Polizza vita: I segreti di Fineco Core Unit

Fineco Core Unit è una polizza vita di tipo Unit Linked. Che nasconde un “piccolo” segreto.

polizza vitaGrazie alla richiesta di un Amico lettore, esamineremo la polizza vita Fineco Core Unit per scoprire che anche i migliori a volte possono nascondere qualche segreto. In particolare saprai perché l’offerta di Fineco, in questo caso, va presa con le pinze.

Un sorriso apparve sul mio volto quando, l’altra mattina, ricevetti un sms.

Caro dr Saver, le chiedo se un domani può fare un post sulla polizza vita Core Unit di Fineco. Sembra un paradiso fiscale ma io non mi fido e vorrei conoscere la sua opinione. Grazie.

Di certo questo argomento interesserà parecchi dei lettori di segretibancari, ho pensato. E così mi sono preso il tempo per esaminare di che si tratta. Qualche idea già l’avevo, ma ora ne discuteremo insieme.

Che cos’è  veramente Fineco Core Unit?

Le polizze vita sono molto insidiose. perché spesso si celano dietro nomi strani:

  • investimenti assicurativi
  • investimenti “vestiti” da assicurazione
  • investimenti sicuri

ma la sostanza è sempre la stessa: le polizze vita sono un prodotto finanziario INADATTO per gestire i tuoi soldi, per il semplice fatto che i costi ASSURDI che esse nascondono finiscono con l’azzerare i rendimenti. Ma Core Unit non è una polizza vita qualunque…

Appartenendo al “gruppo” delle Unit Linked, la proposta di Fineco ti permette di ottenere due importanti vantaggi fiscali:

  • all’interno della polizza puoi compensare plusvalenze e minusvalenze anche tra fondi di investimento, cosa che di solito è impossibile, poiché i redditi generati e le perdite subite hanno natura diversa e non sono compensabili;
  • puoi trasmettere il capitale a chi vuoi (anche ad una persona al di fuori dell’asse ereditario) in esenzione delle imposte di successione.

Ma, come vedrai tra poco, questi benefici presentano delle pericolose controindicazioni.

Un modo per pagare due volte lo stesso pasto

Che cosa diresti se, arrivato alla cassa dopo aver pranzato, l’operatore battesse sul registratore di cassa due scontrini identici per lo stesso pasto? Non credo saresti contento di pagare due volte il medesimo servizio, vero?

Purtroppo la polizza vita di tipo Unit Linked fa esattamente questo. Ti fa pagare una doppia commissione, poiché essa è un fondo di fondi. Quindi pagherai la commissione di gestione sul “contenitore” e la commissione di gestione su ogni singolo prodotto (fondi naturalmente) inserito in portafoglio.

Sul sito di Fineco non ho trovato evidenza dei costi di Core Unit,perché l’obiettivo della banca è farti incontrare un consulente, in modo che prima di dirti il costo del prodotto possa raccontarti un sacco di belle parole per rendere più dolce la pillola.

Dall’esame di prodotti analoghi è emerso come la polizza vita unit linked sia particolarmente costosa: l’onere annuo raggiunge tranquillamente il 3%.

Ora per favore spiegami tu come un prodotto gravato di costi così importanti potrà offrirti un buon rendimento

Quando scegliere questa polizza vita

Ci sono dei casi in cui Fineco Core Unit va bene per me? SI…

  • se vuoi trasmettere un patrimonio a persone estranee al tuo asse ereditario (ad esempio ad un amico di infanzia o ad un’associazione benefica)
  • se vuoi evitare – in modo assolutamente legale – di pagare imposte di successione
  • se vuoi compensare minusvalenze e plusvalenze all’interno di un unico prodotto.

Come vedi le motivazioni per scegliere Fineco Core Unit non sono di natura finanziaria, ma successoria e fiscale. Dal punto di vista finanziario, infatti, si tratta di una polizza vita da evitare perché inutilmente costosa (non ho il dato ma lo posso immaginare).

Se il tuo obiettivo è fare un ‘investimento normale’ e non hai nessuna delle esigenze appena esposte allora la polizza vita Fineco Core Unit non fa per te.

Rileggendo questo post un altro sorriso è apparso sul mio volto: chissà se l’amico che mi ha mandato l’sms si farà vivo ora che ha letto un post che ho scritto su sua indicazione?

