Investimenti Sicuri in Banca. Così Blinderai il Tuo Portafoglio

investimenti sicuri

Articolo aggiornato il 28 agosto 2017

Come mai oggi parliamo di investimenti sicuri in banca? Forse le banche non sono più sicure? E come posso fare per dormire sonni tranquilli?

Grazie ad alcuni consigli di immediato utilizzo potrai continuare a fare in sicurezza i tuoi investimenti bancari in attesa che i mercati escano dallo stallo e siano pronti a ripartire.

Come sarebbe a dire “Investimenti Sicuri in Banca?” So che fino a pochi anni fa non era pensabile nemmeno ipotizzare che i soldi investiti (o meglio “depositati” in banca) fossero in pericolo. Ma ora lo sono, a meno che tu non adotti TRE PREZIOSI accorgimenti che faranno la differenza tra il dormire sonni tranquilli e il vivere con il Malox a portata di mano…

Anzitutto partiamo da una premessa: dal 2016 i creditori delle banche saranno coinvolti nel fallimento delle stesse e potranno perdere i propri soldi se il saldo del conto supererà i 100.000 euro per banca e per depositante. E questo è un fenomeno epocale di cui non si parla abbastanza a lungo. Ecco cosa sapere e come investire alla luce di ciò che avrai imparato.

Consigli per investimenti sicuri: le prime due regole

La prima regola per investire soldi sicuri consiste nell’evitare di sottoscrivere obbligazioni bancarie senza aver fatto attente analisi sulla solidità dell’istituto che le emette.

E’ piuttosto comune per i clienti sottoscrivere obbligazioni bancarie pensando che le stesse siano equiparate ai conti deposito o alle somme lasciate sui conti correnti ma invece non è così dal punto di vista della sicurezza.

In caso di default della banca il denaro investito in obbligazioni della stessa sarebbe perso in modo irrecuperabile mentre quello impiegato in conti correnti sarebbe protetto fino a 100.000 euro per banca per depositante.

Quali altre cose la tua banca ti tiene nascoste? Clicca qui e scoprile ADESSO…

Dopo venti anni di esperienza sul campo come ex bancario ora sono qui sul Web come investitore indipendente per dirti esattamente cosa fare (e cosa non fare) per mettere al sicuro i tuoi soldi. Ed iniziamo a mettere nero su bianco le prime regole per un investimento sicuro:

  • obbligazioni bancarie e conti correnti non sono uguali. Solo i secondi sono protetti in caso di default della banca. Non sottoscrivere più obbligazioni bancarie a cuor leggero
  • i conti correnti ed i conti deposito sono tutelati fino a 100.000 euro per banca e per depositante dal FITD (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi). Evita di tenere troppi soldi sul conto corrente se temi che la tua banca possa essere in pericolo…

Come diceva Corrado Mantoni nelle sue trasmissioni  televisive degli anni ’80… “E non finisce qui!!” Cos’altro c’è che devo sapere?

Investimenti in banca: come farli in modo sicuro

Il lettore di Segretibancari.com è solitamente un investitore con alcune centinaia di migliaia di euro. A volte anche con patrimoni molto consistenti per cui è ‘normale’ che si trovi ad avere somme liquide in conto di una certa entità. Magari perché sta seguendo la metodologia di investimento che racconto nel corso gratuito “A Scuola di Investimenti ed in questo momento è fuori dal mercato.

Quanto tenere sul conto corrente?

Un buon investimento bancario consiste nell’aprire più conti presso banche diverse e tenere un saldo per ogni conto inferiore ai 100.000 euro.

Ma a portata di mano hai un’altra soluzione che ora ti svelerò e che deriva dalla mia esperienza di studioso di diritto finanziario e bancario.

Tutto il discorso degli investimenti sicuri in banca ruota intorno al concetto di CREDITO. Se la banca fallisce e tu hai un credito rappresentato da obbligazioni perdi. Se hai più di 100.000 euro sul conto perdi l’eccedenza. Ma tutto questo vale solo perché tu sei creditore nei confronti della banca. E se tu non lo fossi? e se usassi la banca come magazzino per i tuoi investimenti?

