mediare-investimenti-perdita

Investire oggi: mediare o no?

Per investire oggi in modo corretto è bene mediare oppure no?

Mediare gli investimenti in perdita è una regola vecchia, ma vale ancora per investire oggi con successo?

Le abitudini sono dure a morire!! E qualla di mediare le perdite sui tuoi investimenti è una di quelle regole non scritte cui si attiene un numero enorme di investitori. Ma raramente essa è una regola saggia se vuoi investire oggi con successo. In primo luogo perché non è detto che gli investimenti che hai effettuato in passato siano ottimali per te e ora.

Mettere altri soldi solo per mediare significa – in certi casi – aggiungere danno al danno se vi saranno ulteriori ribassi. Prima di vedere i tre unici casi in cui mediare ha senso, esaminiamo la situazione attuale dal tuo punto di vista.

Investire oggi: un help in linea

Non so se hai intenzione di investire oggi. Però posso immaginare che tu abbia già fatto degli investimenti e magari tu sia in perdita. Una situazione comune è quella di amici che perdono moltissimo a causa di azioni il cui prezzo è precipitato durante gli ultimi anni, a valori molto bassi.

Se rientri tra questi NON MEDIARE nulla. Non vendere, perché rischieresti di cadere dalla padella nella brace, magari scegliendo titoli peggiori di quelli che hai solo per recuperare in fretta. Saresti forse la prossima vittima della “sindrome del giocatore d’azzardo” che ti porta ad incrementare i rischi solo nella speranza di recuperare.

Lascia tutto com’è e la prossima volta che deciderai di investire di nuovo, fissa uno stop loss e rispettalo.

Consiglio nro uno: se hai investimenti in forte perdita (oltre il 30%) stai fermo e non liquidare nulla.

Continuare ad investire oggi su quei titoli altro non fa che accrescere i rischi. Mettici una pietra sopra e progetta il tuo futuro finanziario su basi più solide.

Mediare: quando e come

Se hai acquistato delle obbligazioni e sei in forte perdita potresti valutare la possibilità di mediare. Le obbligazioni, a differenza delle azioni, hanno una data di scadenza alla quale riotterrai il tuo capitale. Ovvio che il rischio di default dell’emittente va messo in conto, ma se si tratta di obbligazioni di debitori solidi e se diversifichi molto come hai imparato a fare studiando l’investimento perfetto non dovresti avere problemi.

Apro e chiudo una parentesi: se la situazione in Europa troverà una via di uscita a fine mese questa potrebbe essere l’ultima occasione per approfittare di tassi di rendimento particolarmente vantaggiosi anche sui BTP. Il rischio c’è, ma ci sono anche le opportunità di guadagno.

Il secondo caso in cui conviene mediare è quello in cui tu scelga di investire oggi secondo la formula “cost averaging”. Un nome complicato per esprimere un concetto semplice: suddividi l’importo che vuoi investire in un arco pluriennale e ogni mese impieghi un ammontare costante di denaro. Il suo funzionamento, molto semplice, è descritto qui. Ora vorrei condividere con te un paio di istruzioni per l’uso.

Consiglio nro due: media solo gli investimenti in obbligazioni e gli ETF acquistati mediante un Pac intelligente.

Investire un capitale in un’unica soluzione

Siamo arrivati al terzo caso in cui conviene mediare gli investimenti in perdita: quando è partito un nuovo trend al rialzo. In questo caso comprare ulteriori quote di un ETF azionario diversificato (ti sconsiglio di mediare le singole azioni) diventa conveniente poiché la pressione rialziste sui prezzi ti permetterà di guadagnare sull’ultimo acquisto arrivando più rapidamente al punto di pareggio.

E quando avrai rivisto la luce non affrettarti a vendere, ma limitati a fissare uno stop loss dinamico. In questo modo lascerai correre i tanto agognati profitti senza tagliare gli utili sul nascere. Ricorda che, una volta partito, un trend dura di solito parecchi mesi se non addirittura alcuni anni.

Rassumiamo

Investire oggi in tre mosse:

  • non mediare le azioni in perdita
  • continua a comprare solo nell’ambito di un programma a lungo termine sulla falsa riga dei piani di accumulo
  • compra ETF azionari quando il trend rialzista riparte

Ora passo la tastiera a te. Scrivi un commento e discutiamo insieme!!

Un abbraccio fraterno

Share this

Comments

  • giuliano

    Carissimo Dottor Giacomo Saver,
    non posso che sottolineare la bontà estrema di quanto scrivi!
    Mediare = perdita ulteriore, ergo ciò che dici sulle eccezioni in cui mediare è perfetto!
    “Radar sempre accesi”, giusto? :-)
    Un caro saluto a tutti e buon fine settimana!

    • Giacomo

      @ Giuliano
      Proprio a te pensavo… Era da un po’ che non leggevo i tuoi interventi e volevo scriverti in privato per sapere come stavi :)
      Radar sempre accesi, e buon fine settimana a tutti!!

  • andrea

    Ottimo suggerimento
    Non mediare mai, se non ha invertito il trend
    Dici che l’euro si salvi e btp tornino a livelli accettabili?

    Forza Europa

    Andrea

    • Giacomo

      @ Andrea
      Secondo me sì. Addirittura l’Inghilterra di Blair ora vuole valutare l’ingresso nell’euro. Se l’integrazione andrà avanti vedrai che nascerà un colosso capace di imporsi con forza nello scacchiere mondiale e fare concorrenza sia agli USA sia ai BRIC.
      E anche i BTP saranno salvi, comunque staremo a vedere cosa accadrà da qui a fine mese…

  • Mauro

    Mi trovi perfettamente d’accordo. Anche perchè solitamente chi media su azioni ha investito cifre importanti e prima o poi i soldi finiscono o l’emotività prende il sopravvento. Mi permetto di fare un’esempio, quanto ho mediato su Tiscali, Seat pagine gialle, mps, unicredit? Se continuo a mediare tra poco la consob mi chiede di fare un OPA.
    Continuare a mediare vuol dire aggiungere rischio su rischio. Differente é come ben spiegato il PAC o le obbligazioni. Se perdo il 50% per recuperare devo fare + 100%. Se perdo il 90% mi tocca fare dieci volte tanto.
    Mediare è quasi sempre perdente.

  • Matteo

    La mia banca mi ha detto che dal 22/06/2012 la regolamentazione di Borsaitaliana non prevede più la possibilità di ordini condizionati per il mercato ETF, ma solo per MTA e TAH. Vi risulta?
    Un saluto

Add your comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Che cosa sono Realmente gli INVESTIMENTI ASSICURATIVI?

Perché le banche amano le polizze vita? Come mai chi le sottoscrive al 99,9% resterà deluso? Gli investimenti assicurativi sono davvero sicuri?
L'ebook omaggio "Investimenti assicurativi? NO GRAZIE" ti insegnerà

  • a difendere i tuoi soldi dalle sanguisughe finanziarie
  • quanto costano davvero le polizze
  • che cosa chiedere subito alla tua banca per non avere "sorprese" dopo