I migliori ETF obbligazionari del 2023

17 Novembre 2022

Quadrifogli etf obbligazionari

Gli ETF obbligazionari possono rappresentare un’opportunità per i risparmiatori nel prossimo anno? Scopriamo i migliori fondi.

I migliori ETF obbligazionari per investire nei bond?

Gli ETF (Exchange-traded funds) consentono agli investitori di acquistare un insieme di azioni o altre attività in un unico fondo con spese (di solito) ridotte, e sono negoziati in borsa come le azioni. 

Sono diventati estremamente popolari nell’ultimo decennio e ora spostano miliardi di dollari. Con migliaia di ETF tra cui scegliere, da dove può iniziare un investitore? A seguire ci concentriamo sugli ETF e il loro funzionamento, nello specifico per quelli obbligazionari.

Indeciso su dove investire oggi? Scopri la nostra consulenza indipendente.

Cos’è un ETF e come funziona?

Un fondo negoziato può detenere posizioni in molti asset diversi, tra cui azioni, obbligazioni e talvolta materie prime. Nella maggior parte dei casi, gli ETF seguono un indice specifico, come lo Standard & Poor’s 500 o il Nasdaq. Ciò significa che detengono posizioni nelle società con lo stesso peso relativo nell’indice. Acquistando l’ETF, l’investitore acquista di fatto una (piccola) quota di tutte le attività detenute nel fondo.

Gli ETF sono spesso tematizzati su un insieme specifico di azioni. Il fondo dell’indice S&P 500 è uno dei più popolari, ma ci sono anche quelli per titoli value o per società che pagano dividendi. Ancora, abbiamo investimenti basati su paesi, tecnologie dirompenti, settori specifici come l’informatica e molti altri.

Per la gestione di un ETF, la società applica una commissione chiamata expense ratio. Il rapporto di spesa è la percentuale annuale dell’investimento totale nel fondo. Ad esempio, un ETF potrebbe applicare una commissione dello 0,12%. Ciò significa che su base annua un investitore paga 12 euro per ogni 10.000 euro investiti nel fondo. Gli ETF a basso costo sono molto popolari tra gli investitori.

I migliori ETF di novembre per tipologia sono:

  • ETF azionari
  • ETF obbligazionari
  • ETF bilanciati
  • ETF su materie prime
  • ETF valutari
  • ETF immobiliari
  • ETF sulla volatilità
  • ETF a leva

Scopriamo ora nel dettaglio gli ETF obbligazionari.

I migliori ETF obbligazionari

Un ETF obbligazionario offre un’esposizione a un portafoglio di obbligazioni, spesso suddivise in sottosettori a seconda del tipo di obbligazioni, dell’emittente, della scadenza e di altri fattori. Questo consente ai risparmiatori di effettuare esattamente il tipo di investimento che desiderano. Le obbligazioni pagano gli interessi in base a un calendario e l’ETF trasferisce questo reddito ai detentori.

Gli ETF obbligazionari possono essere un investimento interessante per coloro che necessitano della sicurezza di un reddito regolare, come i pensionati. Scopriamo i settori più popolari degli ETF obbligazionari e i loro rendimenti.

ETF obbligazionari a lungo termine

Questo tipo di ETF offre un’esposizione con una lunga scadenza, magari fino a 30 anni. Gli ETF obbligazionari a lungo termine sono maggiormente esposti alle variazioni dei tassi d’interesse, pertanto se i tassi aumentano o diminuiscono, si muoveranno inversamente alla loro direzione.

Suggerimento: iShares MBS ETF (MBB)

ETF obbligazionari a breve termine

Questo ETF obbligazionario offre un’esposizione alle obbligazioni con una scadenza breve, in genere non superiore a qualche anno. Questi fondi possono essere un’opzione più interessante rispetto al possesso diretto delle obbligazioni, perché l’investimento è liquido e più diversificato di ogni singola obbligazione.

Suggerimento: ETF obbligazionario a breve termine Vanguard (BSV)

ETF sul mercato obbligazionario totale

Questo tipo offre agli investitori un’ampia selezione di obbligazioni, diversificate per tipo, emittente, scadenza e regione. Un ETF sul mercato obbligazionario totale offre un modo per ottenere un’ampia esposizione obbligazionaria senza andare a pesare troppo in una sola direzione, rendendolo un modo per diversificare un portafoglio pesantemente azionario.

Suggerimento: Vanguard ETF sul mercato obbligazionario totale (BND)

Conclusioni: proteggersi dall’inflazione con gli ETF

L’inflazione è l’aumento persistente dei prezzi nel tempo, che riduce gradualmente il potere d’acquisto. Con la riapertura dell’economia dopo la pandemia, le imprese e i consumatori si sono affrettati a spendere, facendo aumentare i prezzi di molti beni e servizi. Per proteggersi dall’inflazione, è necessario fare investimenti che aumentino rapidamente. Un modo per farlo è possedere le aziende – o le azioni – che beneficiano dell’inflazione.

Spesso il beneficiario è un’azienda di alta qualità che può trasferire l’aumento dei prezzi ai consumatori. Possedendo una quota dell’azienda, attraverso azioni o un insieme di azioni in un ETF, si può compensare questa situazione.

Gli investitori hanno una buona scelta di ETF quando si tratta di coprirsi dall’inflazione.

Ulteriori risorse

  • Vai a Backstage e scopri il nostro servizio di consulenza
  • Leggi INVESTO e ricevi ogni 7 giorni i nostri consigli operativi
  • Iscriviti a Welcome e impara ad investire da solo

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO Segreti Bancari

In una newsletter settimanale di 13 pagine tutte le notizie, le analisi indipendenti e i commenti che servono per investire.