ETF a Replica Fisica e Sintetica. Come Sceglierli.

Pregi e difetti degli ETF a replica sintetica e fisica

Gli ETF a replica fisica sono quelli più di moda. Ma ci sono anche quelli a replica sintetica con vantaggi e punti deboli.

ETF-replica-fisica-sinteticaSia tu, Amico appena atterrato su questa pagina, sia Tu che da tempo segui il mio blog, sapete entrambi che investire in ETF rappresenta un modo per superare i limiti ed i costi dei fondi di investimento tradizionali.

Questo, però, è solo l’inizio.

ETF a replica fisica

Investire in ETF a replica fisica, significa acquistare degli strumenti che detengono in portafoglio le azioni che compongono l’indice da clonare. Non tutti i fondi passivi, però, acquistano direttamente sottostante. Qu esto accade, ad esempio, quando l’indice quell’ ETF replica è particolarmente diversificato, ossia composto da un numero troppo grande di titoli. In questi casi la modalità di clonazione del sottostante avviene in modo sintetico. Ecco come.

Investire in ETF a replica sintetica unfunded

In questo caso i tuoi soldi sono investiti  in un paniere sostitutivo (substitute basket) di titoli – diverso da quelli che compongono l’indice da replicare – più un contratto derivato. Il rischio della replica sta nel fatto che se fallisse la controparte del derivato stesso, l’ETF subirebbe un ribasso notevole. Al limite andrebbe in default se avesse tutto il suo patrimonio investito lì.

Clicca qui e scopri come investire nei migliori ETF

Ma tieni presente che:

  • per legge l’ETF non può investire più del 10% del suo patrimonio in derivati dello stesso emittente
  • c’è comunque il substitute basket a garanzia della patrimonialità dell’ETF

Quello che avviene, a livello di derivato, è lo scambio tra l’ETF e la controparte delle performance del substitute basket con quella dell’indice da replicare:

unfunded

Investire in ETF Funded

Se la modalità di replica usata è di tipo “funded” l’ETF non investe in un paniere di strumenti finanziari, ma consegna il denaro raccolto dagli investitori alla controparte del derivato che, in cambio, corrisponde la performance dell’indice che l’ETF stesso replicherà.

Per diluire il rischio, la controparte del derivato offre a garanzia un portafoglio di strumenti finanziari sui quali l’ETF potrà rivalersi in caso di fallimento. A differenza del caso precedente l’ETF non ha la proprietà del basket, ma ha una garanzia sullo stesso: in caso di default della controparte potrà rivalersi su esso.

Lo schema che segue, preso come il precedente, dal sito di Borsaitaliana illustra il meccanismo:

funded

Gli ETF Funded offrono garanzie maggiori di quelli unfunded, perché è prassi che il controvalore del portafoglio a garanzia (detto collaterale) superi il controvalore patrimoniale dello stesso ETF. Questo fenomeno è detto sovracollateralizzazione.

Clicca qui e scopri come investire nei migliori ETF

Quali ETF sono i migliori?

Nel corso Investment Training scoprirai come scegliere i migliori ETF disponibili, ma alcune linee guida desidero condividerle con te sin da ora:

  • se il sottostante è una commotidy o un metallo scegli gli ETF (ETC) a replica fisica
  • se il sottostante ha pochi titoli (ad esempio l’Eurostoxx 50) scegli gli ETF a replica fisica
  • se il tuo capitale è ‘ridotto’ e non puoi diversificare tu comprando diversi ETF a replica fisica, scegline uno a replica sintetica con un sottostante molto diversificato.

Come fare a sapere quali ETF sono a replica fisica e quali a replica sintetica? Anche di questo parleremo – a fondo – nel corso dal vivo Investitore Libero.

Se ti è piaciuto questo articolo, permettimi di ricordarti che “Sharing is carin”. Posso contare sul tuo aiuto nella sua diffusione?

 Giacomo Saver

https://www.facebook.com/segretibancari/

 

31 commenti
  1. Salve,

    Molto banalmente vorrei chiedere..a chi mi rivolgo per acquistare ETF? alla banca dove sono correntista? a promotori particolari? Broker online?

