5 Bond che Faranno Concorrenza ai BTP

5 obbligazioni che battono i BTP - segretibancari.com

Non solo BTP. Ecco cinque obbligazioni che puoi valutare per aumentare il rendimento del tuo portafoglio obbligazionario.

Per chi vuole investire in obbligazioni i tempi sono particolarmente duri. Da un po’ di tempo. E una possibile recessione globale rischia di tenere i tassi di interesse bassi ancora per un po’. Ecco allora alcune alternative ai BTP per investire in obbligazioni a tasso fisso, media scadenza, con rendimenti interessanti.

Pemex 24 febbraio 2025 5,50% – XS0213101073

L’emittente

Petróleos Mexicanos è una società fondata nel 1933 per gestire il mercato del petrolio e produrre lo stesso e i suoi derivati. Nel 1940 la società aveva raggiunto una efficace integrazione verticale. Nel 1951 si espanse nel sud est del Messico attraverso lo sfruttamento di nuovi giacimenti. Negli anni ’80 aumentò la produzione di greggio. Oggi è al decimo posto nella classifica mondiale dei produttori ed una realtà consolidata e in espansione.

Il Titolo

Il bond Pemex ha una scadenza media e lo stesso rating dei BTP, ma presenta un rendimento più elevato. Ecco, in sintesi, le caratteristiche del titolo:

  • prezzo: 107,24
  • rendimento netto annuo: 2,72%
  • differenza con BTP (spread): 0,90%
  • rating dell’emittente: BBB
  • taglio minimo: 10.000 €

Carraro 31 gennaio 2025 3,50% call – XS1747134564

L’emittente

Carraro è un gruppo industriale specializzato nella trasmissione di potenza delle macchine. Il suo business principale sono gli assali e le trasmissioni. Il 51,70% dei prodotti sono applicati nell’agricoltura con lo sviluppo, tra l’altro, di trattori speciali. Il gruppo sta integrando la conoscenza in ambito meccanico con quelle nell’elettronica per affrontare le sfide della meccatronica.

Il Titolo

Il bond Carraro ha una scadenza intermedia, un buon rendimento, ma presenta una clausola call di rimborso anticipato. Poiché la quotazione dell’obbligazione è intorno al valore di rimborso, l’eventuale esercizio della clausola non sarà troppo penalizzante.

  • prezzo: 99,72
  • rendimento netto annuo: 2,64%
  • differenza con BTP (spread): 0,82%
  • rating dell’emittente: non disponibile
  • taglio minimo: 1.000 €

Mediobanca 16 giugno 2026 call 3,75% – IT0005188351

L’emittente

Mediobanca non ha bisogno di presentazioni. Diretta per anni da Enrico Cuccia la banca è sempre stata il crocevia dell’industria italiana. Sede del “salotto buono” dell’economia italiana, Mediobanca ha preso parte alle più importanti vicende del nostro Paese. Oggi il Gruppo svolge analisi finanziarie, finanziamenti alle imprese, credito ai privati ed ha lanciato brand di grande successo come Che Banca e Compass.

Il Titolo

L’obbligazione Mediobanca ha una scadenza non troppo lunga, un buon rendimento e una clausola call da tenere sotto controllo per via del possibile rimborso anticipato. Si tratta inoltre di obbligazioni subordinate che offre meno garanzie di un bond senior.

  • prezzo: 103,25
  • rendimento netto annuo: 2,26%
  • differenza con BTP (spread): 0,44%
  • rating dell’emittente: BBB
  • taglio minimo: 1.000 €

Mittel 7 agosto 2023 3,75% call – IT0005257784

L’emittente

Mittel è una banca d’affari (merchant bank) specializzata nel finanziamento ad imprese industriali di piccola e media dimensione. L’obiettivo è fare impieghi di maggioranza, volti ad avere un peso rilevante nella conduzione di aziende.

Il Titolo

Il titolo ha un taglio minimo basso, il che lo rende “adattabile” a qualunque importo disponibile. La quotazione sopra cento il che potrebbe essere un problema qualora l’opzione call venisse esercitata.

