Borsa Oggi: Come Investire con le Borse ai Massimi

indici-borsa-oggi

Articolo aggiornato il 27 settembre 2017

Borsa oggi: dove e come investire quando le quotazioni appaiono “troppo” alte.

Oggi la borsa presenta delle quotazioni piuttosto alte. E’ normale che tu abbia qualche remora ad investire, ma anche qualche timore di stare fermo, perché se tieni i soldi parcheggiati sul conto corrente l’unica certezza che hai è che il tuo capitale resterà sempre quello.

Prima di tutto vediamo dove si trovano, oggi, i principali mercati azionari:

andamento borsa usa oggi

La borsa americana oggi è sui massimi storici, sia se consideriamo l’andamento dell’indice S&P 500 in dollari, sia che lo consideriamo in euro.

Nonostante la svalutazione della divisa Usa negli ultimi mesi, un investimento fatto in euro sulle azioni americane avrebbe avuto un buon rendimento nel corso degli ultimi dieci anni, nonostante il ribasso post crisi Lehamn Brothers.

indici borsa oggi

L’andamento delle borse europee, rappresentato dall’indice STOXX 600 è sostanzialmente simile al precedente.

L’unica differenza apprezzabile è che non siamo ancora in corrispondenza dei massimi toccati nella primavera del 2015.

Guardando solamente questo grafico sembra che l’Europa, dopo una modesta correzione, sia incamminata verso un percorso di crescita, ma il timore di sbagliare timing di ingresso induce molti investitori alla prudenza.

mercati emergenti borsa di oggi

Le borse dei mercati emergenti sono sui massimi storici. A dispetto di chi ritiene un investimento in questi paesi troppo volatile, l’indice in valuta locale ha ottenuto performance molto superiori ad un investimento fatto in dollari.

Anche qui possiamo notare come ci sia una chiara tendenza positiva di fondo, cui fa da contrappeso il fatto che le quotazioni sono molto elevate e i timori di fare la cosa giusta nel momento sbagliato c’è.

Quando le borse sono ai massimi è difficile fare qualunque cosa. In modo particolare ad essere letteralmente spiazzato è chi non dispone di un ottimo piano di investimento e rischia di essere instabile come una bandiera sbattuta qua e là da un vento impetuoso.

La cosa migliore da fare, in questo caso, consiste nel diversificare il momento di ingresso, non investendo tutta la cifra che si ha in mente di destinare alle azioni in una sola volta.

Questa regola, apparentemente “stupida” è in realtà molto efficace per due ragioni. Ecco, in pratica, come funziona:

 

borse ai massimi

Se hai deciso di investire 100.000 € in azioni, dividi l’importo totale in quattro tranches. Poi compra subito 1/4 del totale, ossia 25.000 €. Altri 25 k li aggiungerai tra 3 mesi, a prescindere da quale sarà la quotazione di allora. Altri 25.000 € andranno investiti tra 6 mesi e l’ultima tranche tra 9 mesi.

Che cosa stai facendo, in concreto?

Stai diversificando il momento di ingresso sui mercati. Se le borse, oggi ai massimi, continueranno a crescere beneficerai del rialzo almeno su una parte del tuo capitale.

Se i mercati scenderanno avrai comunque ancora delle liquidità per correggere il tiro e non sarai sopraffatto dalla frustrazione di aver comprato troppo alto.

Se non hai idee migliori, dividi l’importo che vuoi investire per il numero di alternative e dedica una quota dei tuoi soldi a tutti i mercati che abbiamo esaminato poco fa.

Ricorda che la scelta dei mercati in cui investire viene sempre dopo la realizzazione di un piano di investimento efficace. Investire senza un piano equivale a prenotare un biglietto aereo senza conoscere la destinazione.

Va bene che ti preoccupi di come investire con le borse ai massimi, ma ricorda sempre di avere un corretto orizzonte temporale di lungo periodo e di impostare un piano di investimento personalizzato.

8 commenti
  1. Buondì Giacomo, sono d’accordo con te sul dividere l’investimento in vari parti, con entrate in diversi momenti, ma perché proprio 3,6 e 9 mesi? non è meglio per chi ancora non è entrato aspettare un rimbalzo sulla trendline e in quel caso comprare una parte, impostare uno stoploss dinamico all’8% e poi attendere un nuovo rimbalzo (in caso si verifichi) ed entrare nuovamente comprando un’altra parte e così via… fino ad un ovvia inversione dove rispettando i vari stoploss si esce dal mercato., anche in questo modo si ha la diversificazione sulle scadenze e in confronto al valore di oggi si acquisterebbe anche l’ETF ad un prezzo migliore.
    Cosa ne pensi?

    Rispondi
    1. @Piergiorgio
      In linea generale sono d’accordo con la tua strategia anche perché se la borsa dovesse continuare ad andare male ti troveresti a mediare al ribasso, che non è una cosa fantastica. Ma penso che il consiglio di Giacomo sia indirizzato a tutti e non solo a chi, come te o me, hanno conoscenze di analisi tecnica. Per cui se una persona volesse investire in borsa; ma non potesse o non volesse seguire l’andamento dei prezzi o più semplicemente volesse fare un PAC, la cosa migliore da fare sarebbe entrare come ha consigliato Giacomo.

      Rispondi
      1. Si hai ragione, difatti aveva dimenticato che il discorso di Giacomo fosse mirato ad un pubblico vasto, di cui molti ancora non hanno una conoscenza dell’analisi tecnica.

        Rispondi
      2. @ Luca
        Grande… hai intepretato perfettamente il mio pensiero…

        Rispondi
    2. @ Piergiorgio
      Ottima strategia. Ma non dimentichiamo mai una cosa, Amico mio. Non tutti i lettori di segretibancari.com sono così evoluti a livello finanziario. Molte delle persone che ci seguono sono alle prime armi e la tua strategia per loro è troppo complessa.

      Inoltre tante persone non hanno il tempo di seguire i mercati così da vicino. Ecco perché la regola della diversificazione temporale funziona: comprano a prezzi diversi in momenti diversi. Alcuni saranno momenti ‘buoni’ altri meno ma in media sarà meglio che comprare tutto insieme…

      Rispondi
      1. Completamente d’accordo! 🙂

        Rispondi
  2. Sembra che l’angolo di salita delle linee di tendenza si riduca. E’ possibile valutare l’andamento anche da questo dato?
    Comunque grazie come sempre per i tuoi post chiare e esaustivi.
    ciao

    Rispondi
    1. @ Fabio
      Diciamo che quando una trendline è troppo ripida allora il trend è in forte accelerazione e potrebbe durare poco. In questo caso non è la pendenza della reta che varia quanto piuttosto il ‘rallentamento’ della salita all’interno di essa. Un caro saluto e grazie per i complimenti…

      Rispondi

Rispondi o Commenta