Investire in Obbligazioni High Yield?

Obbligazioni High Yield ad Alto Rendimento: Quali Sono e Come Sceglierle

High Yield: Definizione e Caratteristiche

Le obbligazioni high yield sono titoli ad alta redditività emessi da società private in difficoltà finanziaria che pur di accaparrarsi i mezzi necessari alla sopravvivenza sono disposti a corrispondere tassi di interesse più elevati.

I titoli ad alto rendimento sono molto rischiosi, se considerati singolarmente, a causa dell’elevato numero di emittenti che vanno in default; tuttavia l’investimento fatto nell’obbligazionario high yield attraverso strumenti diversificati ridurrà notevolmente il rischio complessivo. E’ comunque sempre bene tenere presente le obbligazioni high yield, per loro stessa natura, sono più simili alle azioni che non alle obbligazioni.

La perdita massima di un portafoglio diversificato di obbligazioni ad alto rendimento è stata, nel corso degli anni, del 30%. Ciò significa che 100.000 € impiegati in obbligazioni high yield nel momento peggiore del ciclo economico sono scesi fino a 70.000 € per poi risalire di molto negli anni successivi.

I bond ad alto rendimento, inoltre, sono molto correlati con le azioni. Quando siamo in uno scenario di ripresa economica le loro quotazioni tendono a crescere, perché i profitti delle aziende rendono più agevole il pagamento degli interessi e il rimborso dei debiti. Nelle fasi recessive, invece, le obbligazioni high yield tendono a perdere valore in modo simile alle azioni, perché la congiuntura sfavorevole mette in crisi la capacità degli emittenti di ripagare i creditori.

Come investire nell’obbligazionario high yield

Se vuoi investire in bond ad alto rendimento hai davanti a te due strade per farlo. La prima consiste nel sottoscrivere dei fondi comuni di investimento, la seconda nell’usare degli ETF diversificati. Ti sconsiglio, invece, di comprare singole obbligazioni, perché a meno che tu non disponga di un patrimonio pari ad almeno un milione di euro difficilmente riuscirai a diversificare in modo adeguato il tuo portafoglio.

La diversificazione del rischio emittente è importante quando si parla di obbligazioni ad alta cedola, perché il tasso di fallimento degli emittenti è particolarmente alto e se l’investimento è concentrato su pochi titoli è facile perdere soldi.

Fondi obbligazionari high yield

I fondi high yield sono prodotti che al loro interno hanno delle obbligazioni ad alto rendimento, siano esse emesse da società private o da Stati Emergenti.

Se hai deciso di investire oggi in obbligazioni high yield sappi che rischi grosso se sottoscrivi un fondo comune di investimento specializzato. La tua banca ha gioco facile nel suggerirtelo per due ragioni:

  • tu stesso metti la testa nella bocca del leone chiedendo investimenti più redditizi
  • tu stesso sei consapevole che essendo questi strumenti ad alto rischio la diversificazione è fondamentale.

A questo punto è probabile che ti trovi di fronte un prodotto come questo:

Ed allora sei davvero fritto, perché i costi assurdi dei fondi specializzati (e non credere che Black Rock sia meglio da questo punto di vista) limeranno di brutto i guadagni che potrai ottenere.

E’ possibile investire in obbligazioni high yield in modo efficace usando ETF a basso costo.

ETF obbligazionari high yield

Gli ETF obbligazionari ad alto rendimento ti permettono di investire direttamente in un paniere di bond diversificato. Ne esistono diversi, tra i quali anche quelli specializzati sulle obbligazioni dei Paesi Emergenti.

Tieni sempre presente che prima di decidere se ed in che modo conviene inserire dei bond high yield nel tuo portafoglio devi partire da una strategia complessiva di portafoglio.

Detto ciò, vediamo un paio di buoni ETF in cui poter investire per diversificare il tuo portafoglio se sei alla ricerca di rendimenti elevati e di cedole ricche.

Un ETF high yield bond davvero interessante

Se vuoi investire in obbligazioni high yield dell’area euro un ETF interessante è l‘Ishares High Yld Corp Ucits Etf Dist – ISIN: IE00B66F4759.

Esso ti permette di investire in obbligazioni high yield euro con una grande diversificazione del rischio emittente: l’ETF ha in portafoglio 439 bond diversi e una cedola media del 4,49%. L’ETF distribuisce cedole semestrali.

Non male, vero?