  • prezzo: 102,43
  • rendimento netto annuo: 2,23%
  • differenza con BTP (spread): 0,95%
  • rating dell’emittente: non disponibile
  • taglio minimo: 179 bond

Comit 17 febbraio 2028 ZC – IT0001200390

L’emittente

La Banca Commerciale Italiana (COMIT) fu fondata nel 1894 per opera di alcuni istituti già esistenti tra i quali : Deutsche Bank,Dresdner, BankBank für Handel und Industrie, Bleichröder, Oppenheime Berliner Handels-Gesellschaft. Dal 18 dicembre 2002 la banca è diventata Intesa San Paolo, in seguito alla fusione con l’istituto torinese.

Il Titolo

Il bond Comit è uno zero coupon, che non paga delle cedole ma capitalizza gli interessi che saranno corrisposti al momento del rimborso. Se vuoi monetizzare prima della scadenza l’unica alternativa è vendere il titolo sul mercato al prezzo corrente.

  • prezzo: 76,76
  • rendimento netto annuo: 2,07%
  • differenza con BTP (spread): non significativa
  • rating dell’emittente: BBB
  • taglio minimo: 1.000 €

Il fatto che il titolo sia senza cedole garantisce che il rendimento effettivo a scadenza sia noto a priori, perché lo stesso non dipende dal tasso di reinvestimento degli interessi, come accade – invece- per i BTP.

La Mia Opinione

Ho scelto con cura i titoli che ti ho presentato, per offrirti un buon “compendio” tra rischio e redditività. Il confronto con i BTP ha senso perché parliamo di bond con rating simile e rischio equiparabile.

Tuttavia non scordare che un portafoglio di obbligazioni non deve mai, in nessun caso, essere concentrato su pochi titoli. L’eventuale default di uno di essi avrebbe, in questo caso, conseguenze devastanti sul tuo umore e il tuo portafoglio.

Se sceglierai di comprare una o più delle obbligazioni presentate ricorda di non destinare ad ognuna di esse più del 5% del tuo portafoglio obbligazionario.

Se hai domande in merito a questo post, scrivimi un commento e condividi l’articolo con i tuoi amici se ti è piaciuto.

Giacomo Saver- CEO di Segretibancari.com

10 commenti
  1. L’ISIN corretto del bond di Carraro è questo: XS1747134564
    Ciao

    Rispondi
    1. @ Loyds
      Grazie per la correzione. Avevo fatto il copia/incolla da un file excel ma probabilmente negli appunti del pc era rimasto il codice del Pemex 🙂

      Rispondi
  2. ma di telecom 33 bond cosa ne pensi rischioso?

    Rispondi
    1. @ Gennaro
      i rischi sono due: l’emittente e la durata. Prima di pensare ai titoli stendi un piano per investire e attieniti a quello. Se parti dai titoli crei un portafoglio squilibrato e inadatto per te.

      Rispondi
  3. Buona serata GIACOMO,acquistando la Pemex al prezzo attuale portandola alla naturale scadenza si accantona una minusvalenza?

    Rispondi
    1. @ Antonio
      Sì, perché il titolo quota sopra 100…

      Rispondi
  4. L’ultimo bond e’ efficiente per recuperare minusvalenze in scadenza giusto?? grazie.

    Rispondi
    1. @ Enzo
      In teoria sì a patto che:
      1) venga venduto prima della scadenza (se aspetta il 2018 le minus che ha saranno prescritte)
      2) che il corso supersecco di vendita superi quello di acquisto.

      Un piccolo studio la aiuterà a capire cosa sia il corso supersecco e come calcolarlo. Grazie per la domanda e buon investimento…

      Rispondi
  5. Ciao, Giacomo,
    sbaglio o il titolo “Comit 17 febbraio 2028 ZC – IT0001200390” può essere considerato particolarmente adatto per compensare minusvalenze, essendo uno zero coupon?

    Rispondi
    1. @ Giampaolo
      Sì, ma nella misura in cui il prezzo di vendita supera il corso supersecco. Non tutta la differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto è un reddito da capitale compensabile.

      Rispondi

Rispondi o Commenta


window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-34833611-1', { 'optimize_id': 'GTM-MWDR9P4'});