I due protagonisti dei mercati finanziari

mr market vs mr value

Mr Market e Mr Value sono le due anime contrastanti di ogni investitore. Imparare a gestirle è fondamentale per investire e guadagnare.

Due investitori in uno

Mr Market è simile al tempo. Mr Value, invece, alla meteorologia. Il tempo è un fenomeno passeggero, mentre il clima è stabile e cambia solo nel lungo periodo. Scegliere dove andare a vivere sulla base dell’ultima stagione è fuorviante. Eppure è ciò che facciamo quando si tratta di decidere come investire.

Secondo lo psicologo Eric Berne in ogni individuo coesistono tre personalità distinte, ognuna delle quali prende il sopravvento in determinati momenti.

Allo stesso modo ogni investitore è dominato sia da Mr Market sia da Mr Value. Ognuno di questi protagonisti dei mercati finanziari ha un suo carattere e produce degli effetti sul nostro comportamento. In tale modo essi condizionano i risultati che otterremo dai nostri investimenti.

Mr Market

Si tratta, in breve, di una metafora coniata da Benjamin Graham nel suo libro L’Investitore Intelligente. Mr Market è un personaggio strano, inaffidabile e umorale che guida le scelte di investimento della maggior parte delle persone. Ecco le sue caratteristiche.

Comportamento bipolare

Per alcuni periodi Mr Market è euforico. Il suo ottimismo, in particolare, è irrefrenabile. Ogni nuova notizia di cui viene a conoscenza è letta in chiave positiva. Ma questo dura poco.

All’improvviso Mr Market diventa cupo. Il suo pessimismo è dilagante, nulla gli fa pensare che dopo la pioggia tornerà il sole. Al contrario è così convinto che le cose andranno sempre peggio da essere disposto a vendere tutti i suoi beni nel momento peggiore, a qualunque prezzo.

Cattura l’attenzione

Movimenti improvvisi dei prezzi. Timori di crolli o pandemie. Eventi impressionanti o scoperta di nuove tecnologie. Sono questi gli espedienti con cui Mr Market cerca di distrarre gli investitori.

Allo stesso modo con cui un prestigiatore distrae il pubblico per nascondere i trucchi, Mr Market confonde e “stordisce” gli investitori attirando la loro attenzione dove non serve.

Imprevedibile e inaffidabile

Purtroppo non è dato sapere come Mr Market reagirà di fronte alle nuove notizie. Intendo dire che la stessa informazione potrà aumentare il suo ottimismo, incupirlo ancor di più o addirittura cambiarne l’umore.

Mr Market parla sottovoce, evoca immagini e suscita emozioni contrastanti. In breve egli parla al nostro cervello rettile, l’istinto primordiale di sopravvivenza attivo in ogni essere umano.

Mr Value

Al contrario, Mr Value è un personaggio nato dalla fantasia di Charles Ellis. Si tratta di un soggetto avente un carattere completamente diverso dal precedente: un tipo alla Sherlock Holmes freddo e razionale. Ecco le sue caratteristiche.

Razionale, calmo e riflessivo

Invece di dare troppa enfasi agli eventi e alle notizie recenti, Mr Value colloca i fatti nuovi all’interno di una cornice più ampia. Sa bene che i mercati finanziari si muovono in cicli. In breve egli conosce e sfrutta a proprio vantaggio il fenomeno del ritorno in media.

Quando una notizia lo turba pensa: “cosa resterà di questo evento sui mercati tra 10 anni ?“.

Prevedibile e affidabile

Mr Value produce beni e servi e li consegna ai consumatori, che continuano a comprare e a vivere anche durante le pandemie o le recessioni. Mr Value, in definitiva, valuta la qualità del sottostante ed il suo prezzo, ha un’ottica di lungo periodo e resta calmo in ogni situazione.

Egli sa bene che il mondo va avanti. Il progresso è un fenomeno irreversibile che guida la crescita umana ed economica dalla Notte dei Tempi.

Elementare Watson

Mr Value, in sintesi, si comporta come Sharlock Holmes. È legato al nostro sistema riflessivo e osserva la realtà con distacco. Come scordare la scena in cui il famoso detective annusa una rosa mentre il Regno Unito è alle prese con una questione che avrebbe potuto trascinarlo in guerra?

Imbrigliare Market, sfruttare Value

Per fare le cose giuste e ottenere rendimenti superiori alla media la tecnica non basta. Occorre osservare le cose da una prospettiva più ampia. Ad esempio attraverso lo studio della storia dei mercati finanziari e del loro andamento ondivago.

Inoltre occorre evitare che Mr Market ci distragga con il suo orientamento di breve periodo, il suo ottimismo e il suo pessimismo. In definitiva la sfida più difficile per l’investitore non deriva dal mercato. Al contrario essa si cela nella nostra incapacità emotiva che si traduce in un comportamento errato in risposta ad eventi di breve periodo.

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO di Segreti Bancari

Rispondi o Commenta