Un ETF High yield Usa da valutare

Se vuoi investire in obbligazioni high yield Usa un ETF interessante è l’Ishares $ Sht Dur Yld Cor Ucits Etf Dist – ISIN IE00BCRY6003.

Esso ti permette di investire in obbligazioni ad alto rendimento denominate in dollari Usa con una grande diversificazione del rischio. L’ETF ha in portafoglio 601 titoli diversi, una cedola media del 6,22%, distribuisce cedole semestrali ma presenta il rischio cambio tra euro e dollaro.

Riepilogo: come investire in obbligazioni high yield

  • dedica solo una parte del tuo portafoglio ad investimenti ad alto rendimento
  • ricorda che le obbligazioni high yield sono più simili alle azioni che non alle obbligazioni e possono perdere fino al 30%
  • tieni distinti i titoli ad alto rendimento dalle azioni ‘relegandoli’ in portafogli diversi
  • investi in un ETF diversificato a basso costo e stai alla larga dai fondi comuni specializzati.

Giacomo Saver – Segretibancari.com

Articolo aggiornato il 21 marzo 2017

40 commenti
  1. Buongiorno Giacomo,
    molto illuminante come sempre questa recensione, ritengo anch’io per il rischio elevato non valga la pena investire in queste obbligazioni.
    Invece come giudichi al momento attuale un ingresso in un ETF quale ad esempio LYXOR UCITS ETF EMTS ALL-MATUR INV.?
    Sperando di aver posto una domanda che abbia interesse anche di tanti altri lettori, ti ringrazio per la risposta e ti faccio i miei complimenti.

    Rispondi
    1. @ Peter
      Non posso risponderti qui perché ogni scelta di investimento va contestualizzata all’interno di una strategia. Ti prometto che dopo che avrai partecipato ad Investitore Libero sarai perfettamente in grado di risponderti da solo grazie a quello che avrai imparato in aula. Grazie per i complimenti e a presto!!

      Rispondi
  2. Salve, vorrei vivere di rendita mediante una strategia di portafoglio. Quanto capitale ci vuole?

    Rispondi
    1. @ Marco
      Dipende dal rischio che vuole correre e da quale rendita desidera ottenere. Con questi dati potrò essere più preciso nel farle una stima…

      Rispondi
  3. Buongiorno,
    Investire in Etf obbligazionari ad alto rendimento se non si ha fretta di riprendere i soldi penso possa essere una buona soluzione in questi tempi difficili per i mercati di tutto il mondo. Anche se il loro valore dovesse scendere, sicuramente non ci sarebbe il pericolo di fallimento e si possono intascare delle buone cedole in attesa che il mercato risalga.
    Ovviamente diversificando in modo adeguato i nostri investimenti

    Rispondi
    1. @Elena
      E’ un’ottima soluzione per diversificare con una quota minima per tenere “a bada” il rischio ed adottando strumenti a basso costo investor friendly (gli etf).
      Giginv.
      jinny@libero.it

      Rispondi
    2. @ Elena
      E’ proprio così. Gli High yield vanno considerati investimento ad alto rischio, quasi fossero azioni, ma nel tempo non espongono a rischi elevati perché il loro valore tenderà a salire. Diverso è il discorso di chi compra una o due obbligazioni di società destinate al fallimento. In quel caso purtroppo non rivedrà più i propri soldi…

      Rispondi
  4. Grazie Giacomo, il post non fa proprio una piega, battendo il tasto sugli obbiettivi personali e la conseguente asset allocation, lasciando sempre una buona dose di liquidità disponibile. Mi spingo a fare qualche nome: ricordo l’ETF iShares sui bond Emerging a cedola mensile, peraltro segnalato da te in un articolo. Tutto sommato, mi sembra, ancora tiene abbastanza botta in queste settimane e il dividendo continua a essere interessante.
    Poi ti domando: per favore cosa pensi dell’ETF Pimco high yield USA anch’esso a distribuzione mensile non hedge? Il dividendo è da capogiro ma….attenzione, il NAV scende sempre senza sosta dal suo debutto. Io non sono riuscito a vedere quali e quanti titoli ha in “pancia”. Quindi lascio a te un’analisi senz’altro più precisa della mia, che penso possa essere utile a tutti i tuoi followers.
    Grazie sempre, un caro saluto!

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Per motivi di tempo non posso fare analisi a richiesta qui. Se vuoi sapere quali siano i migliori ETF in cui investire ti consiglio questo link: https://www.segretibancari.com/investment-club/.
      Un caro saluto e buon proseguimento!!

