Polizze Unit Linked: Cosa Sono e Perché non Convengono

polizze-unit-lined-cosa-sono

Articolo aggiornato il 21 agosto 2017

Polizze unit linked: cosa sono? Come mai vanno tanto di moda e perché non convengono?

Sai cosa sono le polizze unit linked e come funzionano? Te ne hanno proposta una con la scusa che in questo modo puoi recuperare le minusvalenze su fondi ed ETF? Fai ATTENZIONE a ciò che sto per dirti, perché è probabile che la tua fiducia in questi strumenti stia per essere messa a dura prova.

Le banche le stanno proponendo a piene mani, soprattutto a quei clienti che dispongono di patrimoni pari ad almeno 100.000 euro che, guarda caso, sono proprio il target di lettori cui si rivolge il mio sito, segretibancari.com, che cerca di aprire loro gli occhi per aiutarli ad investire in modo consapevole, semplice ed indipendente.

Ma cosa sono le polizze unit linked, qual è la loro definizione e per quale motivo quando ne senti parlare il tuo campanello di allarme deve mettersi a suonare all’impazzata?

Unit linked: cosa sono?

Cerchiamo, per prima cosa, di dare una definizione delle assicurazioni unit linked.

La polizza unit linked è un prodotto finanziario “vestito” da assicurazione sulla vita, che non garantisce la restituzione del capitale alla scadenza.

Le united linked non sono “associate” alle gestioni separate, ed investono in altri strumenti finanziari. Ricordo che la prima volta in cui sentii parlare dei prodotti unit linked fu nel 1997, leggendo una pubblicità della Commercial Union, ora diventata Aviva.

Il suo amministratore delegato di allora magnificava i vantaggi delle polizze che investono in fondi ma, da subito, iniziai a dubitare della loro efficacia.

Che senso aveva sottoscrivere una polizza per avere al suo interno dei fondi comuni di investimento?

Quello che avrei scoperto dopo mi inquietò parecchio…

I vantaggi apparenti delle assicurazioni unit linked

Il primo vantaggio che viene sbandierato, quando si tratta di polizze unit linked, risiede nella loro “veste” assicurativa e nel fatto che, grazie ad essa, puoi fare uscire le somme investite nel prodotto dall’asse ereditario. Se hai un’amante questa cosa può esserti utile, perché potresti farle una donazione segreta senza che i tuoi eredi impugnino il testamento, ma non credo che questo sia sufficiente a convincerti a sottoscrivere questi prodotti.

E così l’industria assicurativa ha fatto leva su altri aspetti più intriganti.

Con le polizze united linked può sottoscrivere fondi molto performanti che non sono autorizzati al collocamento in Italia e, di conseguenza, sono inaccessibili all’investitore privato“.

Mmmmm, la cosa si fa interessante. Dal punto di vista della comunicazione questo è un vero e proprio colpo basso,e non è il solo. Sulla carta l’idea è buona ma, oltre al fatto che non sempre i fondi di investimento sono così efficaci, resta il fatto che c’è una sorpresa che guasta il sapore di tutta la torta. Se vuoi sapere come investire da solo senza ricorrere a prodotti costosi iscriviti gratuitamente al corso on line “A Scuola di Investimenti“.

Le polizze unit linked cosa sono? Un ottimo modo per recuperare le minusvalenze” dicono altri venditori, mascherati da consulenti. In effetti le unit linked si comportano come “contenitori” di prodotti finanziari. Le compravendita di fondi che si trovano al loro interno (o di ETF dato che alcuni di questi contratti prevedono la possibilità di investire in fondi passivi), creano plusvalenze e minusvalenze che si compensano, perché ad essere tassato è l’incremento complessivo di valore della polizza e non già l’utile sui singoli prodotti al suo interno.

BINGO!!

Ecco che la polizza unit linked è diventata, come per magia, un modo ottimale dove investire i tuoi soldi… Eppure tra poco cambierai idea sulla validità di questi prodotti…

Perché i prodotti unit linked non convengono…

Investire in polizze unit linked non è esattamente economico. Come hai visto questi contratti si suddividono in due componenti:

  • il contenitore, ossia il contratto vero e proprio che “veste” di un manto assicurativo tutto quanto;
  • il contenuto, ossia i prodotti finanziari, tipicamente fondi ed ETF, inseriti all’interno del contenitore stesso.

E qui ci divertiamo…

Ognuna dei due componenti delle polizze unit linked comporta il pagamento di costi che si sommano, andando a diminuire il risultato economico finale che otterrai.

Ognuno dei fondi inseriti in contratto comporta il pagamento di una commissione di gestione che, per quanto piccola, comunque c’è. Stesso discorso per gli ETF, se vengono inseriti in un contratto di questo tipo.

Il contenitore, poi, presenta altri costi che – come giustamente immagini – si sommano a quelli del contenuto facendo esplodere l’onerosità di questi contratti. Che possono costare serenamente oltre il 3% l’anno senza considerare i costi legati all’ingresso o all’uscita dal prodotto stesso.