    Grazie

    Rispondi
    1. @ Giuseppe
      Puoi comprare gli ETF in modo molto semplice andando allo sportello della tua banca e rivolgendoti all’ufficio titoli oppure – se sei abilitato – puoi acquistarli direttamente on line sempre tramite la tua banca. Gli ETF sono scambiati in borsa per cui il loro acquisto equivale all’investimento in una qualunque azione. Non è necessario aprire altri conti presso altri intermediari o broker. Un caro saluto.

      Rispondi
  2. ciao giacomo,
    argomento ancora ostico per me, ma sto seguendo il corso investment training e sicuramente, come è accaduto per le obbligazioni, quando affronterò le lezioni inerenti si accenderà una luce! grazie …e grazie anche per gli articoli settimanali che diffondi perché sono sempre un valido aiuto per tutti coloro che ti leggono.
    …riguardo agli etf in banca se vai e chiedi non ti aiutano,( ti dicono di cercare quello che preferisci su borsa italiana e di leggere bene le caratteristiche) perché loro non possono proporli come investimento… e voila’ !
    ma noi ci formiamo e così aggiriamo l’ostacolo.
    buona giornata a tutti

    Rispondi
    1. @ Silvia
      Grazie a Te per la fiducia, l’affetto e la costanza con cui mi segui. All’interno del corso ci saranno due lezioni interamente dedicate agli ETF e ti prometto che dopo che le avrai terminate non avrai più nessun dubbio 🙂 Ad ogni modo riconfermo la mia totale disponibilità a spiegarti ogni cosa che non sarà chiara all’interno del Forum riservato agli iscritti. Un abbraccio 🙂

      Rispondi
  3. se chiedi al gestore titoli di una filiale qualunque 95 impiegati su 100 non sanno nemmeno cosa sia un etf.
    se vuoi farti due risate chiedi pure

    Rispondi
  4. se chiedi al gestore titoli di una filiale qualunque 95 impiegati su 100 non sa nemmeno cosa sia un etf.
    se vuoi farti due risate chiedi pure

    Rispondi
  5. Salve,
    cosa ne pensi dell’ Ossiam Etf iSTOXX™ EUROPE MINIMUM VARIANCE NR?

    Rispondi
    1. @ Marco
      Secondo me è da evitare. Si tratta di un ETF “strutturato” che ha un costo decisamente maggiore rispetto ai prodotti standard che replicano l’indice Eurostoxx 50. Mentre l’IShares sull’Eurostoxx costa lo 0,15% annuo l’Ossiam costa lo 0,65%. Inoltre nelle fasi di ribasso ha mostrato lo stesso “drawdown” dell’indice sottostante come puoi vedere qui.
      Io non lo acquisterei.

      Rispondi
  6. Ciao Giacomo
    se invece volessi usare un ETF per andare long o short su una valuta diciamo lo yen, che tipo di ETF dovrei scegliere?ma anche in questo caso dovrei scegliere una coppia di valuta se nn erro?

    Rispondi
    1. @ Bob
      Dovresti scegliere un ETF valutario. Il problema è che non mi risulta che prodotti di questo tipo (che peraltro sarebbero ETN, ossia delle passività e non degli ETF veri e propri) siano quotati su Borsaitaliana. Per fare investimenti valutari senza andare necessariamente nel Forex dovresti usare i covered warrant, con tutte le problematiche del caso 🙂

      Rispondi
  7. ciao Giacomo vorrei sapere la differenza tra DJ EURO STOXX 50 e ETF STIXX 50 Ldrs ti ringrazio anticipatamente perche sei molto disponibile

    Rispondi
    1. @ Alberm
      Perdonami ma non ho trovato nulla come “ETF STIXX 50”. la prima cosa che mi viene in mente è che l’Eurostoxx 50 è un indice di borsa rappresentativo del mercato azionario area euro, mentre l’ETF che segnali tu è un fondo passivo che ne clona l’andamento. Se mi dai qualche dato in più ti risponderò volentieri. Buona giornata e a presto.

