ETF: Dove Investono e Quanto Rendono

Exchange Traded Funds: Dove Investono gli ETF e Perché a Volte Sembrano Peggiori dei Fondi?

E’ facile investire in un ETF azionario globale denominato in dollari ed essere convinti che il rendimento del nostro investimento dipenderà dall’evoluzione del dollaro.

E’ facile credere che un ETF renda meno dell’indice che si “sforza” di replicare perché il sito di Morningstar presenta male i dati.

Il video che ho preparato per te fa luce su due aspetti molto importanti dell’investimento in ETF:

 

Risorse GRATUITE Utili per Andare Oltre

Hai un patrimonio liquido o investito pari ad almeno 100.000 € e vuoi sapere dove investirlo nel modo più efficace e meno costoso possibile? Nel corso via email “IC Warm UP” esaminerai in dettaglio quattro ETF che ho scelto per te tra gli 800 prodotti quotati in Italia: https://www.segretibancari.com/ic-warm-up/.

Vuoi imparare ad investire in modo semplice, redditizio ed efficace? Il video corso A Scuola di Investimenti ti insegnerà i primi passi per riprendere il controllo del tuo portafoglio. Consigliato per chi ha almeno 50.000 € di patrimonio: https://segretibancari.com/ascuoladiinvestimenti/

6 commenti
  1. Ciao Giacomo
    Ti scrivo X un consiglio., vorrei optare x un PAC “fai da te” con la mia banca online(Webank) sfruttando questo ETF azionario IE00B4L5Y983 L’idea è quella di invertire subito 2.000 €, e poi fare investimenti semestrali (1.200€) o annuali (2.400€). Che ne pensi? Quanto lungo dovrebbe essere questo PAC X essere vantaggioso?

    Rispondi
    1. @ Fabio
      Grazie per la domanda. Trovi tutto sui Piani di Accumulo del Capitale in un articolo ad hoc che ho scritto. Se hai altre domande sono qui…

      Rispondi
  2. Ciao Giacomo, prima di tutto grazie per il video che offre nuovi spunti per i nostri contributi. Confrontando il grafico dell\’etf world con quello di etf più settoriali geograficamente, in effetti è quello più lineare nella sua crescita nel tempo. Quindi un pac ragionato sfrutta a pieno la dinamica del reinvestimento dei dividendi e il meccanismo dell\’interesse composto. Nel video tocchi anche un tasto che poi è l\’eterno dilemma: meglio la distribuzione dei dividendi o l\’accumulazione? Andiamo sul fattore pratico e psicologico: pagare una bolletta o il condominio con i dividendi distribuiti fornisce un effetto \”calmante\” specie quando i mercati flettono o lateralizzano. Però il valore della quota scende quelle due o quattro volte l\’anno e niente interesse composto. Chissà, forse un sistema misto è la via migliore?

    Rispondi
    1. @ Andrea
      La necessità di un effetto calmante, come giustamente lo chiami, è la testimonianza che gli investitori sono soggetti a derive psicologiche importanti che li “spostano” dalla fredda razionalità necessaria per avere successo. A meno che tu non abbia bisogno di cedole periodiche è meglio, per una questione di capitalizzazione composta e di ottimizzazione fiscale, il reinvestimento dei proventi.

      Rispondi
  3. Ciao Giacomo e un grazie per i tuoi consigli, vorrei chiederti visto che il sito Morningstar \”presenta\” male gli etf conosci altri siti da consigliare che valutano meglio gli etf.
    Grazie.
    Ciao

    Rispondi
    1. @ Antonio
      La cosa migliore da fare è andare direttamente sul sito degli emittenti (IShares, DB Trackers, Lyxor, ecc). In questo modo avrai un confronto più corretto tra l’andamento dell’ETF e quello dell’indice che lo stesso replica.

      Rispondi

Rispondi o Commenta