perdita

Quando mediare gli investimenti in perdita

Ecco una strategia per mediare gli investimenti quando sono in perdita

Ero un ragazzo quando comprai le mie prime azioni della Banca Commerciale Italiana. Dopo alcuni anni ero ancora in perdita. Che fare? Mediare? Ti racconterò la mia storia per aiutarti ad investire in modo migliore i tuoi soldi.

Fino a quel giorno avevo sempre e solo fatto investimenti prudenti. Ma volevo diversificare e comprare un po’ di azioni. “Qual è l’unica azienda che guadagna sempre?” mi domandai. La banca fu la risposta . E così, a dispetto dei segreti per investire in modo intelligente che scoprii solo anni dopo, diventai azionista della Banca Commerciale Italiana.

Ricordo che, una volta presa la decisione di acquistare, lo feci subito dopo. La mia valutazione era basata solo sul buon senso, perché non sapevo nulla dell’azienda in cui stavo per investire, a parte il nome del suo presidente.

Non avevo a disposizione un servizio che mi dicesse con precisione che cosa comprare e quando, così mi affidai al mio intuito. Ebbi fortuna? Per niente. Dopo un paio di anni le azioni erano ancora in forte perdita. Fu allora che la mia ‘zia virtuale’, Giuditta, più esperta di me, mi disse di comprarne altre per mediare il prezzo.

Mediare gli investimenti in perdita

Il significato di questa strategia fu chiaro sin da subito. Investendo ancora a prezzi più bassi, avrei ridotto il prezzo medio di carico delle mie azioni e così il mio investimento avrebbe rivisto presto la luce.

Sono certo che anche tu hai subito il fascino del ‘mediare i prezzi’, vero? Eppure ora sono qui per dirti che la strategia di ‘fare media’ se applicata agli investimenti è SBAGLIATA. Per due ragioni:

  • il fatto che un’azione abbia un prezzo basso non significa necessariamente che debba riprendersi
  • mai afferrare un coltello in caduta libera

Cerchiamo di capirne di più, ok?

Le azioni, la perdita e l’ego

Le azioni scendono non solo per cause misteriose, ma a volte anche perché l’azienda che le stesse rappresentano ha delle difficoltà. Se hai fatto un investimento sbagliato, vendilo ma non incrementarlo. Il motivo per cui ci ostiniamo a mantenere le posizioni e comprare altre quote di un investimento che non sta dando i risultati che vorremmo, è che il nostro EGO si rifiuta di ammettere di avere torto. Così accumuliamo altre azioni nella speranza di uscire in pari da una situazione che ci vede perdenti, sconfitti.

In secondo luogo i mercati finanziari si muovono secondo delle direttrici di lungo periodo definite ‘trend’. Se sei in forte perdita, ciò significa che probabilmente hai acquistato durante una fase di trend ribassista. La conseguenza è che sino a che il trend non avrà cambiato direzione, comprare o mediare i tuoi investimenti in perdita non farà altro che aggiungere danno al danno. Per cui, se proprio vuoi mediare, aspetta almeno che il trend abbia cambiato direzione prima di agire!

Quando mediare in perdita conviene

Voglio lasciarti con un’eccezione. Quello che stai per leggere l’unico caso in cui conviene mediare in perdita. Si tratta dell’investimento in titoli di stato e in bond in generale.

Se hai comprato un BTP che offriva un buon rendimento e poi i tassi di interesse sono saliti, allora ha un senso comprarne ancora. In questo modo riducendo il costo di carico dei tuoi titoli incrementerai il rendimento medio del tuo investimento.

Proprio in questi giorni ho comprato ancora dei BTP€i che, negli ultimi mesi, sono scesi. Qui la situazione è diversa perché in ambito obbligazionario è possibile fare calcoli di rischio e di rendimento certi. Ma non mediare investimenti in perdita, a meno di aver impostato una strategia ex ante che prevede l’acquisto di un certo titolo suddividendone l’importo nel tempo. Ma ti prometto che ne parleremo meglio in futuro.

Dedicato alla tua formazione finanziaria

Giacomo

Share this

Comments

  • federico

    Mediare???? a volte l’unica soluzione possibile.

    Spiego meglio cosa intendo dire.

    Acquistato quote fondo BRIC a € 141 a quota nel 2008
    la crisi ha fatto precipitare il valore x quota fino a € 65. Ho deciso di acquistare ulteriori quote a ribasso.
    Risultato ore le mie quote BRIC valgono € 115 x quota. Ma il valore a oggi 21/04/2011 € 147.
    Se non avessi mediato avrei recuperato si la perdita ma ora avrei un guadagno di circa 6 € a quota (da 141 – a 147). Menttre in realtà ora stò guadagnando 36 € a quota (115 – 147 ).

    Federico

    • Giacomo

      Ottimo intervento, Federico.
      Mediare va bene se il mercato in questione ha imboccato un trend rialzista, ma deve trattarsi di un’operazione contestualizzata. Mediare per mediare non ha senso perché anche le aziende ‘decotte’ presentano valutazioni basse ma non per questo sono da acquistare.
      La tua operazione è stata vincente, ma prima di mediare consiglio di verificare il grafico del mercato sul quale si intende operare per valutare la direzione del trend.
      In questo modo si eviterà di andare controcorrente e di afferrare un coltello che sta cadendo….

Add your comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SCAPPA DALLE ASSICURAZIONI!!

Come scoprire i COSTI nascosti e RISPARMIARE 300 euro l'anno di commissioni...
Scarica SUBITO l'ebook OMAGGIO "Investimenti Assicurativi? No Grazie" e impara...

  • a difenderti dagli investimenti spazzatura
  • a conoscere REALMENTE le polizze vita
  • perché le polizze sono MENO SICURE di quanto credi