      Rispondi
    2. giacomo grazie per le chiare spiegazioni sugli high yield bond.
      volevo farle una domanda: cosa pensa del bond emesso dalla catena di caffetterie ARNOLD COFFE di milano?
      sembra che riconoscono il 7% annuo e l’azienda sembra voglia aprire altri centri in italia.
      e’ rischioso come bond?
      grazie ancora

      Rispondi
      1. @ Marco
        Per darle una risposta completa occorrerebbe analizzare a fondo l’emittente. Ad ogni modo nutro dei sospetti nei confronti di chi offre rendimenti così elevati in un contesto di tassi di interesse piuttosto bassi. Faccia attenzione… Per qualunque domanda o dubbio sono qui e le auguro buona settimana.

        Rispondi
  5. Ciao Giacomo
    Non trovi che se un giovane volesse investire in etf obbligazionari high yield una parte dei suoi risparmi in vista della pensione, dimenticandoseli per periodo di tempo considerevole (20-25 anni) avrebbe un rischio pari quasi a zero ? a fronte di ritorni in termini di dividendi molto interessanti.
    Grazie.

    Rispondi
    1. @ Daniele
      Di certo un arco temporale così esteso aiuterebbe a diminuire il rischio, non c’è dubbio. Tuttavia eviterei di investire solo in bond high yield la quota di capitale che servirà per la pensione. E’ sempre meglio avere un piano ed una diversificazione globale. Grazie per avermi scritto e a presto.

      Rispondi
  6. EGR dr. mi rivolgo a lei con la massima fiducia. potrebbe gentilmente darmi un consiglio su questa mia composizione di etf che ho fatto, seguendo nel tempo i suoi preziosissimi consigli. attraverso i suoi articoli ho acquistato questi etf azione mondo ie00b4l5y983 euro 3000 da lei suggerito fr0010959676 euro 3000 sempre da lei suggerito
    e tre etf obbligazi, corporate high yield euro 5000
    dorporate euro euro 5000
    corporate emergenti euro 5000 sempre dietro articoli da lei scritti e suggeriti possono andare ancora bene o no? grazie

    Rispondi
    1. @ Roberta
      Mi dispiace ma non riesco a darle una indicazione sulla composizione del suo portafoglio senza sapere i criteri in base ai quali lo ha costruito. Cosa vorrebbe ottenere dal suo investimento? Che tipo di perdita è disposta a sopportare? Gli investimenti che cita che parte rappresentano del suo portafoglio? Come reagirebbe di fronte un calo delle quotazioni del 40%?
      Non ha senso fare una valutazione a freddo degli investimenti perché ognuno di essi deve integrarsi in modo armonioso con tutti gli altri ed essere coerente con gli obiettivi che ci prefiggiamo…

      Rispondi
  7. EGR Dr. quegli etf che le ho citata li ho acqiustati uno per volta dopo aver letto i suoi preziosissimi articoli dove consigliava di acquistarli e consigliava codesti etf. devo dire che lei non li ha consigliati tutti insieme, in un periodo di tempo che va dai 6 o 7 mesi, il mio patrimonio è quello citato tranne una piccola parte che ho riservata per me. il mio orizzonte e tenerli vincolati per un periodo di 4 o 5 anni, grazie

    Rispondi
    1. @ Roberta
      Purtroppo gli ETF di cui ho parlato a più riprese sono strumenti finanziari che non sono “legati” tra loro da una logica unitaria. Il suo portafoglio è, come temevo, il risultato di una serie di prodotti interessanti se presi uno ad uno, ma “accozzati” a caso senza una strategia. In tale modo rischia di avere un patrimonio male assortito che non rispetta i suoi obiettivi di investimento esponendola ad una elevata volatilità.

      Non bisogna MAI partire dai prodotti ritenuti migliori per costruire un portafoglio, ma è bene stendere un dettagliato piano di investimento e, solo dopo averlo fatto, andare a cercare i prodotti da inserirvi…

      Rispondi
  8. Gent. Dr. come sempre, i suoi suggerimenti ed articoli. mi appassionano tanto. ho letto di un suo consiglio favorevole ai pac etf. sono correntista di poste italiane, se volessi fare un pac con etf cosa dovro’ fare per ridurre i costi di gestioni che lei gentilmente ci fa notare ad igni occasione, posso farlo con altre spcieta’ facendo prelevare la rata da poste italiane? o cosa altro posso fare? grazie

