno (stipendio e/o provvigloni) dal venderle prodotti che la loro Società dice loro di vendere.

    Tornando al risparmio, le risposte che lei indica, mi pare di capire, siano sostanzialmente due, anzi tre
    1) il fai-da-te
    2) la consulenza finanziaria indipendente
    3) i prodotti di risparmio di breve termine (tipicamente i conti deposito)
    Analizziamole brevemente.
    1) Il fai-da-te, è oramai dimostrato, è la formula meno efficiente per investire e quella che, storicamente, espone gli investitori ai rischi più alti. Si badi bene non parlo solo di mercato azionario, ma anche di obbligazioni e titoli di stato. Un esempio per tutti: la volatilità impressionante che ha contraddistinto negli ultimi anni i corsi dei BTP! Domando a lei e a tutti gli altri utenti del forum, se io avessi investito tutto in BTP prima della crisi e, all’apice della stessa, mi fossi trovato nella necessità di vendere? Con prezzi caduti di oltre 10/15 punti percentuali, come mi sarei sentito? Mi sarei consolato con le cedole percepite fino a quel momento? Non credo proprio!
    2) è vero, la consulenza finanziaria indipendente opera senza conflitti di interessi. Peccato però che il consulente si fa pagare, dal cliente. Il quale, pertanto, oltre ai costi che la sua Banca/promotore gli impone sulle operazioni consigliate dal consulente, si ritrova anche il costo della consulenza stessa. Sarà mai questa consulenza tanto efficiente da ripagarne i costi? Io qualche dubbio se permette, ce l’ho.
    3) D’accordo, i conti deposito vanno bene, ma guardi che nella mia esperienza la clientela li apprezza per periodi abbastanza brevi (tipicamente come forma di investimento transitoria) ma poi si orienta su altro. Ed è su questo “altro” che si fa la differenza.

    Concludo ritenendo il suo “accanimento” verso Mediolanun (verso cui non nutro alcun interesse, essendo mio concorrente), mi pare un po’ eccessivo. In quella Società, come in tutte le manifestazioni della vita, ciò che conta sono le persone, le relazioni. Se un promotore guadagna tanto sulle operazioni che mi prospetta, ma contemporaneamente è trasparente con me, mi consiglia bene e, non meno importante, fa guadagnare anche me, dovè il problema?
    Se l’operazione che mi propone il gestore della Banca tal-dei-tali fa guadagnare la Banca ma anche me, dov’è il problema?
    Guardi che gli operatori di mercato stanno capendo molto in fretta che i clienti non sono solo limoni da spremere (come, diciamocelo, avveniva non molto tempo fa) ma asset fondamentali da salvaguardare, ed ora i prodotti di risparmio gestito venduti/collocati stanno andando in questa direzione. Io pertanto non demonizzarei per principio il risparmio gestito nè tantomeno quegli operatori, come la bistrattata Mediolanum, che fanno del risparmio gestito stesso il loro core business.
    Mi scuso se mi sono dilungato troppo ma mi sembrava opportuno puntualizzare anche questo punto di vista.
    Cordialmente.
    Daniele

    • Giacomo

      @ Daniele
      La ringrazio per il lungo intervento. E’ tutto corretto quello che scrive:
      a) il fai da te è pericoloso, non c’è dubbio. Ma esiste l’antidoto: la formazione finanziaria. Una strada in salita che comporta costi, ma che offre dei risultati come possono testimoniare le persone che, anche grazie a questo sito, hanno raggiunto livelli più elevati di consapevolezza finanziaria;
      b) la consulenza indipendente. Costa, certo. Ma il costo viene recuperato interamente grazie al fatto che né Marco né io proponiamo fondi o altri prodotti high cost. Consigliamo le obbligazioni, individuando le migliori, gli ETF e i prodotti postali e facciamo rotare pochissimo i portafogli. Inoltre contrattiamo le commissioni di negoziazione e chiediamo ai clienti di andarsene da banche troppo esose.