Quello che voglio dirti è davvero semplice ma farà la differenza tra un investimento sicuro ed uno traballante.

Investi i tuoi soldi in strumenti finanziari sicuri, tipicamente in obbligazioni diversificate a breve termine (meglio ancora in ETF poco volatili), e lascia pochi soldi sul conto corrente. Tenendo il saldo sempre sotto i 100.000 euro e investendo l’eccedenza in prodotti finanziari di liquidità non sarai più un creditore della banca (a meno che, lo ripeto, tu non investa in obbligazioni bancarie) ma la banca sarà solo il custode dei tuoi bond o dei tuoi ETF.

Permettimi di farti due esempi.

Fabio ha 300.000 euro depositati sul conto corrente. I suoi non sono investimenti sicuri perché in caso di default della banca perderebbe 200.000 euro pari alla differenza tra il saldo e la quota garantita dal FITD (Fondo Interbancario di tutela dei depositi);

Marta ha 300.000 euro sul conto corrente. Con 200.000 euro compra un ETF specializzato su bond a scadenza breve e lascia la differenza sul conto corrente. Se la banca va in default gli ETF non saranno coinvolti (ricordi quello che ti ho scritto? Gli strumenti finanziari in deposito non sono crediti nei confronti della banca ma solo ‘oggetti’ in deposito). Il saldo del conto corrente è protetto fino a 100k… E dunque Marta non perderebbe nulla.

Intendiamoci, perderebbe se gli ETF in cui ha investito (o i singoli bond purché a breve scadenza e sufficientemente diversificati)  dovessero scendere di quotazione, ma il fatto stesso che si tratti di obbligazioni brevi fa sì che questo non accada.

Un modo per trasformare un capitale superiore a 100.000 euro in investimenti sicuri consiste nel comprare ETF obbligazionari (o singoli bond) diversificati e a scadenza corta spostando denaro dal conto corrente al conto titoli.

Ti sono piaciuti questi consigli? Clicca qui e scaricane altri gratuitamente!!

In questo modo passerai da “creditore” della banca ad “investitore” in strumenti finanziari. Ma ATTENTO!! Anche la banca potrebbe usare la storiella del default per venderti prodotti di investimento scadenti come, ad esempio, polizze vita e fondi comuni. Stai alla larga da questi strumenti che pur essendo sicuri costano molti soldi e saranno per te fonte di delusioni piuttosto grandi!!

Ora che sai come gestire i tuoi semplici investimenti bancari passa all’azione. Leggere senza agire di per sé non serve a nulla. Controlla il saldo dei tuoi conti e segue le indicazioni che hai appena letto. Così il tuo investimento sicuro in banca sarà ancora più “sicuro”…

Giacomo Saver

Direttore e Fondatore di Segretibancari.com

 

16 commenti
  1. Ad oggi investire in titoli europei o lasciare i soldi sul conto rende allo stesso modo e cioè quasi nulla.Un conto cointestato ha la garanzia di 200000 euro e se si hanno due conti in banche diverse si arriva a 400000 euro……abbastanza per attendere tempi migliori in discreta sicurezza giusto?

    Rispondi
    1. @ Gabriele
      Sì, secondo me è proprio così… A presto e grazie per il tuo commento.

      Rispondi
  2. Ho trovato utili informazioni e dritte su come investire anche quihttp://infoutili.blogspot.it/2015/09/come-investire-oggi-consigli-utili-e-riflessioni-sul-tema.html?m=0 . ancHor trovato una obbligazione che ha fruttato 500€ in 10 giorni

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Occhio alle “dritte” perché investire non è questione di dritte ma di strategia. Se insegui le dritte probabilmente andrai presto fuori strada…