    Rispondi
    1. @ Francesco
      Grazie per i complimenti. Puoi tranquillamente comprare mese per mese (o trimestre per trimestre) gli ETF presso le Poste. Unica accortezza: fai in modo di investire almeno 1.500 euro per volta così da ammortizzare i costi. Piuttosto compra meno frequentemente ma non scendere sotto il limite che ti ho dato. Un abbraccio e a presto…

      Rispondi
  9. Gent. Dr. come nota la disturbo ancora per un consiglio, questp dimostra la fiducia che ripongo in lei., le parlavo di un piano di accumulo, che con poste italiane non posso far perche’ hanno dei fondi comuni e non trattano etf, che io tanto voglio fare, perche’ lei fa sempre gentilmente notare che gli etf hanno dei costi bassissimi. la mia domanda è questa, moneyfarm è una societa’ seria affidabile da affidargli sei soldi? loro fanno questo pac con trattenuta mensile, bimestrale e trimestrale. mi fido ciecamente della sua risposta,grazie

    Rispondi
    1. @ Francesco
      Moneyfarm fa pressappoco ciò che facciamo noi con l’Investment Club, ossia fanno una sorta di consulenza generica ma dubito che si occupino di Pac. La consulenza di questo tipo ha un certo costo ed è adatta ad investitori dotati di un capitale non proprio piccolo. Di solito chi fa il PAC è un risparmiatore più che un investitore e difficilmente potrebbe sopportare i costi della consulenza.
      Valuta con attenzione i costi e fammi sapere…

      Rispondi
  10. Egr Dr. come le ho sempre detto mi fido di lei ciecamente. la risposta è esauriente come sempre, mi muovero’ comprando due tre quote ogni paio di mesi, per stare nei costi, approfitto della sua cortesia, sarei orientato ad acquistare etf ie00b4l5y983 con una quota di 300 euro ad ogni trimestro. mi dica gentilmente se puo’ andare, il mio orizzonte è di almeno 5 anni. grazie

    Rispondi
    1. @ Francesco
      Per ammortizzare i costi le conviene fare investimenti per almeno 1.500 – 2.000 alla volta. Se investe 300 euro ogni due o tre mesi gli oneri salgono moltissimo. L’ETF che ha individuato è perfetto…

      Rispondi
  11. Egr. Dr, grazie. mi fidero’ sempre di lei. buona Pasqua

    Rispondi
    1. @ Francesco
      Grazie infinite, ricambio gli auguri!!

      Rispondi
  12. Ciao Giacomo. Vorrei inserire nel mio portafoglio degli etf che investino in bond high yield. Ho come obiettivi una buona cedola e un aumento del valore nel tempo del replicante. Tra due etf in high yield con medesima duration ma con yield di distribuzione diverso, statisticamente quale ha più probabilità di farmi raggiungere l’obiettivo dell’aumento di valore? Invece tra due etf in high yield con diversa duration ma con lo stesso yield di distribuzione? Grazie. Buona serata

    Rispondi
    1. @ Vincenzo
      Di solito gli ETF che distribuiscono dividendi crescono meno di valore rispetto a quelli ad accumulazione, proprio per il fatto che accreditano delle cedole periodiche. Se vuoi un prodotto che cresca di valore è meglio stare su ETF ad accumulazione… Se hai altre domande o se non mi sono spiegato bene, sono qui 🙂

      Rispondi
  13. Ciao Giacomo ho 30000 su questo fondo obligazionario High Yield con isin: IT0004812464 investe il 56% negli USA e il 90% valuta statunitense sto perdendo il 4% che secondo me è colpa del cambio di questi ultimi 40 giorni.
    La banca mi dice di venderlo perchè con l’aumento dei tassi le obbligazioni andranno giù. Io vorrei tenerlo perchè ho fiducia che il dollaro torni di nuovo a 1.1/1.14 e di conseguenza dovrei recuperare anch’io, e poi le obbligazioni in portafoglio essendo la maggior parte in BB B e quindi avendo un buon rendimento forse i primi aumenti dei tassi lo sentiranno meno di altre. Comunque se hai tempo puoi darmi un consiglio se faccio bene a tenerlo ancora?

    Rispondi
    1. @ Franco
      Secondo me il fondo è da vendere. E’ sempre sotto il benchmark, gli indicatori di efficienza sono penosi e c’è motivo di tenerlo. Tu vuoi continuare ad investire nei mercati emergenti o sei disposto anche a cambiare strategia?

