Come scegliere i migliori Fondi Sicav in 5 minuti

fondi-sicav-migliori

Cos’è una Sicav? Quali differenze ci sono con i fondi di investimento e come si scelgono i migliori prodotti di ENTRAMBE le categorie?

Articolo aggiornato il 17 ottobre 2017

Fondi di investimento e Sicav: scegliere i migliori prodotti è facile grazie ad una strategia basata sul “momentum“.

Sembra difficile ma non lo è, e tra 5 minuti avrai un sistema di selezione dei migliori prodotti semplice da capire e facile da usare.

LE SICAV: COSA SONO E IN COSA DIFFERISCONO DAI FONDI DI INVESTIMENTO

Le società di investimento a capitale variabile (SICAV) sono simili ai fondi comuni di investimento. Entrambe le tipologie di prodotto prevedono, infatti:

  • un patrimonio gestito
  • un gestore che lo amministra
  • la possibilità offerta agli investitori di entrare/uscire dal prodotto in modo libero

La differenza tra fondi di investimento e Sicav sta nel fatto che mentre nei primi c’è la separazione netta tra il patrimonio del fondo e quello della società che lo gestisce, nel caso delle Sicav è il capitale sociale (variabile) di queste ultime ad essere investito.

Questo rende, in apparenza, le SICAV meno sicure dei fondi, perché manca la separazione tra il capitale sociale del gestore ed il patrimonio che lo stesso gestisce.

Tuttavia la cosa non deve in alcun modo spaventarti. Di fatto una Sicav non può fallire per il semplice fatto che la stessa non ha debiti. Quello che fa il gestore consiste nell’investire il patrimonio complessivo in strumenti finanziari senza contrarre alcuna forma di debito.

I prodotti del risparmio gestito italiano sono per lo più fondi comuni di investimento. I fondi lussemburghesi, al contrario, sono strutturati nella forma delle Sicav.

Proprio in virtù di questa somiglianza da ora in poi parleremo indistintamente di “fondi” con riferimento ad entrambe le tipologie di prodotto.

UN METODO TESTATO PER SCEGLIERE I MIGLIORI FONDI SICAV DISPONIBILI

Chiarito questo aspetto vediamo ora come selezionare i fondi Sicav migliori basandoci su una considerazione che sfugge ai più…

Nel breve periodo c’è una certa persistenza nel rendimento di questi prodotti. In altre parole, i vincenti di ieri hanno buone probabilità di essere i migliori di domani, per lo meno nel breve periodo.

La regola generale è che i migliori fondi SICAV, ossia quelli che svettano in cima alle classifiche, hanno buone probabilità di essere i vincenti anche dell’anno successivo.

Ecco allora come procedere per individuare i fondi di investimento o le Sicav che hanno buone probabilità di offrire rendimenti elevati:

  • vai a questo link: http://www.morningstar.it/it/fundquickrank/default.aspx
  • scegli la categoria in cui vuoi investire (puoi cliccare sul bottone “tutte le categorie morningstar” per scegliere quella che ti interessa dal menu a tendina e cliccare poi sul bottone “trova”)
  • clicca ora sul bottone “performance” nel menu in grigio e poi su “1a” per ordinare i fondi in base alle loro performance annuali
  • il 1 gennaio di ogni anno scegli il fondo che nell’anno precedente ha reso di più e tienilo per 12 mesi. Poi rifai il procedimento l’anno successivo e cambia fondo se ne trovi un altro migliore.

Uno studio fatto sui fondi azionari Italia nel periodo 1/1/2009 – 5/11/2015 ha fornito risultati davvero sorprendenti.

Il rendimento complessivo di questa strategia sarebbe stato +85,50% superiore non solo alla media di categoria (+64,20%) ma anche all’indice Comit Performance (che include i dividendi distribuiti), che ha reso il +70,10%. Estendendo l’analisi all’area euro otterremmo risultati ancora migliori: +200,10%, ben superiore alla media di categoria (+72,20%) sia rispetto all’Eurostoxx Total Return (con dividendi reinvestiti) che ha reso il 96,30%.

