Media Mobile

Media Mobile: Calcolo e Applicazione in Finanza

La media mobile è la media aritmetica semplice di una serie scorrevole di dati. Essa è usata in ambito finanziario per rendere più fluide le serie storiche e individuare più facilmente i trend di mercato. Le medie mobili possono avere una durata più o meno lunga e possono essere usate come unico indicatore o in abbinamento con altri indici o con medie di “durata” differente.

L’indicatore più usato nel mondo degli investimenti è la media a 200 giorni, in grado di intercettare i cambiamenti nel trend di lungo periodo dei mercati.

Calcolo delle Medie Mobili

Ogni media mobile è caratterizzata da una sua “lunghezza“, ossia dal numero di giorni usati nel calcolo. Una media mobile a 50 giorni, ad esempio, sarà calcolata usando i prezzi dei 50 giorni precedenti; la media mobile a 200 giorni userà 200 dati e così via.

Le medie semplici attribuiscono ad ogni dato il medesimo peso e si calcolano facendo la media aritmetica semplice dei dati; le medie esponenziali, invece, attribuiscono un peso maggiore ai prezzi più recenti.

Ricordando che “la semplicità è la massima sofisticazione” ci concentreremo sul calcolo della media mobile semplice.

Come Calcolare le Medie mobili con Excel

Per il calcolo delle medie mobili è opportuno usare un foglio di calcolo, come Excel o Open/Libre office. Il procedimento è il medesimo.

La prima cosa da fare consiste nello scaricare la serie storica che ti interessa da un fornitore di dati: yahoo finanza o Investing.com, ad esempio. Una volta che hai disposto i dati su un foglio di calcolo ordinandoli per data crescente (dalla più vecchia alla più recente), potrai usare la funzione MEDIA:

media mobile

A questo punto seleziona la serie storica dei prezzi. Supponendo di voler calcolare la media mobile a 200 giorni ti posizionerai nella riga corrispondente al duecentesimo prezzo e calcolerai la media dei primi duecento dati. Trascinando la formula, o duplicandola con il comando “copia/incolla“, avrai che la riga successiva medierà i prezzi dal secondo al 201-esimo e così via.

Ogni valore sarà semplicemente il risultato della media dei 200 dati precedenti. Attraverso un procedimento analogo potrai calcolare medie mobili di diversa lunghezza, da usare per individuare i punti di svolta del mercato.

Tre Modi per Fare Trading con le Medie Mobili

Le medie mobili possono essere usate per stabilire il momento ottimale per entrare o uscire da un mercato finanziario. Poiché i bond, nell’insieme, presentano trend mediamente crescenti grazie alla maturazione degli interessi, l’uso delle medie mobili sarà particolarmente efficace in ambito azionario.

L’Incrocio tra Prezzo e Media mobile

investitore liberoIl modo più semplice di usare le medie consiste nell’esaminare il punto in cui esse intersecano la linea dei prezzi. A scopo di investimento la media più utile è quella a 200 giorni, corrispondente a circa un anno lavorativo e più adatta ad intercettare i trend di lungo periodo.

Seguendo questa regola il momento di ingresso in un certo mercato si avrà quando il prezzo interseca la media mobile dal basso verso l’alto. Quando il prezzo interseca la media mobile dall’alto verso il basso, è ora di uscire da quel mercato.

Questa semplice regola funziona discretamente bene su ampi mercati finanziari, e può essere di aiuto nello scegliere il momento migliore per comprare o vendere un ETF diversificato. Il problema sta nel fatto che quando il mercato attraversa una fase di lateralità, ossia è privo di una tendenza precisa, il modello farà comprare alto e vendere basso, producendo una serie di falsi segnali.

Sebbene non sia mai possibile eliminarli  del tutto, esistono delle strategie alternative (e più complesse) per ridurre i falsi segnali.

L’Incrocio tra Due Medie Mobili

Invece di comprare e vendere sull’intersezione tra il prezzo del titolo, dell’indice o dell’ETF e la media mobile, andremo a calcolare due medie mobili di diversa lunghezza:

  • una media lunga, di solito pari a 200 giorni
  • una media più corta, di durata variabile a seconda del mercato in cui si opera

In questo caso il segnale di acquisto si avrà quando la media mobile corta interseca, dal basso verso l’alto, la media mobile lunga. L’intersezione della media corta su quella lunga dall’alto verso il basso innescherà il segnale di vendita.

L’uso di due medie riduce i falsi segnali ma complica notevolmente il processo, perché ogni mercato avrà una “sua” media ottimale, che andrà tarata e ottimizzata seguendo un procedimento rigoroso.

Il Filtro

Filtrare una media mobile equivale a imporre un certo ritardo alla stessa o al prezzo. Secondo il procedimento più semplice il segnale di acquisto avverrà quando il prezzo supera la media mobile a 200 giorni di una percentuale prefissata, detta filtro. Ad esempio applicare un filtro del 3% significa comprare quando il prezzo non solo ha intersecato dal basso verso l’alto la media mobile, ma l’ha superata del 3%.

In caso di vendita occorrerà procedere in senso contrario, e vendere quando il prezzo sarà sceso sotto la media mobile di un valore pari al filtro.

Come nel caso precedente ogni mercato necessita di un “suo filtro” che andrà tarato ed ottimizzato volta per volta.

Come Ridurre i Falsi Segnali in Modo Semplice

Usare le medie mobili all’interno di un sistema dinamico per investire comporta due tipi di problema: i falsi segnali e il ritardo con cui le medie mobili agiscono. I filtri e l’uso congiunto di due medie mobili servono a ridurre i falsi segnali, ma non risolvono l’inconveniente della complessità né del ritardo.

Grazie alla elaborazione di una sola media mobile, insieme con l’uso di un altro indicatore davvero semplice da usare, sono riuscito a creare un buon compromesso tra la semplicità delle regole, la riduzione dei falsi segnali e l’anticipazione dei momenti di ingresso.

Nel mio corso dal vivo Investitore Libero ti spiegherò in dettaglio come funziona questo modello, così semplice da usare ma così straordinario nella sua capacità di farti entrare e uscire dai mercati nei momenti ottimali.

Giacomo Saver

Segretibancari.com

Rispondi o Commenta