Obbligazioni Astaldi: ecco cosa fare con i bond

obbligazioni astaldi che fare - Segretibancari.com

Le obbligazioni Astaldi hanno coinvolto molti investitori. Ecco cosa fare se sei tra gli sfortunati possessori.

La trappola degli Astaldi bond

Astaldi è un’azienda attiva in cinque aree di business:

  • costruzione di infrastrutture per il trasporto
  • impianti di produzione di energia
  • costruzioni civili e industriali
  • ingegneria e manutenzione di impianti

Dal punto di vista della solidità, l’azienda presentava dati molto buoni, fino a poco tempo fa. A titolo di esempio la redditività del capitale investito (ROE) era del 16%. Astaldi disponeva di una grande liquidità. Tuttavia l’azienda era soffocata dai debiti che ammontano a 6 volte circa il capitale proprio.

A causa di ciò, la situazione era altamente infiammabile. Infatti, non appena voci di un imminente aumento del capitale sociale hanno iniziato a circolare, la quotazione delle azioni Astaldi è colata a picco, trascinando nel baratro le obbligazioni Astaldi 2020 al 7,125% – contraddistinte dal codice ISIN XS1000393899.

La quotazione dell’obbligazione Astaldi è scivolata fino ad un minimo di 25,50. Il max del 2018 toccato è stato di 92,51. La discesa tra i due valori è molto alta. Senza contare che chi ha comprato il bond in precedenza lo ha pagato di più, con una quotazione di 37 il titolo presenta una perdita del 70% rispetto al valore (ipotetico) di rimborso.

Le “Astaldi obbligazioni” hanno rappresentato, per molti investitori, un’autentica trappola. Intendo dire che chi si è lasciato sedurre dalla cedola alta e ha sottostimato il rischio, ora si trova in grave difficoltà.

Astaldi ultime news e notizie

Novità per quanto riguarda Astaldi. Sul tavolo c’è, infatti, l’ipotesi di un salvataggio da realizzare attraverso un aumento di capitale per la cifra record di 400 milioni. In particolare ciò comporterebbela conversione del bond. In aggiunta, secondo indiscrezioni che circolano nelle sale operative, la conversione in azioni avverrebbe con un taglio sul valore nominale del 40%. Infine un nuovo socio dovrebbe entrare, per portare l’iniezione di liquidità per complessivi 1,5 miliardi di euro.

In breve è certo che le obbligazioni Astaldi non hanno soddisfatto le aspettative degli investitori. Questi ultimi, infatti, si sarebbero accontentati del pagamento degli interessi e del rimborso integrale del capitale. Al contrario oggi essi si trovano a incorrere in perdite degne del più volatile titolo azionario.

Astaldi forum di sostengo per investitori delusi

Le persone in cerca di consigli su cosa fare con i bond Astaldi cercano notizie nei vari forum disponibili in Rete. I consigli che seguono sono il distillato delle varie opinioni che puoi trovare qua e là. Leggerli potrà essere di aiuto nella gestione di una situazione che in breve tempo è diventata “rovente”.

Anzitutto è utile ricordare che il taglio minimo del titolo è di 100.000 €. Conseguentemente è ragionevole immaginare che chi lo ha comprato non abbia fatto una sufficiente diversificazione. Se sei tra questi ora ti domanderai, giustamente, che cosa fare.

Dalle obbligazioni alle azioni Astaldi?

Anzitutto giova ricordare che la società presentava un’ottima redditività, fino a pochi anni fa, prima di finire schiacciata sotto il peso dei debiti. Non fosse per l’eccessivo ricorso ai finanziamenti, Astaldi avrebbe ottime prospettive:un business redditizio, ricavi elevati ed utili poco volatili.

Ad oggi però l’azienda si trova in una gravissima crisi finanziaria. Qualora ci fosse un default azionisti ed obbligazionisti si troverebbero sulla stessa barca.

Se l’azienda salta perderai tutto comunque.

La buona notizia è che è molto più redditizio essere azionista che non creditore di Astaldi, perché se è vero che nel caso peggiore entrambi gli investitori andranno a gambe all’aria, è altrettanto vero che le potenzialità di guadagno da un investimento in azioni sono molto maggiori.

Secondo le mie analisi Astaldi sta pagando lo scotto di un indebitamento eccessivo e di una discutibile politica finanziaria,  ma se uscisse indenne da questa situazione le azioni potrebbero crescere di valore in modo esponenziale. Quello che sto cercando di dirti è che forse ti conviene vendere i bond e con il ricavato comprare azioni della stessa società.

Se la società dovesse tirarsi fuori dalle secche in cui si è venuta a trovare potresti portare a casa un ottimo utile che come obbligazionista ti verrebbe precluso perché il bond più di tanto non potrà apprezzarsi.

