Come impostare una strategia di investimento vincente

strategie di investimento vincenti

Strategie di investimento: principi, metodi e 5 consigli dai più grandi investitori del mondo.

I pilastri delle strategie di investimento

La strategia di investimento è il processo di ripartizione del proprio portafoglio tra diverse classi di attivo. L’obiettivo è ottenere una performance elevata e costante dagli investimenti di lungo periodo. Sebbene si tratti dell’aspetto più importante della costruzione di un portafoglio, pochi investitori la mettono in pratica nel modo corretto.

Molte persone, infatti, comprano e vendono titoli senza una regia precisa. In tale modo i risultati che ottengono sono incostanti e, spesso, guidati dal caso.

Cerchi anche tu una strategia efficace per investire i tuoi soldi? La trovi gratis su Welcome.

Il processo delle strategie di investimento efficaci

Per realizzare un piano di investimento efficace l’investitore deve porsi due domande fondamentali. In primo luogo deve chiedersi quali obiettivi intende raggiungere, con quel programma, e che cosa è disposto a sacrificare per ottenere quel risultato.

Inoltre occorre anche domandarsi per quanto tempo le somme investite potranno restare tali, senza bisogno di smobilizzarle. In linea di massima tanto più esteso è l’orizzonte temporale, tanto maggiore potrà essere la quota di azioni da inserire in portafoglio.

La propensione al rischio

La determinazione della propensione al rischio è di fondamentale importanza per impostare una strategia di investimento corretta. In particolare i parametri rilevanti sono due: la capacità di rischio e la sua sopportazione.

La capacità di rischio

Si tratta della capacità che ha il soggetto di subire delle perdite senza, per questo, alterare in senso sfavorevole il proprio tenore di vita. Essa dipende dall’orizzonte temporale. Se, ad esempio, si ha programmato di comprare casa tra due anni, la capacità di rischio è bassa. Al contrario se si pensa di non toccare quelle somme per dieci o più anni la capacità di rischio è alta.

La tolleranza al rischio

Esprime la perdita massima che l’investitore è disposto a tollerare a livello emotivo. Chi si spaventa per una discesa temporanea del valore del proprio portafoglio ha una tolleranza al rischio bassa. Viceversa chi sopporta perdite senza scoraggiarsi, poiché persegue un rendimento elevato nel corso del tempo, ha una buona sopportazione del rischio.

In tutto ciò è importante mantenere la coerenza. Troppo spesso una persona si dichiara poco propensa a rischiare, per poi lamentare scarsi guadagni con mercati in crescita. O, al contrario, sovrastima la propria sopportazione delle perdite solo per vendere tutto al primo ribasso.

Le principali classi di investimento

Una strategia efficace deve comprendere, come minimo, le seguenti asset class:

Liquidità

Si tratta della parte del patrimonio che deve essere sempre disponibile sia per fronteggiare eventuali imprevisti, sia per entrare nei mercati in un momento favorevole. Essa dovrebbe essere pari ad una quota pari al 10-15% massimo del patrimonio. O, in alternativa, essere pari a sei/dodici mesi di stipendio netto.

Azioni

Si tratta della quota di patrimonio più redditizia, ma anche la più rischiosa. Essa va tarata in modo adeguato tenendo conto della composizione complessiva del portafoglio, per ottimizzare le correlazioni.

Obbligazioni

Rappresentano la parte che rende il portafoglio stabile e smorza le fluttuazioni dell’azionario. Poiché, nel tempo, azioni ed obbligazioni sono poco correlate, la compresenza di entrambe in un portafoglio ne ottimizza il rapporto rendimento/rischio.

Impara ad investire da solo, in completa autonomia. Welcome ha tutto ciò che ti serve.

Strategie di investimento e quota azionaria

La quota di azioni ottimale da detenere in portafoglio dipende, in modo prevalente, dalla tolleranza al rischio dell’individuo. Quella che segue è una delle tante proposte disponibili che si trovano in Rete.

