Il value investing battuto dal Covid?

A parità di volatilità il value investing ha perso contro il growth, riportando un guadagno inferiore 9 anni su 14. Questa è storia, ragazzi.

Value investing per principianti

Il value investing è una filosofia di gestione delle posizioni azionarie basata sulla sottovalutazione delle quotazioni. In breve si tratta di un metodo sviluppato da Benjamin Graham negli anni della Grande Depressione, che ha avuto tra i suoi seguaci investitori del calibro di Warren Buffett e John Templeton.

Tuttavia la decadenza delle performance degli ultimi anni ha messo in crisi questo modello. Chi ha investito nei titoli value dell’MSCI World, infatti, ha ottenuto un rendimento medio del 6,14% dal 2006 al 2019. Chi, al contrario, ha scelto lo stile di gestione growth, più aggressivo, ha guadagnato l’8,47% l’anno.

MSCI World Value

L’indice Value dell’MSCI World è un sottoindice di quest’ultimo che comprende titoli “di valore“, ossia sottovalutati dal punto di vista dei fondamentali. In breve si tratta di azioni aventi un rapporto prezzo/utili inferiore a quello dell’indice globale (attualmente di 17,90 contro 25) e operanti in settori difensivi.

I settori più rappresentati sono, essenzialmente, la finanza, il farmaceutico e l’industria.

MSCI World Growth

Quest’indice, invece, racchiude titoli con elevate prospettive di crescita, ma con quotazioni molto elevate. Il rapporto prezzo/utili, infatti, è pari a 38,20.

Le azioni che compongono l’indice, in breve, appartengono ai settori della tecnologia, dei consumi discrezionali e della farmacia.

Dove è meglio investire oggi? Scoprilo subito scaricando gratuitamente i portafogli ottimizzati dell’Investment Club.

Il value investing perde!

Il grafico che segue mostra l’andamento comparato dei tre indici. Si nota subito come, negli ultimi anni, il growth abbia sorpassato il value:

MSCI value vs growth

Inoltre l’accelerazione è diventata più forte negli ultimi anni. E il Covid ha dato una ulteriore spinta al divario. La tabella che segue mostra, anno dopo anno, le performance dei tre indici. Tutti sono espressi in dollari:

MSCI value vs growth-numeri

Gli ultimi anni hanno creato una sovraperformance del growth sul value, proprio grazie alla tecnologia. La tabella che segue mostra i dati analitici, calcolati dall’Ufficio Analisi e Mercati di Segreti Bancari, relativi ai tre indici:

MSCI value vs growth-performance analitycs

Value Investing: RIP?

Chi è tentato, sulla base di quanto esposto, di investire in azioni growth, farà bene a leggere l’avvertimento di Piergiorgio Fontanella, responsabile dell’Ufficio Analisi di Segreti Bancari che in un report interno ha scritto:

Il growth tende a fare meglio del value, in alcuni anni, semplicemente perché le relative azioni, rappresentando società che in maggioranza non distribuiscono dividendi, tendono ad essere più volatili. Ciò implica una maggiore reattività di questi titoli nelle fasi crescenti di mercato. Al contrario i value (ritenuti più difensivi), distribuendo dividendi, tendono a performare di meno. Però come ogni altra cosa in questo universo anch’essi sono ciclici e dunque ci saranno anni buoni per uno e anni buoni per l’altro.

In altri termini è sbagliato pensare che il Covid abbia infettato lo stile value e che il growth sia da privilegiare in ogni caso. La scelta che abbiamo fatto nei portafogli dell’Investment Club è stata trasversale e mai esclusiva.

Da un lato non abbiamo titoli growth in quanto tali, mentre dall’altro abbiamo fatto una precisa scelta settoriale che ad oggi sta pagando.

L’investimento guarda al futuro

Analizzare i mercati a fondo, in assenza di competenze specifiche, rischia di essere fuorviante. Troppo spesso l’investitore prende un dato oggettivo, storico, e lo proietta nel futuro ipotetico.

Tuttavia, così facendo dimentica che domani non è mai uguale a ieri. E che, nei giorni di Halloween, anche gli zombie possono tornare in vita.

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver CEO di Segreti Bancari

3 commenti
  1. Buongiorno e grazie per gli utilissimi consigli. Vorrei sapere se il confronto che avete effettuato fra l’andamento del valore degli indici MSCI World – Value – Growth comprende i dividendi distribuiti o è al netto di tali dividendi.

    Rispondi
    1. @ Alessandro
      Comprende i dividendi incassati. Un cordiale saluto e grazie per la domanda.

      Rispondi
  2. complimenti per queste osservazioni !

    Rispondi

Rispondi o Commenta