      Rispondi
  8. Ciao Giacomo
    ma dove capisco su Borsa Italiana se un ETF è a replica fisica o sintetica?
    Ad esempio per questo:
    http://www.borsaitaliana.it/borsa/etf/scheda.html?isin=FR0010245514&lang=it

    non capisco dove si trovi la replica?
    Sai illuminarmi??
    Grazie 1000

    Rispondi
    1. @ Bob
      Non trovi questi dati sul sito di Borsaitalia. Devi scovarli leggendo attentamente la documentazione presente sui siti degli emittenti degli ETF. In questo caso la replica è fisica 🙂 Un abbraccio.

      Rispondi
  9. ciao Giacomo ho scritto male era etf stoxx50 ma la mia curiosita volevo sapere la differenza tra i due sinteticamente perche posseggo entrambi ciao un abbracio

    Rispondi
    1. @ Alberm
      Non c’è nessun problema. L’Eurostoxx 50 è un indice rappresentativo dell’area euro che investe nei 50 titoli dell’Europa appartenente alla moneta unica. L’investimento nell’Eurostoxx, quindi, non implica il rischio di cambio. L’ Stoxx 50, invece, è rappresentativo delle borse dell’Europa ed è composto per il 40% da azioni inglesi, per il 23% dalle azioni di Stati Europei Continentali non euro e per il restante da titoli dell’area euro.

      Ciò significa che ti espone al rischio di cambio, e che abbraccia un’area di investimento più ampia e diversificata.

      Rispondi
  10. grazie Giacomo la mia banca mi ha proposto INVESTMENT SOLUTIONS BY EPSILON
    Fondo comune d’investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli che ne pensi ?,sai non mi riesce ancora a capire bene quale ETF scegliere

    Rispondi
    1. @ alberm

      Purtroppo non si tratta di ETF ma di fondi a gestione attiva amministrati da Eurizon (Intesa San paolo), quindi i soliti prodotti cari ed inefficienti da evitare. Questo genere di fondo ‘mangia’ gran parte del rendimento prodotto per colpa delle commissioni di ingresso e di gestione. Ti sconsiglio di sottoscrivere questi investimenti

      Rispondi
  11. ciao Giacomo vorrei chiederti un consiglio vorrei investire circa 2000 per ciascuno di questi etf o per 2 ▪ iShares Barclays Euro Corporate Bond ex-Financials
    ▪ iShares Markit iBoxx $ High Yield Capped Bond
    ▪ iShares Morningstar $ Emerging Markets Corporate Bond
    ▪ iShares Global Corporate Bond e come posso vedere quanto un etf e piu scambiato grazie un abbraccio

    Rispondi
    1. @ Alberm
      Ottima l’idea di diversificare su più ETF. Ho qualche perplessità, però, sul mercato obbligazionario che è ‘drogato’ dai b assi tassi di interesse a livello mondiale. Fai attenzione perché basterà un modesto aumento dei tassi per fare perdere di valore a quegli ETF che, nonostante l’apparenza, sono molto volatili.
      Puoi vedere il volume scambiato sul sito di borsaitalia nella scheda dell’ETF che ti interessa. Un abbraccio anche a te.

      Rispondi
  12. Non mi è chiaro se è possibile replicare con metodologia fisica un indice molto ampio. Sembrerebbe di sì, per esempio SPDR MSCI ACWI IMI UCITS ETF replica MSCI ACWI IMI con Metodologia di Replica Fisica – Ottimizzazione. A parte il fatto che non so cosa vuol dire ottimizzazione, questo tipo di ETF sono da evitare per qualche motivo, per esempio per un tracking error troppo alto?
    Chiedo scusa se ho scritto troppe idiozie. Ho iniziato a studiare gli ETF 🙂

    Rispondi
    1. @ Killer
      L’indice MSCI World è un indice composto da 1.500 titoli. Difficilmente l’ETF li avrà tutti ed ecco allora il discorso dell’ottimizzazione. In pratica si acquistano solo alcuni titoli sottostanti così da avere un paniere che replichi il più fedelmente possibile l’indice, a costo di un discreto scostamento (il tracking error appunto).
      Io sceglierei un altro ETF come quello di Ishares (IE00B0M62Q58) che ha un limitato tracking error ed è molto liquido. Un caro saluto.