      Non siamo né perfetti né filantropi, ma nel nostro piccolo (come testimoniano le 3.000 persone che ogni giorno leggono questo blog) diamo un valore aggiunto ai risparmiatori che troppo spesso cadono in pericolose trappole. Tanto di cappello ai bancari e promotori onesti tra i quali mi sento di annoverare anche lei, che ha avuto il coraggio e la pazienza di leggere i miei articoli e di lasciare il suo gradito contributo.

      Se vorrà ancora restare qui tra noi sarà sempre il benvenuto. Un caro saluto e un augurio di buon lavoro.

  • anna

    salve giacomo,
    leggendo ho constatato e confermato gli apprezzamenti di tutti gli altri utenti, ovviamente mi aggiungo a questi!
    volendo essere più sintetica possibile, prospetta la mia situazione tipo, cercando ulteriore consigli che potrebbero essere in questo momento preziosi. Ho 20000 euro da investire, più altri che da questo momento in poi vorrei mettere da parte ( tipo 10000 euro all’anno). Motivo per cui sono titubante nel dover scegliere questa o quella banca è non solo la solidità e il tasso che queste offrono, ma anche la durata, nel senso ho visto in questi gg che BNL a 12 mesi dà il 4%, e IBL e CHE BANCA stanno dai 2,75 ai 3, 50 vincolati. Siccome mi sto perdendo in tutti questi miseri conteggi, e visto che la mia intenzione sarebbe quella di custodire questi soldi, per potermi tra un paio di anni sposarmi, le chiedo umilmente/ gentilmente un suo arere o consulenza a riguardo. saluti e buon lavoro.

    • Giacomo

      @ Anna
      Sono io che faccio i complimenti a Lei per la sua scelta e per il coronamento del vostro sogno di amore. Detto ciò io le consiglio di usare un solo conto deposito, per evitare di pagare troppe volte l’imposta di bollo, e stare su IBL banca. A mio avviso rappresenta un ottimo compromesso tra rendimento o sicurezza. Oppure – se sa con certezza che non spenderà i suoi soldi prima di due anni – i buoni postali indicizzati all’inflazione. Tenga però presente, in questo caso, che un rimborso fatto prima che siano trascorsi 18 mesi dall’investimento implicherebbe la perdita degli interessi ed il rimborso del solo capitale investito.
      Per qualunque sua domanda sono qui e le rispondo sempre volentieri.

  • Marcello

    Buongiorno Sig Giacomo
    Ieri mi sono incontrato con un Family Banker, mi ha consigliato subito un fondo comune estero (o in alternativa delle obbligazioni) per tutelarmi dalla possibile manovra di un PRELIEVO FORZOSO che il Governo potrebbe attuare nel giro di 6-8 settimane con tassi che possono raggiungere addirittura il 10-15% per conti correnti o deposito sopra i 100.000!!!
    Lavorando nel campo finanziario ritiene molto probabile che questo evento possa verificarsi nel giro di questo arco di tempo (la segnalazione in rete però è del 23 Aprile quindi un paio di settimane se ne sono già andate…), sembrava pure convinto del tasso onerovo che avrebbero applicato… in base ad un rapporto debito / deficit o PIL … mi ha anche tranquillizato dicendomi che sono ancora in tempo per diversificare i miei risparmi aprendo un conto presso di loro, escludendo però il conto deposito perchè non è sicuro per la somma che dovrei versare (oltre i 100.000).
    All’inizio mi sono spaventato molto, non so se è stato un modo per affrettare la conclusione di un contratto o un consiglio di parte, anche se quello che è successo a Cipro è realtà… devo dire però che, secondo me, prima di un prelievo forzoso, dovrebbe esserci la richiesta di finanziamento da parte dell’Italia al FMI (come successo a Cirpo) e da qui come garanzia del prestito un prelievo forzoso.
    Mi sono informato subito in rete e qualcosa di vero c’è, solo che l’unico riscontro che ho trovato sono voci di prelievi forzosi che vanno dallo 0.50% (in pratica si alza l’attuale tasso dell 0.15% previsto per il 2013) fino ad un massimo del 3%. Altri siti dicono tra il 6% e il 10%, Dalla Germania un politico tedesco ha suggerito addirittura un 15%!
    Sono fondate tutte queste voci? Perchè il Famili banker non mi ha parlato di altri prodotto non soggetti a PRELIEVO FORZOSO (in base dell’esperienza di Cipro) quali BOT, CCT e tutti i titoli a garanzia dello Stato pur sapendo che io preferivo qualcosa di sicuro e meno remunerativo!?
    Grazie per l’attenzione! ..non vorrei gettare panico tra i lettori
    Marcello