      Rispondi
  3. quasi al termine dell’articolo è scritto in grassetto “spostando denaro dal conto corrente al conto titoli”.
    Da alcune settimane giro tra diverse Banche, grandi e piccole, chiedendo un Conto Titoli, ma i funzionari incaricati mi guardano come se venissi da Marte e mi confessano di non sapere niente di un conto titoli e si rifanno al solito deposito titoli collegato con il conto corrente ordinario.
    Che fare?
    Ringrazio e porgo cordiali saluti

    Rispondi
    1. @ Mariano
      In banca sono davvero preparati ha ha ha… Il conto titoli ed il dossier titoli sono la stessa cosa, vai tranquillo!! Per qualunque cosa sono qui per te e per tutti gli Amici che ci leggono…

      Rispondi
      1. Ti ringrazio per il chiarimento, ma sempre in merito al “Bail in” la Banca d’Italia ha emesso un dossier dove al capitolo: Quali sono le passività escluse dal bail in?, al punto iii) contempla “… i titoli detenuti in un conto apposito.”.
        Cosa si intende per un conto “Apposito” (?)
        che permetta di avere un ammontare di titoli superiore a 100.000 euro?
        Come si chiama/identifica un conto di tal genere?
        Ringrazio e porgo cordiali saluti

        Rispondi
        1. @ Mariano
          Si tratta di un dossier titoli, che è un conto apposito dedicato ad ‘accogliere’ prodotti finanziari. I titoli in deposito presso le banche di fatto non sono passività e pertanto restano fuori dal Bail In. Un caro saluto e buon investimento!!

          Rispondi
  4. ciao Giacomo e scusa se riesumo un post già vecchio di un paio di mesi… Avrei una domanda o meglio un consiglio da chiederti. Ho scoperto che mia madre si è fatta appioppare delle obbligazioni dalla sua banca (popolare di Vicenza). Non sono certo del tipo di obbligazioni, facendo una ricerca mi è uscito che sono ordinarie, è lo stesso che senior o sono diverse? Dovrebbero scadere all’inizio di agosto 2016, pensi sia meglio liberarsene? E se sì, ci saranno delle penali da pagare? Grazie mille (per tutto quanto, anche se non vedi il mio commento pazienza!)

    Rispondi
    1. @ Flavio
      Le obbligazioni ordinarie sono Senior e in teoria non dovrebbero venire toccate da salvataggi in extremis come quello delle 4 banche. Solo nel caso di default completo dell’istituto e di cancellazione dello stesso perderesti anche con i bond ‘standard’. Liberarsene non è facile. Se sono quotate puoi venderle ma di solito non lo sono per cui dovresti chiedere alla banca se è disposta a comprarle e a che prezzo. Fammi sapere e grazie a Te.

      Rispondi
  5. Buonasera Giacomo, una domanda: ho stipulato una polizza fideuram Vitainsieme al momento che scrivo gen2016 sto perdendo capitale dopo avere incamerato una discreta performance, sentiamo dei pareri negativi relativi alle unit linked, tu cosa mi consigli? Grazie. Gian

    Rispondi
    1. @ Gian
      Le polizze vita (comprese quelle Unit) sono inutilmente costose e destinate pertanto a perdere più del mercato durante le fasi di ribasso guadagnando meno durante i rialzi. Io la venderei subito per cambiare pelle al mio investimento usando strumento meno cari e più efficienti.

      Rispondi
  6. salve io ho fatto una polizza vita unigaratito life e life bonus stars , ora mai ho fatto questi due contratti che la banca mi ha consigliato , iio spero che siano sicuri i miei risparmi . come mi devo comportare per riscattare ?

    Rispondi
    1. @ Luca
      Ti ringrazio per la domanda. Trovi tutte le risposte che ti servono in questa guida. Buona lettura…

      Rispondi
  7. Il problema PRICIPALE COMUNQUE RIMANE LA SCELTA DEGLI etf!

    Rispondi
    1. @ Dante
      Credo che il problema principale sia l’implementazione di un sistema per investire oltre che la scelta degli ETF “giusti” da comprare. Vedremo entrambe le cose ad Investitore Libero

      Rispondi

Rispondi o Commenta