Portafogli di investimento, orizzonte temporale e tolleranza al rischio

Investimento fino a 5 anni

Zero azioni in portafoglio se la tolleranza al rischio è bassa, 10% se media, max 15% se si ha una elevata propensione a rischiare.

Investimento da 6 a 10 anni

La quota azionaria potrà andare da un minimo di 15% ad un massimo del 50% a seconda della tolleranza al rischio.

Investimento oltre 10 anni

Quota azionaria minima 40%, massima 80%.

Quanto esposto va preso con le pinze e contestualizzato. Infatti la percentuale di azioni potrà essere più elevata se si dispone di un modello dinamico di ingresso/uscita che stemperi le fluttuazioni sfavorevoli nei momenti di crisi. Chi, invece, vuole realizzare un portafoglio di tipo statico, o buy&hold, potrà fare riferimento ai valori indicati.

5 consigli per una strategia di portafoglio efficace

I più grandi investitori del mondo fanno in modo di correre rischi calcolati, sfruttando a proprio vantaggio le probabilità. Molto spesso adottano un approccio controcorrente che li porta a comprare ciò che gli altri vendono e a liquidare ciò che la massa avidamente compra.

Ecco, in sintesi, cinque consigli per migliorare la propria strategia di investimento.

1 – assumi rischi “intelligenti” ma non eccessivi

Rischio e rendimento sono intimamente collegati. Se vuoi guadagnare di più devi accettare rischi maggiori. Tuttavia l’esasperazione del rischio (trading eccessivo, investimento nelle criptovalute, ecc) rischia di bruciare il tuo portafoglio. Assumersi una corretta dose di rischio significa creare un portafoglio prevalentemente azionario da lasciare lavorare nel tempo, stando alla larga dalle promesse di arricchimento rapido.

2 – minimizza i costi

Non movimentare in modo eccessivo il tuo portafoglio. Usa ETF e strumenti a basso costo, ma non diventare taccagno. Un conto è pagare il 2% l’anno di commissione di gestione su un fondo, altro è evitare di comprare un ETF perché costa lo 0,20% dell’importo investito.

3 – preparati psicologicamente alle perdite

Non temere di sbagliare momento di ingresso. Se anche eviti il ribasso nella fase iniziale del tuo percorso, sappi che prima o poi le perdite arriveranno. Esse, infatti, fanno parte del ciclo vitale di ogni investitore. Se hai impostato correttamente la tua strategia di investimento, i ribassi non ti faranno paura.

4 – abituati a pensare con la tua testa

È difficile evitare di comprare Dogecoins quando il mercato cresce, come fu difficile evitare di riempirsi di azioni high tech nel 2000. Allo stesso modo era difficilissimo comprare azioni a marzo 2020, durante la fase più acuta della pandemia da Covid-19. Tuttavia chi ha saputo resistere alle tentazioni del mainstream ha portato a casa grandi guadagni.

5 – basati sul buon senso e sulla storia

Il buon senso dice che la diversificazione riduce il rischio. Mentre la storia ci insegna che le azioni sono la classe di attivo più redditizia, nel lungo periodo.

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO di Segreti Bancari

2 commenti
  1. Gran bell’articolo: condensato di esperienza e buon senso.
    Leggendolo mi chiedevo se non sia sommamente utile inserire elementi di economia e finanza nel ciclo di studi della scuola dell’obbligo.

  2. buongiorno ,anch’io condivido quasi totalmente l’articolo, ho solo dei dubbi sul termine “lungo periodo” e spiego il perchè, all’inizio del 2000 quindi 20 anni fa l’indice della borsa italiana era intorno ai 50000 punti negli anni 2004 2005 era sui 40000 ora dopo tanto recupero siamo a 27000 sono passati 20 anni e siamo a circa meno 40% mi chiedo quanto deve essere lungo questo periodo per diventare redditizio, purtroppo non si vive in eterno. saluti e grazie per il servizio che offre

Rispondi o Commenta