    • Giacomo

      @ Marcello
      Il modo con cui hanno dato per scontato un evento che scontato non è, la dice lunga sulla disonestà dei Family Banker Mediolanum. Questi soggetti non si limitano a dire che ci sarà un prelievo forzoso, ma addirittura danno anche una tempistica dell’applicazione della tassa e una misura del prelievo. Poi – dopo aver fatto leva sulla paura del risparmiatore – offrono la soluzione: la sottoscrizione di un loro scadente fondo di investimento.

      Credo che se avesse le prove documentali di quello che ha affermato questa persona ci sarebbero gli estremi per una denuncia all’Albo ed alla Consob. Ma lasciamo perdere…

      NON CASCHI NELLA TRAPPOLA. Nessuno può dire se ci sarà o meno il prelievo forzoso. Io stesso ho detto che ‘è poco probabile’ che ci sia, ma non posso avere certezze. Chi le ha e le gira a suo vantaggio è fuor di dubbio in malafede!!

      Amici, fate tutti molta molta molta attenzione al comportamento dei vostri consulenti. Sono disposti a tutto pur di prendere i vostri soldi e succhiare commissioni alle vostre spalle!!

      • Alessandro

        @Marcello @Giacomo

        Gent.mo Giacomo io userei il singolare: ha dato per scontato (quel Family Banker) un evento che scontato non è. Sono pienamente d’accordo nel dire che è complesso, forse improbabile, sapere se verrà effettuato un prelievo forzoso anche in Italia. Eviterei ‘la disonestà dei Family Banker Mediolanum’, una frase inappropriata!

        Caro Marcello, premetto per correttezza che sono un Family Banker di Banca Mediolanum, da quanto lei ha scritto credo di aver capito che ha una somma superiore ai 100.000 in liquidità e che visto il caso Cipro vorrebbe mettere al riparo da rischi di prelievo forzoso (qualora dovesse accadere). Se ho capito bene lei vuole anche qualcosa di estremamente sicuro, indipendentemente dal rendimento, cioè anche rendimento ridotto va bene purchè stabile e sicuro. Giusto? Il conto deposito le è stato sconsigliato. probabilmente, perchè il prelievo forzoso (ripeto: improbabile secondo me, come secondo Giacomo, ma io e Giacomo possiamo sbagliare) è avvenuto sulle liquidità dei conti correnti e conti di deposito superiori ai 100.000. Perciò qualora avvenisse lei subirebbe una perdita.
        Perchè non le ha parlato dei titoli di Stato Bot, CCT, etc? Probabilmente per due motivi: 1) i rendimenti bassi, tolta l’inflazione le farebbe avere un rendimento negativo in termini reali. 2) sul ministero dell’economia e finanza troverà un interessante decreto legge (il signor Giacomo glielo confermerà) per cui i titoli di Stato Italiani emessi dal 1 gennaio 2013 sono soggetti alle famose cac (clausole di azione collettiva), cioè lo Stato può rinegoziare durata e tasso d’interesse se in difficoltà (vedi Grecia..). Gliel’ho semplificato un po’ ma potrà approfondirlo con calma. Perciò se vuole un consiglio, anzichè puntare su un titolo singolo, di un singolo Stato, punti su tanti titoli di Stato di tanti Stati, e questo lo può fare solo con un fondo comune d’investimento. Naturalmente dev’essere un fondo a bassa volatilità, senza azionario. Ma ad oggi è lo strumento più sicuro ed efficiente in rapporto a rischio/rendimento. Sia chiaro che la parentesi sulle cac non significa che ritengo l’Italia a rischio fallimento, ma ripeto tra stare sicuri e stare un po’ più sicuri, lei che preferisce? Spero di essere stato chiaro, sarò ben lieto di continuare la conversazione sia con lei che con il sig. Giacomo. Buona giornata e Buona Vita.