      Rispondi
  14. Ciao Giacomo, il post è sempre attuale, vista la situazione, la caccia ai rendimenti e via dicendo. Io ho una piccolissima parte nel Pimco HY US 0-5 hedgiato a distribuzione mensile, ma non è che scoppi di salute anche con la copertura del cambio. Solo ora la somma delle cedole ha di pochissimo sopravanzato la perdita in conto capitale. L’IShares che segnali tu ha preso belle botte ultimamente ed è tornato ai livelli della correzione di inizio 2016. Quello europeo lo vedo più stabile, ma sempre nell’ottica di un periodo lungo e con somme investite abbastanza contenute. Grazie e a presto!

    Rispondi
    1. @ Andrea
      Da quello che mi dici emergono due “problemi” diversi: l’investimento in un ETF senza avere un piano complessivo a monte (caso Pimco) e l’utilizzo dei rendimenti passati per scegliere dove investire in futuro. Ci hai fatto caso?

      Rispondi
  15. Saluti
    Nel video postato ho notato che il fondo è di categoria 3 stelle Morningstar , quindi non male.
    Ma allora secondo Te con quale criterio viene assegnata la categoria ?

    Rispondi
    1. @ Silvio
      Purtroppo il Rating Mornigstar non serve a identificare in anticipo quali saranno i migliori gestori del giorno dopo…

      Rispondi
  16. Buongiorno Giacomo. I tuoi spunti e le tue analisi sono sempre interessanti. Volevo tuttavia chiederti un chiarimento: quando dici “non espongono a rischi elevati perché il loro valore tenderà a salire”, riferendoti a questo tipo di obbligazioni e, se non sbaglio, lo hai affermato anche per le corporate i.g. a breve scadenza, cosa intendi esattamente. Fatico a capire il concetto, potresti gentilmente spiegarlo meglio, magari con esempi pratici. Ti ringrazio anticipatamente.

    Rispondi
    1. @ Roberto
      Le oscillazioni negative di valore delle obbligazioni sono temporanee. Se l’emittente non fallisce – cosa impossibile se parliamo di un portafoglio diversificato con gli ETF – alla scadenza il valore del titolo tornerà a 100 anche se prima è sceso sotto quel valore.

      Rispondi
  17. Ciao Giacomo,
    quando scrivi: “Le oscillazioni negative di valore delle obbligazioni sono temporanee. Se l’emittente non fallisce – cosa impossibile se parliamo di un portafoglio diversificato con gli ETF – alla scadenza il valore del titolo tornerà a 100 anche se prima è sceso sotto quel valore.” vorrei per piacere capire una cosa.

    Se l’ETF non scade (perchè ogni anno compra nuove obbligazioni) come fa alla scadenza a tornare a 100?
    Ipotizziamo che io nel 2018 abbia comprato l’ETF sulle obbligazioni emergenti con durata di 7/8 anni, questa durata però rimane sempre di 7/8 anni anche fra 7 anni. Quindi quand’è che che scade?
    Mi viene da pensare che sia un modo per dire: “Fra 7/8 anni avrai, se ti va male, lo stesso capitale che avevi messo inizialmente (però per 7/8 anni ti sei preso belle cedole), quindi il tuo investimento ha performato”.

    E’ cosi?
    Perchè ovviamente quest’anno è un anno negativo sia per l’azionario emergente ma anche per l’obbligazionario emergente, però se è vero quanto scrivi, basta sopportare le fasi negative che fra massimo 7/8 anni il valore del sottostante è tornato a quello che avevo comprato.

    Rispondi
    1. @ Nicola
      E’ vero: un ETF non scade mai. Il portafoglio sottostante ha una scadenza media che non viene mai raggiunta, perché i titoli che durano “troppo poco” vengono venduti e sostituiti. Tuttavia se un titolo perde di valore, con il passare del tempo ritornerà a crescere. Questo processo di risalita potrebbe venire “bloccato” dalla vendita anticipata, ma è un fenomeno di cui l’ETF comunque beneficia per tutto il tempo il cui il bond è nel portafoglio.

      Rispondi
  18. buonasera Giacomo, mi aiuta cortesemente a cercare gli etf che investono in bond h.y. ad accumulo e quindi senza distribuzione delle cedole? Grazie

    Rispondi
    1. @ Danilo
      Per ragioni di tempo non posso aiutarla qui. Con un po’ di pazienza troverà gli ETF che le interessano.

      Rispondi

Rispondi o Commenta