Ora che sai cosa sono le polizze unit linked sei ancora convinto che siano un buon modo per recuperare le minusvalenze? A mio avviso no. I costi che sopporti per avere questa forma di “agevolazione” fiscale sono troppo alti e finiscono con il mettere in dubbio lo stesso motivo per cui il contratto è stato sottoscritto.

L’obiezione secondo cui investire in ETF non conviene se non puoi recuperare le minusvalenze non è poi così fondata. Se compri gli ETF giusti e lo fai nel momento corretto ben difficilmente ti troverai nella condizione di recuperare le minusvalenze. E se anche accade il costo che sopporterai sarà comunque inferiore alle commissioni pagate sulle polizze unit linked.

Ad esempio, quattro ETF assolutamente validi in cui investire il tuo capitale di almeno 100.000 euro li trovi in Investment Club Warm Up.. E buona pace alle unit… che le sottoscriva qualcun altro 🙂

Giacomo Saver

Fondatore e Direttore di Segretibancari.com

31 commenti
  1. Infatti appena una persona sente la parola “assicurazione”, il diniego dev’ essere immediato 🙂

    Rispondi
    1. @ Daniele
      Sante parole…

      Rispondi
  2. Buongiorno Giacomo, ha mia mamma la banca Unicredit ha fatto sottoscrivere due polizze di questo tipo, da 30000 euro l’una, per un totale di 60000 euro. Attualmente una dopo cinque anni ha una perdita di 600 euro mentre l’altra dopo due anni è sotto di 2000 euro……… Oramai il danno è fatto. Conviene svincolare tutto subito o aspettare per limitare la commissione d’uscita? Grazie per l’eventuale risposta.

    Rispondi
    1. @ William
      se la commissione di uscita non è troppo elevata uscirei subito da questi contratti. In caso contrario aspetta la fine del tunnel e esci appena puoi. Fammi sapere e grazie per il commento.

      Rispondi
  3. Buongiorno, dunque la Banca suggerisce di uscire dopo 6 anni da una polizza Unit linked per investire in una nuova polizza Unit. La spiegazione di questo passaggio starebbe nella comunicazione dei gestori che anticipano che i rendimenti futuri della prima polizza saranno molto bassi.
    Conviene riscattare e non reinvestire in altra polizza (c’è un bonus per versamenti sopra i 50.000€)?
    Ringrazio
    Giovanna

    Rispondi
    1. @ Giovanna
      Credo che il motivo per il quale la vecchia polizza avrà rendimenti attesi bassi sia da cercare nel “modello del ciclo vitale”.
      Secondo questa impostazione la quota azionaria viene ridotta con l’avvicinarsi della scadenza del contratto e da obbligazioni a breve scadenza e rendimenti minimi.
      Al tempo stesso, però, i costi non scendono di pari passo con i rendimenti, ragione per la quale in futuro i guadagni saranno molto bassi.
      Le consiglio di riscattare la polizza ma non aderire alla nuova offerta da parte della sua banca.

      Rispondi
  4. Salve, chiedo cortesemente se avendo una di queste polizze e pagando una rata mensile è possibile metterle in riduzione e smettere di pagare la rata fino alla scadenza?
    Il vincolo è di 5 anni con inizio 04/2015 con 20.000 € e con altri 20.000 da versare a rate di 416.00 mensili.
    Grazie.

    Rispondi
    1. @ Mario
      Se la polizza è di tipo “Unit” puoi ridurla senza problemi. Il valore del contratto oscillerà in base all’andamento di mercato del sottostante.

      Rispondi
  5. La mia assicurazione Allianz mi propone una vitariv unit linked di 100 €al mese più 10000 € in fondi 20% e 80%Vitariv mi sembra rischiosa e costi alti

    Rispondi
    1. @ Gavina
      A prima vista direi che è davvero così. Hai provato a leggere il fascicolo informativo e a soffermarti sui costi?

      Rispondi
  6. Ciao Giacomo, ti seguo già da un po’, sei grande!
    Oggi sono andata Unicredit siccome son caduta nella trappola delle unit linked dal 2016/2017. Ho bensì 2 polizze con versamento mensile ho chiesto riduzione e mi hanno risposto che si può fare solo per un anno poi però l’ anno successivo devi comunque versare importo totale delle rate in unica soluzione. Io ho letto il prospetto di entrambe ma non c’è scritto nulla.
    Ti risulta legale?
    Fino a inizio 2022 ho le mani legate mi sa.
    Un consiglio grazie

    Rispondi
    1. @ Cristina
      Credo ti abbiano dato una informazione errata. Le Unit Linked di solito sono vendute con la formula del premio unico ricorrente, per cui non incorri in nessuna penalità se interrompi i versamenti. Torna in banca e chiedi al tuo consulente di farti vedere dove, nel contratto (o fascicolo informativo), c’è scritto che sei “costretta” a versare… E fammi sapere, mi raccomando.

