Lira Turca in Caduta Libera: Come Approfittarne per Guadagnare

lira-turca-borsa-turca

Il crollo del cambio Euro Lira Turca ha fatto tremare i mercati, assopiti nel caldo torpore delle vacanze estive. Se hai molto sangue freddo e sei alla ricerca di opportunità di investimento, la crisi della Turchia potrebbe rappresentare una interessante occasione per il lungo termine.

Genesi della Crisi Turca

Nell’ottobre del 2016 il pastore americano Andrew Brunson fu arrestato con l’accusa di spionaggio e terrorismo. Tutt’ora è agli arresti domiciliari. Questo incidente diplomatico ha fatto infuriare il Presidente Trump che ha tacciato la Turchia di scorrettezza nei confronti degli Stati Uniti, cui è seguita l’imposizione di dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio proventi dal Paese.

La Lira Turca, che soffre di una svalutazione costante nei confronti dell’Euro, ha subito una forte accelerazione in seguito alla mancata decisione da parte della Banca Centrale, di aumentare i tassi di interesse il 24 luglio 2018.

Il 10 agosto 2018 il cambio Euro Try si è impennato fino a raggiungere la quota record di 7,86. Dopo un parziale recupero a 6,63 il 16 agosto, la Lira Turca sembra soggetta a nuove pressioni. Il grafico che segue ti mostra l’andamento del tasso di cambio negli ultimi 10 anni. Si vede con chiarezza come ci sia una tendenza presso che costante alla svalutazione.

cambio try eurIl nepotismo del potentissimo Erdogan non aiuta cero a restituire al mondo l’immagine di un Paese affidabile. Ma la situazione non è così disperata come appare a prima vista.

Investire in Turchia? Pro e Contro

Sebbene il cambio TRY Euro abbia perso il 40% da inizio anno, la Turchia resta un paese dalla solida crescita economica e dal basso indebitamento. Ecco tre ragioni per investire nonostante la crisi turca e tre motivi per non farlo.

Economia solida

Nel terzo trimestre del 2017 il PIL turco è cresciuto dell’11%. Un tasso elevatissimo, da fare invidia ad economie più grandi come quella cinese. Il paese è il 29-esimo esportatore al mondo.

Conti pubblici in ordine

Il rapporto debito Pil della Turchia non arriva al 30%. Il rapporto deficit Pil è abbondantemente sotto il 3%.

La tenuta dell’oro

Sebbene la Lira Turca si sia svalutata del 20% in un giorno, le quotazioni dell’oro hanno “tenuto”. Il più tradizionale dei beni rifugio non ha subito salite violente, come era lecito attendersi nel momento dello scoppio di una crisi globale.

L’inflazione fuori controllo

L’antipatia di Erdogan per i tassi di interesse alti è risaputa e l’ingerenza politica nelle decisioni della Banca Centrale non piacciono ai mercati. L’inflazione probabilmente è destinata a perdurare creando una forte instabilità al sistema economico.

L’obbligo di svalutazione

Sia per effetto dell’inflazione, sia a causa della introduzione dei dazi commerciali, la Lira dovrà ancora svalutarsi per permettere al Paese di recuperare competitività. Questa possibile e continua svalutazione competitiva renderà debole la valuta creando perdite in conto valutario se l’emorragia non sarà fermata.

Titoli spazzatura

Moody’s ha attribuito alla Turchia un rating di Ba3; Standard & Poor’s  un B+. Tieni presente che la svalutazione della moneta renderà più difficile per il Paese onorare i propri debiti espressi in valute forti, come il dollaro Usa, ad esempio.

Come Sfruttare la Debolezza della Lira Turca

Le obbligazioni in TRY

Se vuoi investire in bond in Lira Turca ecco tre obbligazioni che presentano un ottimo profilo di rendimento, scadenze brevi e tagli minimi contenuti.

BEI 27/3/2019 8,50% – XS1198278175

  • quotazione: 90,41%
  • cedola in Lire: 8,50% – pagamento annuale
  • taglio minimo: 1.000 Try
  • rendimento netto in Lire Turche: 24,79% netto annuo
  • mercato: Euro-TLX

BEI 15/11/2019 10,75% – XS1053090665

  • quotazione: 86%
  • cedola in Lire:10,75% – pagamento annuale
  • taglio minimo: 1.000 Try
  • rendimento netto in Lire Turche: 23,59% netto annuo
  • mercato: Euro-TLX

BEI 12/03/2019 10,50% – XS0484854483

  • quotazione: 92,60%
  • cedola in Lire:10,50% – pagamento semestrale
  • taglio minimo: 1.000 Try
  • rendimento netto in Lire Turche: 23,57% netto annuo
  • mercato: Euro-TLX

La Borsa Turca e le Azioni

Ecco due ETF quotati alla borsa di Milano che ti permetteranno di investire in azioni turche senza correre troppi rischi:

Ishares Msci Turkey – IE00B1FZS574

  • costo annuo: 0,74%
  • titoli in portafoglio: 24
  • modalità di replica: fisica
  • distribuzione dividendi: sì, trimestrale

Lyxor Turkey Ucits Etf – FR0010326256

  • costo annuo: 0,65%
  • titoli in portafoglio: 20
  • modalità di replica: sintetica
  • distribuzione dividendi:no. ETF ad accumulazione

E’ Indispensabile Investire in Turchia?

Investire in Turchia presenta rischi elevati e si tratta di operazioni che non sono adatte a tutti i clienti. Prima di investire imposta un tuo profilo di investimento seguendo alcune semplici regole e attieniti a quello.

Se decidi di comprare obbligazioni o azioni denominate in lire Turche fallo solo per una parte piccola del tuo capitale e non eccedere, soprattutto se sei già molto esposto sui Mercati Emergenti.

Per le tue domande relative all’investimento in TRY sono a tua disposizione nei commenti.

Giacomo Saver – Segretibancari.com

 

2 commenti
  1. Buongiorno
    4 anni fa avevo fatto l’errore di comprare questa BEI in TRY: XS1075219763
    fortunatamente pochissimi soldi…
    Eib 14/21 8,75% che ora prezza 70
    sarà il caso con questo cambio (7) di mediarla (visto che si è deprezzata enormemente da quando l’ho comprata)

    Rispondi
    1. @ Mark
      Direi di no. Mediare solo nel tentativo di rimediare ad un errore fatto in passato non è mai una buona idea. Senza una strategia di investimento rischi di trovarti in perdita anche con il nuovo acquisto, il che ti obbliga a mediare un’altra volta e poi ancora.

      Non incaponirti con un investimento in perdita, visto che oltretutto hai messo pochi soldi. Cerca invece di guadagnare sulla restante parte del tuo portafoglio, scegliendo in modo accurato i migliori investimenti sulla base delle tue preferenze.

      Rispondi

Rispondi o Commenta