Astaldi obbligazioni al 7.125%: ecco cosa ci hanno insegnato

Quale eredità ci lascia la vicenda che, attraverso il crollo del bond Astaldi, ha bruciato centinaia di investitori? Quale lezione puoi trarre da questo episodio, sia che tu abbia sia che non abbia il titolo?

Investire in obbligazioni è comunque rischioso.

Per quanto sia dura da digerire, il singolo titolo obbligazionario presenta rischi tipici del mercato azionario, qualora problemi finanziari o di redditività colpissero il “sottostante”. Se le cose vanno bene, ovviamente no, ma i bond sono meno protettivi di quanto l’investitore comune creda. Paradossalmente un portafoglio di azioni globali, nel lungo andare, presenta rischi inferiori a quelli associati all’acquisto di un singolo bond.

Se questo poi ha un taglio elevato, non potrai diversificare in modo adeguato il tuo portafoglio, esponendoti al rischio di perdite elevate.

Investire in obbligazioni richiede competenze elevate

Lo sapevi che i gestori di portafoglio che si occupano di bond hanno maggiori abilità di quelli che seguono il mercato azionario? D’altro canto il motivo è semplice: il mondo bond è MOLTO COMPLESSO. Prima di comprare le obbligazioni di una società occorre, infatti, fare una attenta analisi della sua situazione patrimoniale, economica e finanziaria, attuale e prospettica. In secondo luogo bisogna andare a vedere se il rendimento offerto da quel titolo rispetto ad un bond risk free (credit spread) è adeguato per il rischio corso.

Per questo motivo la cosa più saggia da fare consiste nell’investire in ETF Obbligazionari, invece che in pochi bond, soprattutto se il loro taglio minimo è parecchio elevato.Per farla breve la cosa più saggia da fare consiste nell’investire in ETF Obbligazionari, invece che in pochi bond, soprattutto se il loro taglio minimo è parecchio elevato.

SegretiBancari per te

Vuoi rifarti delle perdite subite con le obbligazioni e le azioni Astaldi? Grazie al percorso gratuito IC Warm Up avrai un buon portafoglio dal quale iniziare ad investire.

Think different, invest differently

Giacomo Saver – CEO Segreti Bancari

17 commenti
  1. A parte la situazione di Astaldi le borse stanno vivendo un momento di perturbazione con calo generalizzato dei listini.
    Temporale? tempesta? inizio di una nuova glaciazione?
    Eppure i fondamentali delle varie economie non sono peggiorati.
    Saluti
    Giovanni

  2. Pur non avendo in portafoglio queste azioni potrebbe essere in prospettiva un buon investimento (scommessa) cosa ne pensi?
    Mi interesserebbe solo capire quale potrebbe essere l’azione per determinare che Astaldi è uscita indenne da questa situazione.
    grazie

  3. @ Giovanni
    problema centrato: i fondamentali restano solidi e non ci sono avvisaglie di una possibile recessione. Solo gli Usa stanno attraversando un periodo “ambiguo” con segnali contrastanti dal lato macro cui fa da eco una buona tenuta dei listini.
    Ora come ora credo che sia più probabile una correzione. Staremo a vedere e ci regoleremo di conseguenza…

  4. @ Silvio
    Se Astaldi dovesse riprendersi riuscendo ad abbattere il debito magari rinegoziandolo l’azione potrebbe spiccare il volo, considerato il bassissimo livello di prezzo. Tu sei giustamente in cerca delle “azioni migliori” da comprare, ma temo che andrai incontro a delle delusioni se prima non ti preoccupi di impostare un piano completo per investire.
    Prima fissa delle regole generali e ferree sulla cui base imposterai tutta la tua strategia e se l’acquisto di singole azioni italiane fa parte del piano penserai ad Astaldi… Mai partire dal basso per costruire un portafoglio.

  5. Scusa se replico ma non riesco a capire cosa intendi per “partire dal basso”
    La costruzione di un piano per investire non potrebbe comprendere, per la percentuale azionaria dedicata al portafoglio, quelle azioni che stornano molto dai massimi?
    Mi avevate consigliato tempo addietro di seguire la media mobile a 200 gg e così faccio
    Purtroppo non ho altre conoscenze soprattutto specifiche finanziarie per leggere i bilanci ed è il motivo per cui cercavo in Astaldi la motivazione per determinare se entrare sul titolo.
    Dei rischi li si deve comunque prendere
    grazie ancora

  6. @ Silvio
    Scusami, mi sono spiegato male. Partire dal basso significa seguire un processo di questo tipo:

    1) definisco le mie esigenze e la mia “soglia del dolore finanziario”
    2) stabilisco la quota di azioni, obbligazioni e liquidità da inserire in portafoglio in modo coerente con il punto precedente
    3) decido come suddividere la quota di obbligazioni ed azioni tra le varie tipologie (azioni Italiane, Usa, obbligazioni corporate a lunga scadenza, titoli di stato, ecc)
    4) nel rispetto di quanto deciso sopra sceglierò, per ognuna categoria, i titoli da mettere in portafoglio.