Giacomo Saver

Coach Finanziario e Consulente Indipendente

13 commenti
  1. Dott.Saver
    per non parlare di “Fineco Advice” un servizio di consulenza dove vengono amministrate cifre per un minimo di 100.000/150.00€ con un onere fisso del 2.20% annuo sull’amministrato, dove ti dicono che devi restare investito per almeno 5 anni ( e sono 11.000€ di commissioni) e ti fanno investire su fondi ed etf raccontandoti che ti retrocedono parte delle commissioni di gestione de traendole algebricamente dalle loro commissioni ….. sarà pure vero a parte il fatto che magicamente diminuiscono i fondi consigliati ed aumentano azioni obbligazioni ed etf…chissa perchè..( commissioni di gestione nulle o di valore decimale…). Poi vorrei sapere se può essere lecito presentare le previsioni facendo vedere una semplice curva di Gauss con un’area probabilistica che a 5 anni abbraccia un risultato da un minimo di -10% ad un massimo di + 70%, ma si dimenticano di dirti che tutto dipende dalla esattezza delle loro previsioni di partenza……,
    Ci sarebbe da aggiungere che , (anche se non dipende da loro, ovviamente)…che sui guadagni pago il 26%+11% in cinque anni tocca a loro ( sull’amministrato….) +un altro 1% pago di tassa sul conto titoli.+ commissioni di gestione … In pratica il
    cliente mette i soldi senza nessuna garanzia e c’è un mucchio di gente che sicuramente guadagna… Scusi se sono stato prolisso e, probabilmente, anche impreciso ma se non aderisci ti fanno passare per un quajan …..( detto alla Guccini)
    Saluti Pierluigi Marino

    Rispondi
    1. @ Pierluigi
      Non solo, ma i mercati finanziari nonsi muovono secondo curve gaussiane ma secondo una logica “frattale” e frammentata… Quindi seguire il modello della frontiera efficiente può essere molto pericoloso…

      Rispondi
    2. SALVE SONO UN PROMOTORE FINECO E LE CONFERMO CHE E’ STATO MOLTO IMPRECISO E SU DIVERSI PUNTI CHE LE DESCRIVO. 1) LE COMMISSIONI RETROCESSE ALLA RETE DEI PROMOTORI SONO QUASI IN LINEA CON QUELLE PERCEPITE SULL’ACQUISTO DI ALTRI FONDI.
      2) ALLE BAGGIANATE SCRITTE DAL CONSULENTE INDIPENDENTE (DOPPIE COMMISSIONI DI GESTIONE) REPLICO CHE DOVREBBE ANDARE A STUDIARE IL PROVVEDIMENTO BANCA D’ITALIA 8/05/2013 CHE VIETA LE DOPPIE COMMISIONI DI GESTIONE DA TALE DATA.
      3) L’UNICO STRUMENTO CHE LEGALMENTE CONSENTE DI AVERE LA COMPENSAZIONE DELLE MINUSVALENZE ATTUALMENTE E’ LA UNIT LINKED E QUESTO SI TRASFORMA IN UN VANTAGGIO FISCALE NON INDIFFERENTE SOPRATTUTTO SU CLIENTI CON PATRIMONI CONSISTENTI.4) GLI SWITCH INTERNI SONO COMPLETAMENTE GRATUITI E AVVENGONO IN UN GIORNO CIRCA CON VALUTA COMPENSATA (CONTRO UNO SWITCH CLASSICO CHE AVVIENE TRA 2 CASE D’INVESTIMENTO DIVERSE ANCHE IN 10 GIORNI LAVORATIVI) 5)ADVICE UNIT HA UN COSTO CHE PUO SCENDERE FINO ALLO 0,60% DIPENDE DAL TIPO DI INVESTIMENTO AZIONARIO MONETARIO ECC… E SOPRATTUTTO DALL ‘IMPORTO CONFERITO ALLA BANCA…SE HA INOLTRE UN PROMOTORE FINECO LE POTRA DIRE CON ESTTEZZA IN BASE AL SUO PROFILO E AL SUO IMPORTO QUANTO PAGA DI COMMISSIONE DI GESTIONE PERCHE’ E’ STATO CREATO UN PREVENTIVATORE AD HOC…6) NON ESISTONO STRUMENTI CHE POSSONO GARANTIRE AL 100% IL CAPITALE OGNI INVESTIMENTO ANCHE I SOLDI CHE HA IN TASCA (GLI EURO) HANNO UN RISCHIO. NEL CASO DELLO STRUMENTO IN QUESTIONE C’E’ QUANTO DI MEGLIO ESISTA NELLA TECNOLOGIA MODERNA MESSO A DISPOSIZIONE DALLA NOSTRA BANCA PER CREARE PORTAFOGLI CON ELEVATA DIVERSIFICAZIONE CHE PERMETTE SICURAMENTE UNA MAGGIORE SALVAGUARDIA DEL CAPITALE NEL TEMPO.7) LA STRUTTURA DELLA UNIT LINKED INOLTRE CONSENTE AL CLIENTE DI BENEFICIARE DI TUTTI GLI IMPORTANTI VANTAGGIO ASSICURATIVI…DISTINTI SALUTI.

      Rispondi
      1. @ Roberto
        La ringrazio per le precisazioni caro Roberto e per il fatto di aver trovato il tempo per leggere il mio articolo. Capisco bene che l’interesse a vendere i prodotti del risparmio “gestito” sia molto forte per chi opera nella promozione finanziaria. Tuttavia credo che non sarebbe male suggerire anche dei prodotti meno costosi come gli ETF, cosa che non avviene quasi mai perché l’interesse allo stipendio ha il sopravvento rispetto alle esigenze del cliente.
        Un caro saluto e a presto.