        • Giacomo

          @ Alessandro
          Posso cortesemente chiederle un esempio concreto di fondo efficiente a bassa volatilità migliore dei CCT? Gleilo chiedo perché in questo modo, nel prosieguo della nostra conversazione potremo entrare nel vivo dell’analisi. Grazie per la sua presenza qui che testimonia che anche gli stessi Consulenti sono attenti alla formazione ed informazione finanziaria.

          • Alessandro

            Per esempio un fondo valido, stabile e con bassa volatilità potrebbe essere il Solidity e Return. Volatilità 3%, rendimento ultimo semestre 2,5% annuo. Rendimento 2012, 6%, tra cedole staccate e guadagno in conto capitale. Inoltre, se il cliente dovesse avere urgenza di una parte dei soldi, o tutti, in 5/6 giorni lavorativi sono sul conto. Quindi altro vantaggio la liquidabilita’. Il valore è infatti espresso in quote e il cliente può sempre e comunque vendere la quota parte di cui ha bisogno. Il CCT in caso di rialzo dello Spread e delle aste,potrebbe subire una flessione in conto capitale, vista la fase che stiamo vivendo. E se il cliente con il CCT ha un’urgenza e deve vendere proprio nel momento in cui i tassi soo risaliti? Subisce una perdita in conto capitale.. E non è detto sia così ridotta. Potrei nominare altri fondi che fanno molto bene, diversificati e che hanno in pancia, 522 titoli, 2670 titoli, 9008 titoli, che fanno meglio dei benchmark e che sono diversificati in tutto il mondo. Il fai da te è un consiglio di parte. Un bisturi in mano ad un chirurgo può salvare la vita, in mano a me o lei posso togliere la vita. Concordo con lei sul fatto che le persone debbano essere attente sui costi di sottoscrizione e sulla validità degli strumenti. Se mi vendi una panda al costo di una Mercedes ti metto una croce sopra che neanche i nemici ti faccio più avvicinare. Ma il consiglio è, per ogni cliente, di parlare con sincerità al proprio family banker sui propri obiettivi, sui propri sogni e sulle proprie risorse, cosi da mettere il professionista, se è tale, di fare al meglio il suo lavoro. Senza remore. Si vince tutti i giorni insieme. Buon Lavoro

          • Giacomo

            @ Alessandro
            Il fondo Solidity & Return in effetti ha dato buone performance e di questo occorre prendere atto. Così come è giusto far notare che le commissioni di ingresso sono ‘accettabili’. Io personalmente preferisco investire solo in fondi che abbiano una lunga storia alle loro spalle.

            Come insegna il buon Taleb, poiché è “più semplice comprare e vendere azioni che friggere un uovo” è altresì complicato distinguere tra abilità e fortuna nella gestione di un fondo di investimento. Ad ogni modo direi che le premesse sono buone e la ringrazio di nuovo per il suo intervento e per aver riscritto quel commento che inavvertitamente avevo cancellato.

            In bocca al lupo!!

  • riccardo72

    Salve ho 160.000 euro, adesso gli ho sul conto corrente mediolanum, 1.44 tasso di interessi netto, mi hanno proposto il conto deposito 12 mesi 2.44 tasso di interesse netto, ovviamente stanno cercando di abbinarmici investimenti vari con cedole etc…che io sto lottando con un po di fatica per dire No. Mi sono preso tempo fino ad agosto, anche perche mi da noia quando insistono per venderti un prodotto a tal punto son quansi tentato per questo di togliere tutto e mettere in una altra banca, ma una volta tolto tutto dove li metto? Avrò un tasso uguale o maggiore e nessuno che cercherà di vendermi prodotti per forza? Grazie. Aspetto un vostro cosiglio se lasciarli o destinarli in altra banca.