      Rispondi
  13. Egr.Dott.SAVER,
    prendo spunto dalla testimonianza di Alberm e alla risposta data in merito al Fondo “Investment Solutions by Epsilon”.
    Anch’io ho sottoscritto nel 2012 delle quote, tramite la Banca collocatrice (Intesa Sanpaolo) che si trova in conflitto d’interesse in quanto appartenente al medesimo gruppo della Società di Gestione, Eurizon Capital e del Gestore, Epsilon SGR.
    Non ho pagato commissioni di sottoscrizione ma sono previste a carico dell’investitore commissioni di avviamento, di gestione e eventuale di rimborso, anche se sono previsti dei proventi ogni anno solare, che tra l’altro quest’anno ho ricevuto.
    Il Fondo ha durata illimitata e il rimborso delle quote può essere richiesto in qualsiasi momento.
    Si tratta dei soliti Fondi mangia soldi utile a far arricchire la Banca e che regolarmente ci sconsiglia di sottoscrivere?
    Non Le chiedo naturalmente un’analisi dettagliata ma un Suo giudizio di approfondimento anche a beneficio degli altri lettori.
    Grazie,
    GEO.

    Rispondi
    1. @ Geo
      Non posso esprimere un giudizio senza analizzare il prodotto, poiché non sarebbe serio ma superficiale. E, purtroppo, come le ho scritto in altre occasioni l’analisi dei singoli prodotti finanziari non può trovare spazio in questa sede.
      La ringrazio per la comprensione…

      Rispondi
  14. Salve Signor Giacomo sto leggendo molto negli ultimi mesi, specialmente sul suo sito, riguardante gli ETF e i vari tipi esistenti. Mi sembra di aver capito che per aver la migliore istruzione su un buon portafoglio diversificato dovrei partecipare al suo corso multimediale, ma diciamo che per assenza di tempo potrei optare per l’ebook? imparerei lo stesso in modo efficiente come costruire un portafoglio degno e sicuro? poi un giorno magari tempo e lavoro permettendo impegnare più tempo e approfondire ulteriormente con il corso multimediale.

    Rispondi
    1. @ Anna
      Secondo me le conviene partire senza dubbio con l’ebook. Il corso Investment Training è completo e definitivo ma richiede un impegno maggiore rispetto allo studio di un libro digitale. Io inizierei dall’investimento perfetto per poi proseguire la formazione se ne avrà l’esigenza.
      Un caro saluto e a presto!!

      Rispondi
  15. Buongiorno dott. Saver, quando sento parlare di derivati mi preoccupo un pò, mi sembrano una cosa estremamente rischiosa perchè in televisione ne ho sentite di tutti i colori; mi potrebbe spiegare che differenza c’è tra un prodotto tipo lo swap degli etf di cui parla e i derivati in generale? So che forse la cosa richiede una trattazione più lunga, ma giusto per capire cosa c’è dietro ai derivati. La ringrazio molto, saluti.

    Rispondi
    1. @ Rikki
      I derivati sono (e restano) derivati ma nel caso degli ETF esistono dei meccanismi di tutela dal rischio di controparte (ossia di default del soggetto che ha emesso il derivato comprato dall’ETF). Al corso dal vivo Investitore Libero parleremo a lungo di ETF dando tutti gli strumenti per scegliere i migliori ed i più affidabili.
      La aspetto in aula e la ringrazio per il suo commento…

      Rispondi
      1. Si capisco. perciò lei dice che rispetto ai normali derivati di cui si sente tanto parlare, gli ETF hanno delle forme di tutela maggiori? penso a quegli indici astrusi nascosti dietro a degli investimenti apparentemente normali che sono stati propinati a un sacco di soggetti; ne aveva parlato anche Report tempo addietro. La ringrazio tanto per la sua risposta.

        Rispondi
        1. …mi scuso per l’imprecisione, alludevo al contratto swap degli ETF a replica sintetica, non intendevo che gli ETF sono dei derivati.

          Rispondi
        2. @ Rikki
          Stia tranquillo, dietro gli ETF non si ‘nascondono’ derivati strani. Avremo modo di approfondire l’argomento ad Investitore Libero. Buon fine settimana e grazie per il commento.

          Rispondi

Rispondi o Commenta