Russiagate e Mercati Finanziari: i Nostri Soldi Rischiano VERAMENTE?

russiagate-e-mercati-finanziari

Russiagate e mercati finanziari: un cocktail esplosivo che ha provocato ingenti ribassi nei listini. E’ finita qui o dobbiamo aspettarci di peggio?

La Russiagate ha sconvolto i mercati finanziari, i cui fondamentali restano peraltro positivi. Per questa ragione, a mio avviso, è bene non farsi prendere dal panico e tenere le posizioni piuttosto che affrettarsi a vendere tutto e subito.

E’ inevitabile che accada. Dopo mesi di salita ininterrotta DOVEVA arrivare qualche notizia in grado di fare scendere i mercati. Una sorta di pretesto, di occasione per indurre gli speculatori a prendere profitto e correre a vendere nella speranza di rientrare a prezzi più bassi. Ma l’investitore di lungo corso farà bene a stare fuori da certe logiche, e a tenere presente alcune regole di comportamento sempre valide.

Russiagate e mercati finanziari: perché i ribassi sono difficili da accettare?

I ribassi non piacciono a nessuno, sia che essi corrodano i guadagni (perché eravamo entrati parecchio tempo prima e siamo in utile) sia che essi intacchino il nostro capitale (perché avevamo investito da poco). Gestire queste fasi di mercato è difficile sia sotto il profilo tecnico sia quello psicologico. Vediamo perché…

  • dal punto di vista tecnico l’investitore non sa distinguere tra un ribasso momentaneo ed un’inversione di tendenza e tende a confondersi piuttosto spesso
  • dal punto di vista psicologico l’investitore non accetta perdite, neppure temporanee e limitate. Parte con l’idea di fare un investimento a lungo termine, ma si spaventa dopo una piccola discesa arrivata una settimana dopo l’acquisto.

Prima di dirti perché oggi farai bene a non liquidare nulla, permettimi di dirti un paio di cose su come gestire al meglio le fasi di ribasso.

Per prima cosa dotati di un sistema che sia in grado, in modo approssimativo, di stabilire quando entrare e quando uscire dai mercati. Se non lo hai puoi costruire un portafoglio “statico” ben diversificato usando gli ETF che ti segnalo in IC Warm Up.

In secondo luogo quando senti parlare di un ribasso non correre a guardare il tuo portafoglio. Lascialo lì e controllane l’andamento dopo una settimana circa. Eviterai così di prendere decisioni affrettate che nel tempo potranno rivelarsi disastrose.

Scandali e mercati finanziari: DUE scenari possibili

C’è una ragione precisa per cui Russiagate e mercati finanziari non devono tenerti sveglio la notte. Gli scandali ed i motivi di preoccupazione ci saranno sempre, ma solo uno degli scenari possibili è pericoloso ed è quello che oggi non si realizza. Se hai sbagliato ad investire con Trump presidente, non commettere ora un errore ancora peggiore vendendo tutto, perché non è il caso.

Scenario uno: Russiagate e mercati finanziari con fondamentali stabili

Immagina un ribasso dei mercati come quello vissuto la scorsa settimana. Il sentiment peggiora all’improvviso, perché si diffonde la paura e molti corrono a vendere. Ma cosa accade ai fondamentali economici? Se essi sono positivi, il ribasso non deve spaventare, ma può, entro certi limiti, essere addirittura un’occasione per comprare.

Siamo di fronte, in questo caso, ad uno scollamento tra il positivo andamento dell’economia sottostante e la percezione che gli investitori hanno. Ma questo disallineamento non potrà durare a lungo prima che le cose si riequilibrino ed i mercati riprendano a crescere.

Come vedi il piccolo “panic selling” si è già esaurito e se anche dovesse tornare, fino a che i fondamentali economici saranno buoni ed in crescita, la Russiagate non spaventerà i mercati finanziari più di tanto.

Diversa la situazione in cui a fronte di un “panico” i fondamentali peggiorano.

Scenario due: Russiagate e mercati finanziari con fondamentali in deterioramento

Come ti ho accennato poco fa farai bene ad iniziare a prendere qualche precauzione solo nel momento in cui i fondamentali economici peggioreranno. Se il panico sarà “accompagnato” da un rallentamento della crescita economica, qualsiasi ne sia la causa, allora è probabile che ci siano i presupposti per una discesa dei mercati. Ma ATTENTO.

Le cose non sono sempre così semplici, purtroppo. A settembre 2015 un forte rallentamento dell’economia cinese realizzo proprio lo scenario di cui stiamo parlando, i mercati scendevano e i fondamentali peggioravano. Purtroppo si trattò di un falso segnale, perché dopo solo due mesi le economie avevano ripreso a crescere e, con esse, le quotazioni.

Sii sempre cauto nel vendere tutto al primo “stormir di fronda” perché dopo potresti pentirti della scelta fatta.

Se non hai tempo né voglia di seguire i mercati finanziari (ed hai un patrimonio pari ad almeno 100.000 euro) la cosa più semplice che puoi fare per metterti al riparo da eventi come Russiagate consiste nell’investire negli ETF “semprevalidi” di IC Warm Up.

Studiali, comprali nelle proporzioni che ritieni adatte a te e lasciali lavorare. Nel tempo otterrai ottimi guadagni, ma ricorda di non controllare troppo spesso il tuo portafoglio per “farli lavorare”.

Giacomo Saver

Fondatore e direttore di Segretibancari.com

 

 

2 commenti
  1. Molto interessante… macosa intendi con “i fondamentali”? Non saranno gli indicatori come il CLI?!

    Rispondi
    1. @ Stefano
      Gli indicatori che uso (e il MODO con cui li uso) sono un mio piccolo segreto che qui non posso svelare. Lo farò nel momento e nei modi più opportuni 🙂 Un abbraccio…

      Rispondi

Rispondi o Commenta


window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-34833611-1', { 'optimize_id': 'GTM-MWDR9P4'});