I Migliori Investimenti a Lungo Termine: Ecco Quali Sono

migliori-investimenti-a-lungo-termine

Si dice che le azioni siano i migliori investimenti a lungo termine. Scopriamo insieme a che condizioni questa affermazione è vera.

Le azioni sono DAVVERO i migliori investimenti a lungo termine che tu possa fare, a condizione che abbandoni subito l’idea di comprare singoli titoli, investi in tutto il mondo e attendi almeno 15 anni. Questo è il frutto di una mia ricerca effettuata dal 1998 al 2017 sull’indice globale MSCI World in euro calcolato da Morgan Stanley.

Vedremo come l’allungamento dell’orizzonte temporale non solo riduce il rischio, ma metteremo i puntini sulle “i” ad un motto piuttosto famoso: che basta attendere e le azioni diventano sempre e comunque il modo migliore per investire a lungo termine i tuoi soldi.

Le singole azioni non sono i migliori investimenti a lungo termine. Perché?

Netflix ha fatto +13.000% in borsa negli ultimi 15 anni. Pressappoco nello stesso periodo Tiscali è passata dalla quotazione record di 1197€ a 0,0442 €. Chiaro il concetto?

Investire n singole azioni, soprattutto se di società in forte espansione, è più simile al gioco d’azzardo che non all’investimento. La cosa interessante è che mentre alcune società high tech del 2000 sono fallite o, nel migliore dei casi, hanno bruciato gran parte del proprio valore, l’indice rappresentativo di categoria, il NASDAQ, ha segnato nuovi massimi.

Ho fatto un esempio estremo per dirti che investire in singole azioni non sempre è una buona opportunità per te. Per farlo devi avere conoscenze superiori alla media ed essere costantemente aggiornato circa l’andamento del settore in cui le “tue” aziende operano, sull’evoluzione del mercato, dei profitti e del management.

A volte, poi, basta una sola invenzione per mandare a picco i profitti di un’azienda. Ti dice niente il termine “Whats’up”? Una semplice app ha distrutto il business milionario degli SMS in pochissimo tempo, riducendo i profitti dei colossi di settore.

Malgrado i crack finanziari, le depressioni, le guerre, le recessioni, dieci diverse amministrazioni presidenziali e numerosi cambiamenti nella lunghezza delle gonne, le azioni in generale sono i migliori investimenti a lungo termine, perché hanno reso quindici volte più delle obbligazioni e trenta volte più dei buoni del tesoro – PETER LYNCH

Vediamo a che condizioni, però…

Le azioni mondiali: ecco i migliori investimenti che tu possa fare

Come ti dicevo ho analizzato per te diciotto anni di mercato azionario basandomi su quello che è l’indice più diversificato a disposizione degli investitori. Per inciso esso è anche il benchmark dei fondi di investimento a vocazione internazionale dal cui confronto i gestori escono perdenti.

L’indice è composto da oltre 1.600 azioni quotate sui mercati di:

  • Stati Uniti
  • Giappone
  • Regno Unito
  • Francia
  • Germania
  • Canada
  • Svizzera

solo per ricordare i principali.

Il grafico che ti mostro evidenzia i rendimenti medi annui composti di un investimento fatto sull’indice MSCI World in euro, su diversi orizzonti temporali: un anno, tre anni, cinque anni, dieci anni e quindici anni. C’è una cosa interessante che salta all’occhio:

All’aumentare del tempo di detenzione dell’investimento il rendimento medio annuo minimo e massimo tendono ad avvicinarsi, rendendo di fatto meno rischiosa la detenzione di azioni. C’è però una nota stonata…

Prima che ti dica qual è ti invito a guardare questo video che approfondisce le 8 classi di strumenti finanziari in cui puoi investire a lungo termine i tuoi soldi:

Un’ombra offusca i migliori investimenti a lungo termine

Sulla durata decennale abbiamo avuto un ritorno negativo. In altre parole chi ha comprato azioni mondiali e le ha tenute per dieci lunghi anni ha perso dei soldi, se l’investimento è partito nel momento sbagliato. Tieni però presente che si tratta di un caso molto sfavorevole, perché per aver ottenuto quel risultato così negativo avresti dovuto entrare a marzo del 1999 (massimo storico ante bolla internet) e uscire a marzo 2009 (ai minimi dopo lo scoppio della bolla subprime).

Per investimenti superiori ai 15 anni le azioni hanno sempre offerto rendimenti positivi. Nel periodo considerato, attraversato da ben due crisi gravi, le azioni sono state i migliori investimenti a lungo termine, a patto di avere evitato i pesanti crolli del 2000-2002 e del 2007-2009. Un investitore che si fosse limitato ad investire nel solo indice azionario globale senza movimentare il portafoglio avrebbe ottenuto rendimenti inferiori a quelli ottenibili da un impiego in obbligazioni, nello stesso periodo.

Azioni e lungo periodo: istruzioni per l’uso

Le azioni restano i migliori investimenti di lungo periodo, ma per ottenere rendimenti adeguati ricorda di adottare questi accorgimenti:

  • se compri e tieni metti in conto di “dimenticare” il tuo investimento per almeno 15 anni durante i quali potranno esserci ribassi anche del 40% del controvalore investito
  • abbandona l’idea di investire in singole azioni, a meno che tu non sia seguito da un professionista, perché altrimenti rischi di bruciare il tuo capitale
  • cerca “quanto meno” di evitare di restare investito durante le fasi più acute di una crisi finanziaria, se mai ce ne sarà un’altra
  • MINIMIZZA i costi, investendo in prodotti a bassissimo onere di mantenimento

In tempi normali le azioni sono i migliori investimenti a lungo termine, ma comprarle attraverso i fondi comuni di investimento sarebbe un errore perché pagheresti un sacco di soldi in termini di commissioni di entrata/uscita/gestione.

