Fondo Bilanciato Arca Obbligazioni Europa: Opinioni e Analisi

 

arca-obbligazioni-europa

Arca Obbligazioni Europa, ISIN IT0001248324, è un prodotto insignito di 4 stelle Morningstar. Si tratta di un fondo bilanciato prudente che ha come obiettivo la crescita moderata ma costante dei capitali impiegati. Per cercare di compensare gli elevati oneri di gestione il fondo è sbilanciato sui rischi, in modo particolare per quanto riguarda i bond. La mia opinione sul fondo Arca non è positiva: si tratta di un prodotto che puoi tranquillamente evitare.

Nel post che stai per leggere argomenterò le ragioni per cui investire nel prodotto Arca non conviene.

Perché ti Sconsiglio di Investire in Fondi Bilanciati?

Prima di parlare nello specifico di Arca Obbligazioni Europa, permettimi di fare una piccola precisazione sui fondi bilanciati.

Essi sono strumenti fortemente penalizzati dalle commissioni di gestione, che sono eccessivamente care se consideri che almeno la metà del portafoglio è impiegato in obbligazioni. L’applicazione di costi di gestione degni di un prodotto azionario ad un fondo bilanciato finirà con il ledere in modo pesante la performance.

Non è un caso che moltissimi strumenti abbiano ottenuto risultati deludenti, come emerge da un’analisi che ho svolto qualche mese fa (Fondi bilanciati 2018: le promesse sono state mantenute?).

Detto ciò procediamo ad analizzare i rendimenti e la composizione del prodotto Arca cui è dedicato questo articolo.

La Composizione del Fondo Arca Obbligazioni Europa

A dispetto del nome, che farebbe pensare ad un prodotto obbligazionario, Obbligazioni Europa è un fondo bilanciato prudente il cui parametro oggettivo di riferimento (benchmark) è rappresentato per il 25% da un indice azionario globale e per il 75% da un indice obbligazionario euro.

Il portafoglio azionario è concentrato su società a larga capitalizzazione con uno stile di gestione di tipo growth, mentre la parte obbligazionaria privilegia i titoli a basso rating e alto rendimento. Il 10% del portafoglio del fondo è investito in azioni, l’85% in obbligazioni mentre il resto è impiegato in liquidità.

Nel tentativo di recuperare redditività sui bond senza essere penalizzati da un rialzo dei tassi di interesse, il gestore ha inserito in portafoglio moltissime obbligazioni rischiose. Questa politica, comune a molti altri gestori di prodotti obbligazionari e bilanciati, rende il fondo più volatile di quanto ci si aspetterebbe.

La Performance Attribution del Fondo Arca

Il fondo ha ottenuto risultati deludenti, rispetto al proprio benchmark, cinque volte su otto. E’ andato male negli anni:

  • 2012
  • 2013
  • 2015
  • 2016
  • 2018

E’ andato bene, ottenendo risultati superiori a quelli dell’indice, negli anni:

  • 2011
  • 2014
  • 2017

Il prodotto è stato gestito in modo non efficiente. Se esaminiamo l’Informatio Ratio che esprime la capacità del gestore di creare valore per i clienti in base ai rischi corsi, notiamo che esso è negativo sia ad un anno, sia a tre sia a cinque.

I Rendimenti di Arca Obbligazioni Europa

La tabella che segue mostra le performance del fondo Arca negli ultimi anni. Non lasciarti abbagliare dai dati in senso assoluto. Considera piuttosto il differenziale di rendimento rispetto al benchmark ed al posizionamento nei “quartili”. Una classifica troppo “bassa” esprime una scarsa qualità della gestione rispetto ai concorrenti.

Performance Rendimenti del Fondo Arca Obbligazioni Europa

Nota come il fondo, negli ultimi anni, ha perso smalto pur essendo gestito sempre dal medesimo esperto. I segni meno rispetto alla categoria e all’indice esprimono il minor guadagno rispetto alla media dei concorrenti e dell’indice benchmark che puoi replicare in modo agevole usando gli ETF.