        Rispondi
    3. Ciao Giacomo, mi servirebbe un tuo prezioso consiglio. Il mio promotore finanziario di Fineco mi ha proposto una opportunità che si chiama Fineco Advice che con un basso rischio permette di ottenere un 3% di guadagni annui (con un ampio e diversificato portafogli) più un POSSIBILE 1-2% di guadagni sul capitale, il tutto spalmato su un periodo di 3-5 anni. Insomma il guadagno deriverebbe dalle cedole che ti vengono pagate più gli interessi sul capitale. Chiaramente anche se le quote azionarie acquistate sono molto basse, gli interessi sul capitale dipendono molto dall’andamento sul mercato. Ora premesso che non sono un esperto di finanza, secondo te vale la pena fare questo gioco? E fino a quanto si potrebbe investire del proprio capitale, a me il promotore ha proposto il 75%. Diciamo che se fosse sicuro come vincolare i soldi non avrei dubbi, ma diciamo che tecnicamente un minimo di rischio c’è. Ora le mie domande sono:
      1- è possibile che uno o più fondi falliscano? E in quel caso ci sarebbe una forte perdita?
      2- lui mi ha garantito che nel lungo periodo (già 2 anni) TUTTI sono andati a guadagnare almeno il 3% su base annua.
      3- se il guadagno è di un potenziale 3%, fondamentalmente le eventuali perdite dovrebbero essere anch’esse del 3% oppure c’è un rischio reale che siano superiori, non so 10% o addirittura di più?
      4-Per verificare l’effettivo rischio dei fondi è opportuno che vada a verificare ogni singolo fondo su Morningstar?
      Poi, premesso che il promotore mi sembra una persona seria e preparata a livello finanziario, io sarei nelle sue mani fondamentalmente???
      Te che ne pensi?? Diciamo che se filasse tutto liscio, sarei allettato da questa prospettiva. Grazie ancora.

      Rispondi
      1. @ Francesco
        Il servizio di Advice di Fineco è un servizio di investimento a parcella che NON PUO’ in nessun modo fare proiezioni di rendimento. Farlo è scorretto: è come se ti dicessi che i rendimenti passati ottenuti dai clienti dell’Investment Club saranno riprodotti nel tempo. Assurdo.

        I fondi non possono fallire, ma difficilmente offriranno rendimenti elevati per colpa dei costi. Io non sottoscriverei il servizio, che tra l’altro non è nemmeno economico, ma imparerei a muovermi da solo seguendo questi semplici consigli.

        Rispondi
  2. Buonasera,
    sono un promotore finanziario di Fineco e devo dire che almeno su un punto sono assolutamente d’accordo con il Sig. Pierluigi: è stato davvero molto impreciso.

    Rispondi
  3. Ci spieghi Sig. Zugno, io sono interessato a sentire anche la Sua versione.
    Grazie

    Rispondi
  4. Si presenta nello stesso modo portfolio life bonus di Unicredit.
    Qui addirittura lo vendono con una cedola annua anticipata del 4%, ma i realtà (come indicato sul contratto) è un riscatto parziale programmato al tasso fisso del 4%.

    Rispondi
  5. Perchè devo pagare un architetto se la casa me la costruisce l’impresa ? A cosa serve un medico se poi le medicine le compro in farmacia ? A cosa serve un avvocato se mi basta il codice civile o penale ?
    Il consiglio finanziario è difficile da percepire e così accade che che la si confonde con i “prodotti”.
    Certamente un post non potrà mai essere esaustivo e, personalmente preferisco utilizzare il tempo per lavorare e non per fare formazione
    Mi limiterò a dire che la mifid 2 prevede che le banche non possono percepire commissioni diverse da quelle di consulenza quindi sia per i fondi di fondi sia per i servizi di monitoraggio le rebates sono totali e quindi non esiste alcuna doppia commissione (PER LE BANCHE GIA’ ALLINEATE A MIFID 2)

    Rispondi
    1. @ Christian
      E’ tutto vero quello che scrivi, ma il fatto che le banche amino i prodotti del risparmio gestito e che molti di loro siano inefficienti è un ‘vizietto’ che non credo scomparirà purtroppo…

      Rispondi
  6. Anche io ho una polizza vita con Credit Agricol, propostami dalla Cariparma per sostituire un rovinoso investimento precedente. Ora io voglio chiudere il conto corrente acceso presso di loro, me lo proibiscono perchè ho questa polizza “Private exclusive” e devo pagare circa 60 euro all’anno per un c/c che non uso.

    Rispondi
    1. @ Gaetana
      Credo sia un vero e proprio sopruso quello che le hanno fatto. La polizza non necessita di un conto corrente per stare in piedi, sporga reclamo ufficiale intimando alla banca di chiudere il conto ribadendo che la polizza non richiede l’esistenza di un conto corrente attivo e ci faccia sapere.

      Rispondi

Rispondi o Commenta