Fineco CashPark: Opinioni, Recensioni e Alternative sul Conto Deposito

Conto Deposito CashPark di Fineco: Quello che c’è da Sapere

fineco-cashpark

Cashpark è il conto deposito di Fineco, nota e solida banca on line del gruppo Unicredit. E’ disponibile nelle versioni “libero” e “vincolato” e può essere sottoscritto in abbinamento con l’adesione ad un piano di accumulo sui fondi Core Series.

Sebbene non abbia mai offerto rendimenti elevati, cashpark è un comodo parcheggio della liquidità, nell’attesa di usarla per fare investimenti più redditizi.

Come Funziona il Cash Park di Fineco

Il funzionamento del conto è semplicissimo, ed in pochi clic sarà possibile trasferire somme dal conto corrente verso CashPark e viceversa. Tieni però presente che le somme accreditate sul conto deposito non saranno più disponibili in conto corrente, né per il pagamento delle bollette, né per il trading, né per coprire un assegno emesso in precedenza.

Attivazione del  conto deposito

A differenza di altri istituti, che permettono l’apertura di un deposito senza avere anche il conto corrente, Cash Park è disponibile solo previa l’accensione di un conto corrente presso Finecobank.

E’ sufficiente andare nel menu “Conto e Carte” che si trova nella home page dell’home banking dell’utente, appena entrati nell’area riservata, e scegliere l’opzione Cash Park, quindi “Nuovo Cash Park”. Nel momento in cui scrivo il conto deposito non è disponibile.

Valuta le alternative al conto Fineco.

Gli Interessi di Cash Park

Come tutti i conti deposito, anche Cash Park paga degli interessi, calcolati con la formula dell’anno civile, ed accreditati in via posticipata. Fineco sta indirizzandosi sempre di più verso il mondo del risparmio gestito, con l’obiettivo di vendere i suoi fondi, per cui non è interessata alla raccolta di denaro attraverso forme tradizionali. Di solito le banche usano i conti deposito come “prodotti civetta” per poter attirare nuove masse di denaro da convogliare verso prodotti più remunerativi.

Grazie alla pubblicità efficace e all’efficienza della banca, Fineco deve aver abbandonato questo canale per aumentare le masse amministrate. Sappi quindi che se e quando CashPark sarà di nuovo disponibile i guadagni che otterrai saranno bassissimi.

Le Varianti a Tema

Cash Park Save

Oltre al tradizionale conto deposito libero, per il quale è possibile versare e prelevare in qualunque momento spostando soldi da e verso il conto corrente, Cash Park è disponibile anche nella versione Save. In cambio di un interesse più alto, la banca chiede di vincolare le somme per un certo periodo di tempo. Ecco le due opzioni disponibili.

Opzione Svincolabile

Il cliente può rientrare in possesso della somma impiegata in qualunque momento. Lo svincolo anticipato, però, comporta la perdita integrale degli interessi ed il riaccredito in conto della cifra inizialmente investita.

Opzione Non Svincolabile

In cambio di un interesse più alto puoi optare per la versione non smobilizzabile del conto deposito. Sappi però che non avrai modo di rientrare in possesso dei tuoi soldi fino alla naturale scadenza del vincolo.

Cash Park Investing

Si tratta dell’opzione più velenosa, attraverso la quale la banca cerca di convincerti ad abbinare il conto deposito ad un investimento nei costosi e scadenti fondi Core Series. In pratica l’operazione si compone di due momenti. Anzitutto versi sul conto deposito una somma pari ad almeno 10.000 € che verranno suddivisi in più vincoli nel corso degli anni. Per attirare la tua attenzione gli interessi corrisposti saranno più alti.

Mano a mano che i vincoli scadono le cifre riaccreditate saranno investite nei costosi ed inefficaci fondi Core Series. Questa opzione è assolutamente da evitare, perché le performance scadenti dei fondi andranno a mangiarsi tutti i guadagni.

CashPark e Imposta di Bollo

Come tutti i conti deposito, Cash Park è soggetto all’imposta di bollo nella misura dello 0,20% annuo. Solo se i rendimenti supereranno lo 0,27% lordo otterrai un guadagno netto positivo dal conto deposito. Dagli interessi occorre infatti sottrarre anche l’imposta del 26%, che comprime ulteriormente i guadagni.

Occorre valutare con attenzione se sia conveniente sottoscrivere CashPark. La sola presenza dell’imposta di bollo potrebbe rendere più conveniente tenere i soldi fermi sul conto corrente in attesa di fare altre operazioni di impiego più interessanti.

Giacomo Saver

 

 

Rispondi o Commenta