Se hai avuto difficoltà nel seguire la procedura, questo video ti mostrerà i vari passaggi:

IL “PROBLEMA” DELLE CLASSI DI INVESTIMENTO

Aver identificato i migliori fondi Sicav non basta. Il passo successivo che devi fare, se vuoi massimizzare il rendimento del tuo portafoglio, consiste nel cercare, per ognuno dei fondi che hai individuato, la classe che costa meno in termini di commissioni di gestione.

Non mi soffermo sui costi di ingresso perché do per scontato che tu non li paghi, o perché il tuo consulente te li ha azzerati, o perché sottoscriverai i fondi Sicav che ti interessano direttamente on line su supermarket tipo Fundstore o Onlinesim.

Lo stesso fondo di investimento o la medesima Sicav è disponibile in più “classi”, ognuna delle quali è identificata da una lettera dell’alfabeto e contraddistinta da un diverso regime di costo. In pratica il prodotto è sempre lo stesso, ma la diversa incidenza delle commissioni fa sì che classi diverse dello stesso fondo abbiano nel tempo rendimenti molto diversi tra loro.

Alcuni consulenti smaliziati tendono a dire che azzerano la commissione di ingresso dei fondi proposti, ma poi di fatto dirottano il cliente verso la classe che non prevede il costo di ingresso perché presenta una commissione di gestione più alta.

Questo modo di agire è assolutamente disonesto, perché l’investitore in fondi o Sicav si troverà ad avere una performance martoriata da costi di gestione eccessivamente elevati.  Meglio, allora, chiedere di sottoscrivere la classe con le commissioni di gestione più bassa, pretendendo al tempo stesso l’azzeramento totale dell’onere di ingresso.

RICORDA: i fondi Sicav migliori non sono sono solo quelli selezionati con il metodo che ti ho insegnato ma anche quelli che presentano costi complessivi più bassi.

Vuoi saperne di più su come aumentare i rendimenti del tuo portafoglio grazie ad una strategia integrata? Scopri il mio corso gratuito A Scuola di Investimenti.

12 commenti
  1. Vorrei un contatto diretto per degli investimenti.

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Grazie per la tua domanda. Ecco il contatto che cerchi: https://www.segretibancari.com/investmentclub/. Grazie e a presto 🙂

      Rispondi
  2. Buon giorno Giacomo,
    quindi, dati alla mano, consiglieresti investire in Sicav piuttosto che in ETF? Questo procedimento da quanto dici ha dimostrato di battere le performance dei fondi passivi!

    Rispondi
    1. @ Simone
      Quello che hai imparato in questo video è il classico “rimedio della nonna”, semplice ma un po’ approssimativo. Io ti consiglio di usare gli ETF nell’ambito di una gestione attiva che fai tu da solo, grazie ad un sistema semi automatico che ti permette di avere sempre sotto controllo la situazione.

      Rispondi
  3. Questo procedimento di selezione su morningst. illustrato qui e’ valido pari pari anche per gli ETF ??

    Rispondi
    1. @ Marco
      No, per gli ETF servono regole completamente diverse. Ne parliamo ad Investitore Libero dal vivo in aula 🙂

      Rispondi
      1. E per chi non ha la possibilità di ascoltarla dal vivo?

        Rispondi
        1. @ Fabio
          Mi perdoni ma non ho ben capito la domanda…

          Rispondi
          1. Intendevo dire che anche io sarei interessato a capire il perchè per gli etf è diverso

          2. @ Fabio
            Gli ETF costano molto meno dei fondi… Se vuoi saperne di più inizia da questo articolo. Per qualunque domanda sono a tua disposizione…

  4. Ciao, come posso trovare una sicav valida per poter creare una obligazione corporate?

    Rispondi
    1. @ Mirco
      E’ difficile trovare delle Siacav obbligazionarie valide, in questo momento. La ragione è semplice: con i tassi così bassi e con i costi di gestione alti, sono poche le Sicav che riescono ad ottenere rendimenti soddisfacenti. Alcune di esse, poi, per recuperare terreno investono in modo preponderante in obbligazioni ad alto rischio, compromettendo la sicurezza dell’investimento stesso.
      Perché non compri dei fondi passivi (ETF) che investono in obbligazioni a costi ridotti?

      Rispondi

Rispondi o Commenta


window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-34833611-1', { 'optimize_id': 'GTM-MWDR9P4'});