Andamento Eurostoxx 50 tra coronavirus e frenata tedesca

eurostoxx 50 febbraio 2020

Deciso ribasso dell’Eurostoxx 50 a febbraio 2020. Sull’indice pesa il dato del Pil tedesco e il panico da coronavirus.

Composizione aggiornata dell’indice Eurostoxx 50

Come è noto, l’Eurostoxx 50 è un indice azionario rappresentativo delle borse della zona euro.

Esso, in particolare, monitora l’andamento di 50 azioni scelte all’interno di 19 macro settori di 11 Paesi dell’Eurozona. Inoltre l’indice cattura il 60% circa della capitalizzazione di mercato espressa dall’ EUROSTOXX TOTAL MARKET.

In particolare i Paesi più rappresentati sono la Francia, con il 38,90% del totale e la Germania con il 32%. Per quanto riguarda i settori merceologici, troviamo al primo posto i beni ed i servizi industriali mentre al secondo posto abbiamo i beni di largo consumo.

A causa di ciò l’indice è soggetto all’andamento ciclico dell’economia. Esso, in breve, tenderà ad andare male quando la congiuntura è sfavorevole e bene quando l’economia europea cresce.

Andamento del Pil dell’Eurozona nel 2019

La crescita dell’economia tedesca, nel quarto trimestre del 2019, è stata pari a zero. Nell’intero 2019 il tasso di crescita del Pil è stato di appena lo 0,60%.

Se la Francia, nell’anno passato, ha registrato una crescita dell’1,30%, l’intera zona euro è cresciuta dell’1,40%. Si tratta in sintesi del peggiore dato dal 2013, quando il Pil diminuì dello 0,20%.

Lo scoppio dell’epidemia da coronavirus ha peggiorato la situazione. Le previsioni per il 2020 appaiono particolarmente sfavorevoli. Ciò sia a causa dell’impatto del virus sull’economia, sia per effetto della guerra commerciale e, per finire, a causa di un cambiamento epocale nel mercato automobilistico.

Alla luce di tutto ciò non stupisce come l’andamento dell’indice Eurostoxx sia particolarmente negativo.

Andamento Eurostoxx 50 a febbraio 2020

L’andamento dell’indice, nei primi mesi del 2020, è stato condizionato dai timori di una imminente recessione e dall’effetto panico indotto dalla diffusione del coronavirus.

Il grafico che segue rappresenta l’andamento settimanale dell’Euro Stoxx 50:

grafico settimanale eurostoxx 50

In particolare dai massimi del 9 ai minimi del 26 febbraio l’indice ha perso il 9%.

L’Eurostoxx si è portato in corrispondenza della media mobile a 40 settimane (linea arancione sul grafico) e sta testando la linea di tendenza rialsista che ha “retto” il rialzo da gennaio 2019.

Il livello chiave di 3.800 punti non è stato superato con decisione, per cui il ribasso successivo ne è la logica conseguenza.

Chiusure sopra 3.500 punti manterranno inalterato il trend rialzista. In caso contrario è ragionevole attendersi ulteriori ribassi in area 3.300 dove dovrebbero tornare gli acquisti.

Ti è piaciuta questa analisi?

Se ti piace questo tipo di analisi e vuoi restare sempre aggiornato con le ultime news dai mercati, arricchite da pareri e commenti operativi, scopri INVESTO.

INVESTO è la nuova newsletter settimanale di Segreti Bancari che ti offrirà quattro articoli con un taglio prettamente operativo:

  • la settimana finanziaria conterrà l’analisi dei principali indici finanziari con indicazioni operative di breve periodo;
  • un articolo di attualità approfondirà un argomento legato al momento contingente e fornirà delle idee di investimento;
  • un articolo di formazione (o più ampio respiro) arricchirà le tue conoscenze;
  • la sezione “Giacomo consiglia” farà una recensione ad un libro, articolo, film o prodotto la cui conoscenza ti sarà utile.

Prova INVESTO.

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO di Segreti Bancari

4 commenti
  1. ciao Daniele,
    proprio oggi l’ha superato, (3300 down) e ho chiuso lo short,
    GRAZIE
    IL G.

    Rispondi
  2. Buongiorno Giacomo , ho controllato il
    Il tasso di crescita del PIL su diversi siti che forniscono questi dati , mi risulta una crescita dello 0,30 % – 0,40% nel 2019 .
    Il valore di 0,60 % è quello del 2018 .
    È un tuo errore di trascrizione?

    Rispondi
    1. @ Federico
      Grazie per la precisazione. Io ho preso i dati dal Sole24 Ore. Può darsi che l’errore di trascrizione riguardasse l’articolo originario. Un cordiale saluto.

      Rispondi
  3. * PIL della Germania

    Rispondi

Rispondi o Commenta