    Ad esempio se nel tuo piano non hai previsto di inserire azioni italiane, per Astaldi non c’è posto nel tuo portafoglio. Se hai scelto di dedicare una certa percentuale alle azioni italiane allora penserai ai titoli da comprare. Tutto qui… Grazie a te. Se hai altre domande sono a tua disposizione…

  7. A distanza di un anno il valore del bond si è dimezzato, mente quello delle azioni e’ ad un sesto. Quindi il tuo articolo fa acqua da tutte le parti. Non e’ solo L indebitamento ma anche la liquidità. Infine consigliare azioni prima di un adc e’ come puntarsi una pistola alla tempia e sperare che si inceppi.

  8. @ mambo
    Hai ragione nel dire che il valore delle azioni è sceso ancora. Ma credo sia presto per trarre conclusioni, perché l’azienda non è finita. Staremo a vedere se si riprenderà, ma con un prezzo molto sotto il valore contabile i rischi sono piuttosto limitati.
    Poi ognuno deve fare le sue riflessioni, perché io non consiglio nulla, scrivo solo i miei pensieri…

  9. il bond 2020 in caduta libera. Eppure il default di una società come Astaldi sembra impossibile entro 2 anni, qualcosa non torna..

  10. @ Bernie
    Nulla è impossibile, ma di certo il default è al momento attuale poco probabile…

  11. Scusa Giacomo, non pensi che la quotazione del bond 2020 tenga conto del rischio di allungamento della scadenza? L’emissione quota complessivamente 750 milioni di euro, cifra indispensabile per l’imminente ricapitalizzazione di Astaldi. Quello che non mi è chiaro è: lo scambio del bond attuale con uno di scadenza più lunga sarà su base volontaria o sarà imposto?

  12. @ Emanuele
    Non so se lo scambio avverrà su base volontaria o meno. Oggi comunque preferirei essere azionista Astaldi che creditore della stessa. Il rischio è simile ma l’azionista potrà guadagnare molto di più…

  13. “se uscisse indenne da questa situazione le azioni potrebbero crescere di valore in modo esponenziale”.” forse ti conviene vendere i bond e con il ricavato comprare azioni della stessa società.” Scusami ma stai consigliando cose estremamente pericolose e sbagliate soprattutto nell’ottica di un ADC. 1 Shortare bond e comprare azione è un operazione che si fa per speculare su titoli in difficoltà ma assolutamente sconsigliata per investitori incastrati con bond con un profilo di rischio medio-basso. 2 Astaldi è in concordato e a breve prevede un ADC da 300 milioni su un titolo che ne capitalizza 63, quindi estremamente diluitivo. Per di più l’ADC è riservato al 90% ad investitori terzi: io lo chiamerei liquidazione. Al mercato rimarrà il 6,5% del valore alla data di ADC, che magari aumenterà anche esponenzialmente post ADC ma per recuperare il 90% di perdita dovresti fare il 1000%! Non consiglierei pubblicamente queste mosse false a persone che stanno già soffrendo enormi perdite. A mio parere chi necessita dei soldi nell’immediato è meglio che liquidi e stop. Ma chi vuole andare fino in fondo a questo punto deve aspettare di capire di che morte deve morire. Ma assolutamente sconsigliato comprare azioni Astaldi dopo avere venduto bond Astaldi.

  14. @ Andrè
    Non ti consiglio di andare short sul titolo, ma solo di venderlo. Quale che sia la tua situazione iniziale, ora il bond è carta straccia e tanto vale rischiare il tutto e per tutto e passare alle azioni. Se le cose andranno male perderai in entrambi i casi tutto il capitale e questo scenario è del tutto diverso da quello che aveva davanti chi ha scelto l’obbligazione per fare un investimento prudente…

  15. Il bond non è carta straccia semmai sono le azioni che non hanno nessun valore effettivo: visto che tutto il patrimonio attuale di Astaldi in caso di liquidazione verrebbe assorbito dai creditori privilegiati e in parte dagli obbligazionisti fino al 25% circa del valore nominale del debito (secondo i calcoli del mercato oggi). Chi compra Astaldi ora si ritrova con un biglietto della lotteria che nel 5% delle ipotesi ti fa vincere 4-5 volte la posta in gioco ma nel 95% ti ritrovi con un pugno di mosche in mano. Visto anche che l’ADC è quasi certo e agli azionisti attuali rimarrebbe il 6% del valore attuale.

  16. Vorrei sapere perche’ il tribunale non dichiara fallita la societa Astaldi , si farebbe molta chiarezza su alcuni punti tipo i dividendi ed altro e ci sarebbe una verifica di una eventuale bancarotta .

  17. @ Stefano
    A quanto mi risulta la società non è ancora in bancarotta… Si sta trattando per salvarla.

Rispondi o Commenta