    • Giacomo

      @ Riccardo
      Io non lascerei i soldi a Mediolanum che è una delle banche più care in assoluto e che ‘marcia’ vendendo fondi e polizze costose. Se desidera ricevere consigli personalizzati la invito ad usare il servizio apposito cliccando sul link “consulenza” in alto a destra. Un caro saluto…

  • Valentino

    Io ho diversi fondi a cedola con un rendimento di solo il 5-6% annuo, con Mediolanum , e un mutuo con uno spread che mi è’ stato ridotto nel 2008 dalla banca a 0.90 % quando i tassi erano altissimissimi, ed è’ rimasto tale tutt’ora. Mi chiedevo quale banca ora mi può offrire di meglio, preoccupato da tutte queste dichiarazioni sopra dichiarate. VOGLIO CAMBIARE BANCA! Non mi fido!

    • Giacomo

      @ Valentino
      Purtroppo Mediolanum è una delle banche più care in assoluto per ciò che riguarda gli strumenti finanziari. Credo che se la abbandona per passare a Fineco o Webank ha solo da guadagnarci :)
      Un caro saluto e a presto!!

  • Francesco

    Buongiorno a tutti,
    Sono arrivato a metà pagina di commenti, e da ex promotore mediolanum non posso che essere COMPLETAMENTE d’accordo con il Dr. Giacomo.
    Sono uscito dal “cerchio” mediolanum per un semplice motivo, come hanno scritto nel post “sono bravi a carpire la tua fiducia” io, ritenendomi una persona onesta, ho studiato i prodotti, ho visto la sconvenienza e non ne ho proposto nemmeno uno nonostante mi richiedessero informazioni in merito. Ovviamente come sottolineava Giacomo per risposta ad un commento, noi siamo l’ultimo anello della catena, e non avete idea di quello che costantemente ogni giorno subisce il FB (ho subito anche io) da parte dei capistruttura (per quello poi si abbatono le migliaia di telefonate incessanti sui clienti) , partendo sempre dalla “convinzione” che ogni qualvolta esce un prodotto… E’ IL MIGLIORE IN ASSOLUTO. Valutando sopratutto questo e NON MANGIANDO, perchè se non vendi non mangi (ecco dove vanno le “commissioni” dei clienti) e quindi sottolineo con forza che c’è il conflitto di interessi aggiungendo che, non lavori per mediolanum, lavori con mediolanum e se non fai quello che ti si dice sei tu ad essere ghettizato, sono uscito dal famosissimo cerchio blù.
    Ora sono libero e sono i miei clienti ad essere soddisfatti della mia scelta.

    • Giacomo

      @ Francesco
      Grazie infinite per la sua testimonianza dal vivo, preziosissima.
      In bocca al lupo per il suo nuovo lavoro e a presto!!

  • Fabio

    bravo Giacomo, come al solito!
    Questo tuo post mi trova d’accordissimo, avendo avuto in passato e mio malgrado la disavventura di incontrare questi “family banker”.
    Posso solo dire che è da allora che ho cominciato a studiare seriamente la materia, appassionarmi di finanza e gestione indipendente del risparmio.
    Consiglio a tutti coloro che hanno a cuore i propri risparmi di stare LONTANI da questi loschi family banker!!!!!!!!

    PS: Mediolanum vendeva fino a pochi anni addietro una polizza pensionistica il cui 70% andava in caricamenti, durante i primi anni. Basta un minimo di ricerca su google per trovare riscontri.

    • Giacomo

      @ Fabio
      Grazie a te e a presto!!

Add your comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Che cosa sono Realmente gli INVESTIMENTI ASSICURATIVI?

Perché le banche amano le polizze vita? Come mai chi le sottoscrive al 99,9% resterà deluso? Gli investimenti assicurativi sono davvero sicuri?
L'ebook omaggio "Investimenti assicurativi? NO GRAZIE" ti insegnerà

  • a difendere i tuoi soldi dalle sanguisughe finanziarie
  • quanto costano davvero le polizze
  • che cosa chiedere subito alla tua banca per non avere "sorprese" dopo