Se ancora non lo hai fatto iscriviti subito al mio corso gratuito INVESTMENT CLUB Warm UP che ti dirà quali sono i 4 migliori ETF a basso costo in cui investire. E tra questi ne troverai uno che ti permette di comprare le 1.600 azioni che compongono l’indice MSCI World con una semplicità disarmante e costi bassissimi.

Ricorda infine che non esistono in assoluto gli investimenti migliori, mentre esiste la miglior strategia per investire. Inizia da quella e solo dopo pensa ai prodotti più opportuni con cui realizzarla.

Grazie per il tuo commento 🙂

Giacomo Saver, fondatore e direttore di Segretibancari.com

14 commenti
  1. Buonasera Giacomo, complimenti per questo articolo, esaustivo e chiaro come sempre.
    Ho un solo dubbio: Il portafoglio IC Warm-Up, che citi alla fine dell’articolo, comprende un ETF Hedged ma mi pare che in un tuo Post del luglio 2016 tu non consigliassi particolarmente questo tipo di ETF. Quindi immagino che il portafoglio IC Warm-Up abbia al suo interno una strategia che consente di avere anche un hedged; ho capito bene?
    Grazie.
    Luigi

    Rispondi
    1. @ Luigi
      Grazie per la domanda. La scelta di “hedgiare” o meno il portafoglio è del tutto personale. Io preferisco non farlo per beneficiare della diversificazione valutaria ed avere una protezione contro la svalutazione (possibile) dell’Euro, ma in un portafoglio ha senso sia inserire prodotti “coperti” sia prodotti “con rischio di cambio”.
      Per qualunque domanda o dubbio sono qui 🙂

      Rispondi
  2. Buongiorno,
    ho ricevuto solo il primo video dei 4 titoli, come devo fare per vedere gli altri?
    Grazie

    Rispondi
    1. @ Adriano
      Grazie per il tuo interessamento. Riceverai i video successivi direttamente via email, per favore ricordati di controllare lo spam. Se per caso dovessi avere problemi ricontattami e sarò lieto di aiutarti…

      Rispondi
      1. Purtroppo non ho ricevuto alcuna mail con i video promessi, neanche nelle spam.
        Grazie per un intervento risolutivo.
        Adriano

        Rispondi
        1. @ Adriano
          Problema risolto… ora riceverai tutto 🙂 Grazie per la pazienza…

          Rispondi
    2. Ciao Giacomo, non riesco ad ottenere gli altri 3 video, nella spam non c’è niente, puoi aiutarmi?
      Grazie.

      Rispondi
      1. @ Pietro
        Fatto… ora riceverai di nuovo tutto 🙂 Un caro saluto e a presto!!

        Rispondi
  3. Buongiorno Giacomo, grazie per il post molto chiaro e convincente. Mi sembra che dai tuoi articoli il problema fondamentale è quello di mantenere freddezza e distacco dai nostri investimenti. Se si adotta una strategia bisogna non farsi influenzare dal primo colpo di vento. Del resto gli indicatori economici sembrano buoni dappertutto. E’ vero:alla larga dalle singole azioni. La verità è che quando si acquista un singolo titolo, io non so cosa vado a comprare. Chiarisco: non potrò mai sapere che cosa hanno in testa un Tim Cook o un Marchionne. E se, per esempio, domani mattina fanno un bel profit warning? Dal canto mio, pur non avendo la disponibilità minima per l’investment club, mi trovo bene con i tuoi consigli. Anzi, le correzioni le vedo come una manna dal cielo e ogni qual volta aggiungo un altro pezzettino. Insomma una specie di Pac “casareccio”. Grazie e un caro saluto.

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Sottoscrivo in pieno quello che dici. Investire singole azioni comporta rischi aggiuntivi che è bene conoscere e soppesare. A mio avviso dovrebbe comprare singoli titoli solo chi ha davvero la capacità di sceglierli con oculatezza, mentre l’investitore comune spesso investe in azioni di società “solite note” che magari sono di moda ma hanno fondamentali traballanti…
      Grazie per il tuo commento e a presto 🙂

      Rispondi
  4. buongiorno Giacomo,
    volevo chiederti la differenza tra un etf core msci world e un etf msci world.
    Inoltre tu consigli di inserire in un portafoglio sia prodotti ” hedgiati ” che prodotti nn “hedgiati”; nel caso di un etf world li cosigliesti entrambi, magari dividendo equamente il capitale in entrambi i 2 etf ?
    grazie buona giornata

    Rispondi
    1. @ Renata
      L’indice è sempre lo stesso, la differenza sta nel fatto che l’ETF che replica il primo indice non paga il dividendo, mentre quello che replica il secondo indice invece distribuisce il dividendo.
      In base alla strategia di portafoglio che scegli di impostare potranno esserci sia prodotti hedged sia non hedged. Io di norma preferisco lasciare il cambio libero di fluttuare, ma si tratta di una mia idea, tu puoi fare la scelta che ritieni più opportuna per te.
      Un caro saluto e grazie per il tuo commento…

      Rispondi
  5. ciao avevi pubblicato 4 etf su cui investire per un rendimento medio del 5% , non riesco più a trovarli come mai?

    Rispondi
    1. @ Maurizio
      Si tratta di “contenuto a tempo” che è stato rimosso, per quello non li trovi più, mi dispiace. Un abbraccio…

      Rispondi

Rispondi o Commenta