Qual è la migliore strategia di investimento?

la miglior strategia di investimento

Non si basa sulle previsioni ma funziona. La miglior strategia di investimento ti lascerà letteralmente a bocca aperta.

Strategie di investimento e falsi miti

C’è una ragione per la quale gli investitori cercano la strategia di investimento migliore senza mai trovarla. In breve tale ragione risiede in pericolose false credenze che circolano negli ambienti finanziari.

Esse sono tanto radicate quanto lontane dal vero. Solo chi le sradica del tutto potrà vedere oltre il giardino, fino a capire quale sia davvero la migliore strategia operativa.

Il sacro graal

Molti investitori, purtroppo, sono convinti che esista una tecnica miracolosa, nota a pochi, in grado di amplificare i profitti azzerando le perdite.

In realtà strategie di questo tipo non esistono. E anche le tecniche migliori attraversano periodi bui, che occorre mettere in conto.

Il market timing

La seconda pericolosa credenza degli investitori è che per guadagnare sia necessario entrare e uscire spesso dal mercato. Tuttavia indovinare i punti di minimo e massimo è impossibile. Chi ci riesce, in definitiva, è baciato dalla fortuna e quasi sempre fallisce al secondo tentativo.

La verità sulle tecniche per investire

Si dice che tutte le strade portano a Roma. Allo stesso modo esistono diverse strategie di investimento che, alla lunga, producono risultati simili. Volendo sintetizzare esistono due approcci tra cui scegliere, diversi in apparenza ma in definitiva molto simili.

Vuoi sapere tutto sui due approcci? Iscriviti gratuitamente a Welcome!

In sintesi la migliore strategia di investimento è quella che minimizza il rammarico. Ogni investitore, infatti, vive momenti bui, durante i quali la strategia temporaneamente non produce i risultati sperati. A questo punto la tentazione di mollare tutto diventa forte.

Devo fare un PAC? Meglio investire in un’unica soluzione? La strategia migliore è quella che senti di seguire, nella buona e nella cattiva sorte. Perché un piano di investimento che non si sposa con il tuo carattere e temperamento verrà presto abbandonato. E, come immagini, i risultati non arriveranno.

Tra i due approcci che vedremo scegli quello che senti più tuo. E avrai scoperto la strategia di investimento migliore.

Le due migliori strategie operative

Trend following

Si tratta di una filosofia di investimento che arriva direttamente dal mondo del trading. Essa cerca di inseguire i trend, in modo da restare investiti per gran parte del tempo quando i mercati salgono e restare fuori per gran parte dei ribassi.

Per chi va bene

Il trend follower è un investitore attivo, che vorrebbe entrare e uscire frequentemente dai mercati. Quando tutto scende il suo istinto è correre a vendere. Mentre è ansioso di comprare quando le cose vanno bene.

Controindicazioni

L’investitore “Crowd” come lo chiamiamo nei corsi di A Scuola di Investimenti è soggetto a falsi segnali. A volte, infatti, esce quando gli indicatori paventano un ribasso che poi si traduce in un falso positivo.

Oppure compra quando la discesa non è finita.

Contrarian

L’approccio contrarian, invece, si basa sul “mediare in perdita“. Sebbene la realtà sia molto più complessa, l’investitore va contro il mercato comprando quando tutti vendono e vendendo quando tutti comprano.

Per chi va bene

Il contrarian è un investitore controcorrente. Non a caso nei nostri corsi di formazione (che puoi scaricare gratis) lo chiamiamo Salmon.

Si tratta di una persona razionale, fredda, che di fronte a mercati in discesa vorrebbe aumentare le posizioni, invece di vendere tutto. E che si spaventa quando vede rialzi notevoli, poiché teme che presto o tardi arriverà un ribasso.

Controindicazioni

Per essere efficace la strategia richiede un comportamento opposto alle masse. In breve ci va un notevole sangue freddo per comprare quando il mercato perde il 50%. O per vendere mentre tutto cresce all’impazzata.

Molto spesso, nel breve periodo, l’investitore sbaglia poiché cosa ha comprato scende, richiedendo ulteriori acquisti. O il mercato sale, facendo pentire l’investitore di aver venduto troppo presto.

Sebbene siano apparentemente lontane, le strategie trend following e contrarian producono risultati simili. A patto che le si segua, nel bene e nel male, per un periodo sufficientemente lungo.

Ecco perché è così importante scegliere la giusta “filosofia” di investimento. Questa, in breve, è la scelta più importante e più impegnativa che l’investitore deve fare.

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO di Segreti Bancari

Un commento
  1. Buongiorno, Giacomo. Come giustamente hai detto tu, ogni investitore usa la sua strategia. A titolo d’esempio: un normale risparmiatore tranquillo e possessore di buoni postali, non apprezzerebbe questa pesante crisi al cardiopalmo. Un investitore più evoluto, forse, sarebbe più favorevole. Ma, per un investitore “contrarian”, come me, questa crisi è stata un’opportunità. Ho comprato a marzo, nella più totale crisi, ed ora sono in pieno guadagno. Da non credere, è’ stata la giusta scelta. Se dovessi ripensare alle perdite subite all’inizio dell’anno 2000, che non c’era di certo in atto una pandemia globale, ma solo una crisi finanziaria, e dovessi paragonarla a questa crisi, dovrei dire: non c’è paragone. In altre parole: non avrei mai pensato di uscire da questa pesante crisi così bene (almeno fino ad ora). Però, anche per un contrarian c’è una pesante limitazione: le transazioni costano parecchio, e più ne fai e più accumuli minusvalenze e costi. E le banche lo sanno, e per questo gongolano su questi tipo di investitore.

    Rispondi

Rispondi o Commenta