Correzione sui Mercati

Correzione

Una correzione è una discesa rapida ed incisiva delle quotazioni che si realizza in poco tempo, spesso in mancanza di variazioni nei dati “fondamentali”. Di solito durante le fasi di correzione i mercati scendono di una percentuale compresa tra il 10% ed il 30%.

A differenza dei mercati ribassisti, durante i quali le discese possono arrivare fino a – 50% e durano parecchi anni, le correzioni sono “pause fisiologiche” di un trend positivo che continuerà la sua crescita una volta che la correzione sarà finita.

Cosa innesca la correzione

Quando le quotazioni crescono per parecchio tempo alcuni investitori iniziano a vendere i propri strumenti finanziari per portare a casa il beneficio maturato. Questo innesca un ribasso al quale nessuno è più abituato. Altri investitori seguono a ruota l’esempio dei primi, e corrono a vendere per lo più spinti dal panico. Le vendite creano ribassi che attirano nuovi venditori ed altri ribassi, fino a che la correzione tocca un punto di minimo.

In questa fase è determinante il contributo dei media, che focalizzando l’attenzione delle masse sui recenti ribassi, alternano la percezione degli eventi. Investitori con un corretto orizzonte di lungo periodo entrano in una fase di ansia, provocata da ciò che sentono.

Per giustificare il ribasso delle quotazioni sovente si cercano degli utili “capri espiatori” quali, ad esempio:

  • il rialzo dei tassi
  • il rallentamento di qualche economia “in giro per il mondo”
  • l’eccessivo attivismo o l’inattività delle banche centrali.

La frequenza delle correzioni dei mercati

Le correzioni dei mercati (detti anche storni) sono un fenomeno fisiologico e ricorrente. Di solito esse si generano ogni anno, anno e mezzo e hanno un tempo di recupero che va dai tre ai sei mesi.

Un’altra caratteristica degli storni è la rapidità con cui essi fanno scendere le quotazioni, e la pervasività dei ribassi. Proprio perché è il panico a causarle, le correzioni riguardano una molteplicità di strumenti finanziari: azioni, obbligazioni e materie prime.

Tre modi per difendersi dalle correzioni

Non fare nulla

Vendere durante le fasi di storno è un grave errore per due ragioni. Anzitutto il movimento rialzista in atto è ancora intatto. Chi vende durante una fase di correzione si troverà costretto a rientrare successivamente a prezzi più alti. In seconda battuta la storia insegna che il recupero dopo una fase di correzione è veloce ed inatteso. Accreditati studi dimostrano che perdendo i dieci giorni migliori, la performance di un portafoglio decade rapidamente.

Le fasi di correzione possono essere sfruttate dai trader, ma non dagli investitori di lungo periodo.

Ridurre l’esposizione azionaria durante un mercato ribassista ha senso, durante una correzione assolutamente no.

Costruisci un portafoglio “galleggiante”

Nei mercati le stagioni si alternano come nel mondo reale. Dopo un tempo ne viene un altro. Ecco perché la miglior difesa dalle correzioni consiste nel costruire un portafoglio strutturato in modo tale da stare a galla durante tutte le stagioni che si possono presentare.

Creare un portafoglio con queste caratteristiche è davvero semplice e la sua efficacia è straordinaria, perché minimizza l’impatto di una correzione senza per questo ridurre i guadagni che si otterranno nel corso degli anni successivi.

La cosa bella è che bastano quattro strumenti per costruire un portafoglio anti correzione efficace.

Imposta il pilota automatico

Impostare il pilota automatico al portafoglio significa disporre di un meccanismo che ti aiuta a capire quando la correzione è “passeggera” o quando invece è qualche cosa di più profondo. Se ci troviamo nella prima ipotesi il ribasso è una importante occasione di acquisto, o di incremento delle posizioni.

Se la direzione prevalente del mercato è cambiata e ci troviamo di fronte a ribassi duraturi, sarà meglio uscire dal mercato. Il corso on line GRATUITO A Scuola di Investimenti ti insegnerà come costruire un portafoglio con il pilota automatico.

11 commenti
  1. Ciao Giacomo, ho avuto modo di notare in questi giorni di storno, che i tanto sbandierati (non certo da te) etf minimum variance o low volatily che dir si voglia, hanno generato delle perdite maggiori rispetto ai loro equivalenti (es: etf world) che secondo logica avrebbero dovuto perdere di più. Ti sarei grato se ci dessi una spiegazione di tutto ciò. Grazie e a presto!

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Gli ETF low volatility contengono la volatilità all’interno di un ribasso marcato, che dura parecchi mesi e ribassa i prezzi nell’ordine del 20 – 30%. La correzione di questi giorni, secondo me è troppo lieve per apprezzare l’abbattimento della volatilità da parte di questi strumenti.
      In ogni caso è meglio crearsi in casa la propria strategia evitando di usare strumenti che fanno il lavoro al posto nostro. In questo modo saremo sempre consapevoli di ciò che facciamo. Grazie per la tua domanda 🙂

      Rispondi
      1. Grazie a te,concordo in pieno!

        Rispondi
  2. Ciao, certo che quando la correzione si manifesta così forte ed improvvisa è difficile non pensare di vendere… ma un’inversione di trend può svilupparsi dopo una correzione? Penso sia questo a creare più panico. Grazie

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Perdona la franchezza, ma se per te questa correzione è forte, cosa farai quando il mercato perderà il 20 o 30%? Solo l’esistenza di un piano di investimento efficace ti dà la forza di non vendere nemmeno nei momenti peggiori. Se navighi a vista sui mercati è facile prendersi troppi rischi e correre a vendere nel momento peggiore.

      Rispondi
  3. Ciao Giacomo, ti seguo da qualche anno da quando ho approfondito meglio il campo degli ETF. I tuoi articoli e webinar sono stati molto utili. Concordo con te che avere un piano di investimento efficace sia l’unico modo per “sopravvivere” a questi momenti negativi, anche se lievi per ora. Il fattore emotività miete sempre tante vittime. Ti chiedo, questa “correzione” non può essere un buon momento per far acquisti a basso prezzo e beneficiarne in seguito? Grazie per il lavoro che fai.

    Rispondi
    1. @ Mattia
      Personalmente non saprei… Preferisco evitare di agire “di pancia” facendo previsioni che sarebbero dettate dall’emotività. Come sai le mie decisioni sono dettate unicamente dalle indicazioni provenienti dal mio sistema (lo stesso che insegno nei miei corsi) per cui mi baso su quello. Grazie a te per l’affetto con cui mi segui da così tanto tempo…

      Rispondi
  4. Chiarissimo come sempre. Però con questa correzione , per esempio, l ‘Azionario Europeo ha dato anche segnale di uscita (sistema dinamico). O sbaglio?

    Rispondi
    1. @ Marco
      A quale sistema dinamico ti rifersci? A quello che spiego A Scuola di Investimenti o a quello molto più completo che affrontiamo ad Investitore Libero?

      Rispondi
  5. Ovviamente quello di investitore libero.😉

    Rispondi
    1. @ Marco
      Confermo che il segnale di SELL è arrivato da un po’..

      Rispondi

Rispondi o Commenta