Imparare ad Investire: Poche Idee ma Buone

 

Imparare ad investire i tuoi soldi in modo redditizio e consapevole è davvero semplice. Una delle regole fondamentali da tenere a mente è quella di avere sempre una quota di azioni in portafoglio, acquisita usando strumenti finanziari a basso costo come gli ETF e “dimenticarle” per i prossimi 5 o più anni.

Se non hai dimestichezza con gli Exchange Traded Funds ti consiglio di guardare questo video prima di proseguire:

Saper Investire: il Disorientante Buy & Hold

La storia secondo cui investire in azioni è redditizio nel lungo periodo è nota a tutti gli investitori. Essa è una verità accertata e conosciuta, suffragata anche da appositi studi fatti sulla redditività dei mercati azionari sviluppati. Tuttavia essa è stata strumentalizzata dalle banche, avide nel venderti i propri prodotti. Ecco come la frittata viene rigirata a tuo sfavore.

Il Buy & Hold Risente Fortemente dei Costi

L’indice del mercato tecnologico americano NASDAQ 100 ha toccato il suo massimo il 2 aprile del 2000 a 4.291,53 punti. Il 1 aprile del 2018 l’indice valeva 6.433,21 punti. Tralasciamo l’effetto valuta (l’indice è denominato in dollari) e concentriamoci sui rendimenti. Il guadagno complessivo dell’indice nel periodo è stato del 49,90%. 100.000 € investiti sarebbero diventati 149.900 € con un rendimento medio annuo del 2,27%.

Se l’investimento fosse stato fatto attraverso un fondo specializzato del costo del 2% annuo 100.000 € sarebbero diventati 104.200 €. La differenza, pari a 45.700 €, sarebbe andata in fumo per colpa dei costi.

La tabella evidenzia questa discrepanza abissale:

nasdaq 100

Il Buy  & Hold Funziona Solo per Tempi Davvero Lunghi

Purtroppo non basta comprare un paniere di azioni diversificate e tenerlo per poco tempo per essere certo di ottenere un guadagno soddisfacente. Occorre tenere l’investimento fermo per tantissimi anni. Questo, però, è in netto contrasto con gli obiettivi delle banche, che impongono una certa movimentazione dei portafogli per poter vendere i prodotti di ultima generazione che vengono creati nel tempo.

Non conosco nessuno che abbia mantenuto lo stesso investimento per più di due o tre anni, perché poi gli veniva venduta la storiella che “il prodotto era superato” e che occorreva venderlo per sottoscriverne un altro più adatto al momento.

Il Buy & Hold è stato strumentalizzato dalle banche che hanno spostato l’attenzione dal “comprare un fondo e tenerlo” a “restare investiti a lungo nei mercati”, cambiando prodotto abbastanza spesso così da incassare ricche commissioni ad ogni cambio.

Imparare ad Investire: i Pilastri del Successo

Imparare ad investire è davvero semplice. Tutto può riassumersi in poche e semplici regole che ora analizziamo insieme:

Investi SEMPRE una quota di azioni e tienila nel tempo

Dal luglio 2014 al luglio 2018 l’inidce mondiale MSCI World, in euro, con reinvestimento dei dividendi, ha reso il 52% complessivo. Se avessi investito 100.000 € quattro anni fa ora ne avresti 152.000. Pochi però hanno raggiunto questo risultato, per due ragioni:

Se fossi rimasto fuori dal mercato azionario nei 5 giorni migliori, il tuo rendimento complessivo sarebbe stato del 31,12%, ossia avresti perso 20 punti percentuali di performance. Se avessi evitato i 5 giorni peggiori avresti ottenuto un guadagno dell’85%, con un 30% in più rispetto al buy and hold.

La tabella che segue ti dà i dettagli dei rendimenti:

msci world

Non Cercare di Battere il Mercato

La tentazione di movimentare l’investimento, comprando nei momenti giusti e vendendo ai primi sentori si uno storno è molto forte. Ma è una tentazione alla quale devi resistere. Anzitutto l’intuizione secondo cui la borsa dà con il cucchiaio e toglie con il mestolo è giusta. Evitando i ribassi avresti migliorato molto la performance, più di quanto tu abbia fatto perdendo i giorni di rialzo.

Esiste un sistema semplice per capire quando è ora di uscire dai mercati, e sono lieto di spiegartelo. Tuttavia tieni presente che purtroppo i giorni negativi non sono consecutivi, per cui è possibile che ti trovi ad effettuare un nutrito numero di acquisti e vendite con tutto ciò che ne consegue in termini di tasse e costi.

La cosa migliore da fare, se non hai un buon metodo di ingresso-uscita, consiste nel restare sempre investito, per lo meno in azioni globali.

Come Vincere ad un Gioco Perdente

Investire è un gioco a somma negativa. Qualcuno che guadagna c’è sempre, a scapito degli altri. E quel qualcuno sono le banche che ti sfilano i soldi dalle tasche proponendoti prodotti costosi. Ma vincere ad un gioco perdente è facile, se sai come farlo.

Il tutto si traduce nell’investire in azioni una quota variabile del tuo portafoglio che può andare da un minimo del 20% ad un massimo del 70%, tenendole nel tempo e usando strumenti finanziari a basso costo.

La parte non investita in azioni potrà essere tranquillamente impiegata in titoli di stato con media scadenza, diciamo intorno ai 7-10 anni.

Pensavi che imparare ad investire fosse così semplice?

Giacomo Saver

2 commenti
  1. Salve al blob! All’ inizio dell’ anno il nav dell’etf/f.c era al max. Ora e’ calato del 10% Posso ripianare e/o aspettare il prezzo iniziale che era piu’basso?.

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Dipende da come hai impostato il piano di investimento a monte. Rispondere alla tua domanda in modo “secco” equivarrebbe a prevedere il futuro, cosa che non sono in grado di fare.

      Rispondi

Rispondi o Commenta