4 Lezioni dal certificato Leonteq

4 lezioni dal certificato Leonteq

Il certificato Leonteq piaceva ai catastrofisti, sempre in attesa di crolli improvvisi. Ma il rialzo dei mercati ha azzerato il capitale degli “scommettitori“.

Leontiq Inverse Express CH0470806685

Con un investimento minimo di 1.000 € il certificato Leonteq permetteva di scommettere sul ribasso di un paniere di titoli tecnologici. In aggiunta al rischio emittente, misurato da un rating BBB-, il prodotto aveva un appeal malato in grado di attirare investitori incoscienti.

In breve il certificato è uno strumento finanziario complesso la cui performance è legata, in modo inverso, all’andamento del migliore tra 4 azioni. Si tratta di:

  • AMD
  • Amazon
  • Netflix
  • Tesla

L’investitore che ha comprato il certificato Leonteq si illudeva di ottenere un guadagno elevato grazie al crollo delle quotazioni di questi titoli. Ma è rimasto deluso ed ora rischia di perdere tutto il proprio capitale.

Al contrario, chi investe seriamente, attraverso i portafogli equilibrati e costantemente ottimizzati e diversificati, si allea con il mercato invece di sfidarlo. Anche tu puoi farlo, iniziando subito ad investire.

Se è ovvio per tutti che i certificates sono da evitare, per lo meno nel 95% dei casi, è possibile estrarre da uno di questi 4 indicazioni utili per investire.

4 lezioni senza tempo per investitori intelligenti

Complessità equivale a minor rendimento

Sebbene gli investitori credano che i rendimenti si ottengano con la sofisticazione finanziaria, in realtà è vero il contrario. Portafogli semplici, costruiti con strategie “lineari” ma ben strutturati offriranno guadagni elevati nel corso del tempo. Prova (gratis) per credere.

Tuttavia l’investitore troppo spesso non cerca il guadagno sano. Al contrario egli (o ella) vuole il brivido dell’incertezza, vivere l’adrenalina del controllo frequente del controvalore di un certo investimento per verificare se è salito.

Questo allontanamento dalla “retta via” è fonte di dolore finanziario. Esso, infatti, trasforma gli investitori in temerari scommettitori che alla fine escono dal casinò finanziario fortemente menomati.

Appeal commerciale

Ci sono persone che vedono sempre nero. Io li chiamo i bearish permanenti. Si tratta di soggetti che temono un crollo verticale dei mercati azionari. Alcuni di loro, quelli meno autolesionisti, si sono limitati a perdere le performance che i mercati hanno prodotto negli ultimi anni.

Quelli più radicali, al contrario, si lasciano attirare da prodotti ribassisti come il certificato Leonteq. Esso, grazie al suo reddito dipendente dall’andamento negativo di 4 big high tech, soddisfava il palato di queste persone. Che alla fine ha tradito.

Tanto più una strategia di investimento è “sexy” tanto più va evitata. Investimenti con un appeal particolare cercano di sedurre gli investitori attirandoli in trappole mortali.

Strategie noiose, al contrario, producono performance senza clamore, ma in modo continuativo nel tempo. E soprattutto non bruciano il capitale di chi credeva di “battere il mercato”.

Liquidità, first

Tutti gli strumenti finanziari in cui gli investitori accorti investono sono liquidi. In breve essi hanno un mercato sottostante che permette di aumentare la posizione o liquidare tutto, rientrando in possesso dei propri soldi.

Molti certificates di fatto non hanno un mercato. L’unica controparte presente, infatti, è la stessa banca che li ha emessi. E che ad un certo punto potrebbe non essere più disposta a tenere la bancarella sulla piazza.

La rarefazione degli scambi fa sì che non sia possibile “mediare” il prezzo di un titolo. O, nei casi peggiori, nemmeno venderlo. Controllare se un investimento è liquido è semplice. Basta verificare che vi siano scambi sufficienti, proposte in acquisto/vendita continue e provenienti da soggetti diversi. E, ovviamente, comprare solo quelli, evitando i prodotti che potrebbero diventare illiquidi.

Cedole: non sempre, grazie.

Un ultima lezione da portare a casa è che la cedola non è sinonimo di rendimento. Quello che deve cercare l’investitore è una performance corretta per il rischio il più elevata possibile. Non un pagamento periodico alto.

Il certificato Leonteq, come molti altri, offriva delle cedole civetta per attirare investitori poco attenti. Tuttavia il prezzo da pagare era elevatissimo. Il rischio di perdere il capitale è davvero molto alto.

Se cerchi soluzioni semplici ma redditizie per investire non rischiare la pelle. Inizia scaricando gratis i nostri portafogli. La noia è certa, ma il rendimento pure. E se opterai per la versione “a distribuzione” potrai ottenere cedole periodiche “sane”.

Think different. Invest differently

Giacomo Saver – CEO di Segreti Bancari

Rispondi o Commenta