Come Battere il Fondo Arca

Il grafico che segue confronta, a partire dal 2010, il rendimento dell’Arca Obbligazioni Europa con quello di un portafoglio composto da due ETF in modo tale da replicare il benchmark del fondo.

Grafico Arca Obbligazioni Europa

Come puoi vedere fino al 2012 l’andamento è piuttosto simile, per poi divergere completamente. 100.000 € investiti nel fondo Arca nel 2010 sarebbero diventati 138.570 € a novembre 2018. 100.000 € investiti nel portafoglio di ETF sarebbero diventati 163.630 €. Una bella differenza, a parità di mercato.

Il rendimento di Arca è stato, nel complesso, pari al 38,71% mentre il portafoglio ha reso il 63,77%.

La volatilità è stato peraltro molto simile: 4,35% di Arca contro il 4,24% del portafoglio. Al maggior rendimento del portafoglio di ETF non è corrisposto un incremento dei rischi, come ci si aspetterebbe. Un’ulteriore conferma che il gestore è soffocato dai costi, troppo elevati per poter essere compensati dalla sua gestione attiva.

Risorse Utili per Investire

Segretibancari è il sito che si rivolge ad investitori con patrimoni pari ad almeno 100.000 € che siano disorientati nella loro gestione. Se possiedi queste caratteristiche ecco due risorse gratuite che ti aiuteranno.

  • Se il post che hai letto ha stimolato il tuo interesse a saperne di più sugli investimenti per diventare autonomo nella loro gestione iscriviti subito al video corso A Scuola di investimenti.
  • Se vuoi usare gli ETF per costruire un portafoglio efficace e a basso costo, iscriviti al corso via email Ic Warm Up e ricevi indicazioni precise sul dove investire.

Giacomo Saver

 

 

7 commenti
  1. Buongiorno Giacomo,
    tralasciando il confronto di prestazione rispetto al benchmark, in base al prospetto è corretto affermare che la gestione ha avuto guadagni superiori rispetto alla media dei concorrenti, a parte anno 2013?

    Rispondi
    1. @ Alessio
      Sì, è corretto. Il problema è che si tratta di un confronto “autoreferenziale” e poco utile. Se confronti la prestazione di un atleta scadente con quella di persone più scadenti di lui il primo diventa un campione…

      Rispondi
      1. Ovviamente d’accordo.
        La mia era solo una domanda sulla corretta interpretazione del dato
        Grazie

        Rispondi
  2. Buongiorno Giacomo,
    si può conoscere i codici ISIN dei due etf ?
    Grazie

    Rispondi
    1. @ Adriano
      Sì, ne parlerò – tra le altre cose – durante il webinar di lunedì sera.

      Rispondi
  3. Buongiorno Giacomo,
    comporre un portafoglio di confronto con due ETF ,avendo già tutti i rendimenti a disposizione è troppo facile , chi mi assicura che avrebbe scelto questi due ETF bilanciandoli 30-70 all’inizio del 2011?
    Il portafoglio poteva essere composto da altri ETF simili che magari avrebbero ottenuto rendimenti pegggiori.
    Saluti

    Rispondi
    1. @ Lara
      Il suo ragionamento è scorretto. Gli ETF sono quelli che replicano ESATTAMENTE il benchmark del fondo, nelle stesse proporzioni. Se anche avessi scelto altri ETF il discorso non sarebbe cambiato.
      La debolezza del fondo Arca – come di tanti altri prodotti simili, sta nel fatto che i costi contano. I rendimenti sono paragonabili perché ottenuti a parità di tempo e di mercato.
      Se avessi costruito un portafoglio differente avrebbe avuto ragione lei, ma ho messo il gestore di fronte all’andamento degli stessi mercati in cui investe lui.

      Rispondi

Rispondi o Commenta