Crollo di Borsa: Come Proteggersi dai Crack di Mercato

Crash di Borsa

crollo-borsa-crash

 

Un crollo di borsa è una discesa rapida, repentina e imprevista delle quotazioni che nel giro di pochi giorni “brucia” i guadagni accumulatisi nel corso degli anni. Un crack di borsa può avere origine in seguito ad un fenomeno di panico generalizzato, innescato da qualche notizia deludente, da una crisi finanziaria o da una recessione economica.

La discesa delle quotazioni durante le fasi di crash è molto acuta e può superare tranquillamente il 20%. In occasione del crollo di Wall Street del 1929, del 2002 e del 2008, gli indici persero più della metà del proprio valore.

Riassunto delle Grandi Crisi  Finanziarie

Negli ultimi 200 anni abbiamo attraversato tre grandi crolli di borsa. Esaminarli ti aiuterà a comprendere come superare il prossimo “market crash”.

Crollo di Wall Street del 1929

Uno dei peggiori crolli di borsa di tutti i tempi si verificò negli USA nel 1929. Il ribasso fu così forte che innescò la Grande Depressione. La crisi fu provocata da una eccessiva sopravvalutazione delle azioni. L’indice Dow Jones in dollari era cresciuto, nei 5 anni precedenti, del 500% mentre il rapporto price earning era arrivato a 30.

Ci vollero 25 anni prima che le quotazioni ritornassero al livello precedente lo scoppio della bolla.

La Crisi High Tech

La seconda grande bolla speculativa esplose nei primi anni 2000, in occasione dell’avvento della New Economy. L’avvento di Internet sconvolse il mondo, trascinando con sé le attese per una crescita senza fine degli utili delle imprese ad alta tecnologia. Poiché molte aziende erano appena state fondate e non producevano utili, il rapporto price earning perse significato a favore del più ambiguo indicatore “prezzo/fatturato”.

L’indice Nasdaq Composite toccò il suo massimo il 10 marzo del 2000 a 5.048,62 per poi scendere ad un minimo di 1.221,09 il 20 settembre del 2002, con un ribasso del 75,8%. Il tempo di recovery fu inferiore rispetto alla crisi del 1929: il 24 aprile del 2015, 13 anni dal picco massimo precedente, il Nasdaq Composite rivide quota 5.000 punti.

Crollo Borse 2008

La borsa Usa (continuo a parlarti di quella perché è il mercato azionario più importante del pianeta), perse circa il 50% del proprio valore tra il 2007 ed il 2008. L’indice S&P500 passo da 1,561,80 il 12 ottobre 2007 a 683,38 il 6 marzo 2009, lasciando sul campo il 56,24%. Il tempo di recupero si accorciò ulteriormente. Ad aprile 2013 l’indice aveva recuperato tutto il terreno perso in precedenza.

Occorre ricordare come in questo caso il ribasso fu innescato da una recessione economica e non da una sopravvalutazione delle quotazioni.

Quattro Regole per Passare Indenni Attraverso i Ribassi

I crolli dei mercati fanno parte della storia di ogni investitore. Essi vanno preventivamente messi in conto, perché se è vero che nel tempo la durata di un crack si è ridotta, ne è aumentata la frequenza.

Ecco quattro semplici strumenti utili per evitare di essere travolti da un crash delle borse:

Sangue Freddo

Spesso le crisi di borsa si accompagnano a fenomeni di panico incontrollato, durante i quali le quotazioni scendono a precipizio. Correre a vendere nelle prime fasi di un crollo è un pericoloso errore, perché è probabile che le quotazioni si stabilizzino nel giro di poco tempo.

Se non sei disposto a tollerare delle perdite temporanee semplicemente non investire. Ciò significa che sei un risparmiatore e non  un investitore e la soluzione ottimale per te consiste nell’investire in bond ad alta affidabilità con scadenza breve, accontendandoti però di guadagni molto miseri che compensano la volatilità ridotta.

Diversificazione a 360 Gradi

E’ facile prevenire le conseguenze di un crollo di borsa creando un portafoglio diversificato per area geografica, per valuta, per strumento, per durata e per tipo di attivo. Se il tuo patrimonio supera i 100.000 € puoi iniziare ad investire usando gli ETF che ho selezionato per te e che rispondono esattamente a queste caratteristiche. Li trovi QUI.

Ingresso Graduale sui Mercati

Se vuoi investire ma temi che il momento di ingresso non sia quello giusto, puoi usare la tecnica del “Dollar Cost Avering” suddividendo l’importo in più tranches da impiegare ad intervalli regolari di tempo. Suddividendo l’investimento in 4 o 5 pezzi e comprando regolarmente ogni 3 o 4 mesi raggiungerai la tua asset allocation ottimale in un paio di anni, diversificando anche il momento di ingresso.

La Strategia per Prima

Dedica del tempo a costruire un portafoglio che abbia le caratteristiche di rischio – rendimento ottimali per te. Come dice Charles Ellis, gli investitori dedicano poco tempo a svolgere il compito più importante: quello di progettare e costruire un portafoglio diversificato.

Per sapere come muoverti nella costruzione di un portafoglio ottimizzato sulla base delle tue esigenze, vai QUI.

Giacomo Saver

Segretibancari.com

 

 

8 commenti
  1. Buona serata GIACOMO,quale etf sarebbe opportuno acquistare facendo degli ingressi graduali sul mercato, in concreto un Pac. Grazie.

    Rispondi
    1. @ Antonio
      Un ETF azionario globale andrà benissimo per fare un PAC…

      Rispondi
  2. Buongiorno Giacomo,
    non vorrei essere off topic, potresti consigliare un fondo pensione adeguato? vorrei fare un pac previdenziale
    grazie
    fabrizio

    Rispondi
    1. @ Fabrizio
      Sei Off Topic 😉 Posta le domande che non sono inerenti al contenuto del post qui:https://www.facebook.com/groups/investiamodasoli.
      Grazie!!

      Rispondi
    1. @ Antonio
      Di nulla, grazie a te.

      Rispondi
  3. Ciao Giacomo,

    Vorrei sapere cosa lei pensa delle protezione contra dei crolli con l’uso dei derivati, sopratutto con PUT.

    Grazie per tutto che scrive!

    Rispondi
    1. @ Gabriel
      L’uso delle opzioni per proteggersi dai ribassi è davvero interessante. Tenga però presente che si tratta di una scelta fiscalmente inefficiente perché se il mercato scende il guadagno derivante dalle opzioni sarà tassato, pur non essendo un guadagno ma un “hedging” ossia una copertura dei suoi investimenti precedenti.
      Grazie a lei per l’attenzione che mi dona. Per qualunque domanda o dubbio sono qui!!

      Rispondi

Rispondi o Commenta