      Rispondi
  7. Ciao Giacomo grazie per la risposta.
    Sono appena tornata dalla banca.
    Mi hanno detto che posso ridurre per un anno poi l’ Assicurazione chiede alla banca se voglio riprendere a versare o estinguere le polizze, con penali ovviamente.
    Che ingiustizia.
    Un commento grazie ancora.

    Rispondi
    1. @ Cristina
      Paghi una penale per riprendere ad investire? O per riscattare? Ma che polizza ti hanno venduto? Di solito le unit non hanno costi di estinzione anticipata, perché il loro valore dipende dalla quotazione del sottostante…

      Rispondi
  8. Ciao Giacomo, ti allego dal foglio informativo alla voce
    Riduzione
    Il mancato versamento del premio alle ricorrenze pattuite determina l’interruzione del piano dei
    versamenti.
    In caso di interruzione del pagamento dei premi, qualora l’Investitore-Contraente non abbia
    ripreso il versamento degli stessi entro dodici mesi dalla data di interruzione, previa
    corresponsione di tutti quelli arretrati, il Contratto rimane in vigore per un numero di quote, ridotto
    dell’eventuale penale di riduzione, indicata nella Sezione ’Quali costi devo sostenere?’ e determinata
    in funzione delle annualità di premio interamente corrisposte.
    Non so come procedere cosa mi consigli tu?
    Grazie ancora

    Rispondi
    1. @ Cristina
      Mi sembra strano un contratto di tipo unit che metta questi vincoli. Prova a leggere questa guida, poi se hai bisogno di un’analisi più approfondita scrivimi a info@segretibancari.com aprendo un ticket di assistenza. Il costo del servizio è di 72 € e per quella cifra ti farò uno studio dettagliato ed approfondito del contratto che hai sottoscritto. Fammi sapere, grazie!!

      Rispondi
  9. Ciao Giacomo avevo già letto l’ articolo a riguardo.
    Ho aperto un ticket assistenza mi serve cortesemente il tuo aiuto.
    A presto e grazie
    Cristina

    Rispondi
  10. Buongiorno, Dott. Saver, ho una polizza Fideuram Vita Insieme, assicurazione caso morte a vita intera di tipo Unit Linked a premio ricorrente che ho mandato in riduzione bloccando i versamenti. La banca però mi dice che continuerò comunque a pagare le commissioni di gestione. E’ così?
    Nelle condizioni contrattuali non ho trovato niente al riguardo e riscattarla ora non mi conviene perchè il controvalore è inferiore ai premi versati.
    Grazie,
    Un saluto
    Barbara

    Rispondi
    1. @ Barbara
      Sì, è vero. Le commissioni di gestione sono sempre pagate, allo stesso modo dei fondi comuni di investimento. L’unico modo per evitarle consiste nel chiudere il contratto purtroppo…

      Rispondi
  11. Buongiorno Dott. Saver, sempre a proposito della polizza Fideuram Vita Insieme, assicurazione caso morte a vita intera di tipo Unit Linked a premio ricorrente che ho mandato in riduzione bloccando i versamenti. La banca mi consiglia di non estinguere la polizza e, al momento, di minimizzare i costi di gestione riducendo l’ammontare dei premi versati. Tutto ciò al fine di mantenere un prodotto che un domani posso convertire in una rendita vitalizia. Mi conviene? In che altro modo posso garantirmi un rendita vitalizia?
    Grazie, saluti,
    Barbara.

    Rispondi
    1. @ Barbara
      Per darle una risposta completa dovrei analizzare a fondo il contratto. Se lo desidera ci sentiamo via email privatamente per un preventivo. Mi scriva pura a info@segretibancari.com, grazie.

      Rispondi
  12. Buonasera, vorrei pubblicamente ringraziare Giacomo che con la sua analisi approfondita mi ha proposto delle alternative per districarmi da queste polizze che sono ancora in essere ma che hanno i versamenti contati…

    Rispondi
    1. @ Cristina
      Ti ringrazio. E’ stato un piacere esserti stato di aiuto. A presto 🙂

      Rispondi
  13. Ho sottoscritto una Meie Unit Share in data 22.12.200 con n. 254.849 quote e versando 5.ooo per un controvalore di euro 2.387,30, Chiedo il valore di oggi e che cosa mi conviene fare. Grazie

    Rispondi
    1. @ Marcello
      Per darle una risposta completa doverei analizzare in dettaglio la sua polizza. E’ interessato a un preventivo per il servizio?

      Rispondi
  14. Buongiorno dott Saver,
    Concordo sempre in generale con lei, e ritengo che rivolgendosi ad un pubblico molto ampio le sue considerazioni devono essere forzatamente di validità generale. Le chiedo qui però se in casi particolari le polizze UL potrebbero avere il loro senso.
    Mi spiego con un esempio personale.
    Gestione da Private Banking (a cui per il momento sono costretto per motivi personali) che nel 2018 ha portato ad una perdita globale di valore del portafoglio dell\’8,3% inclusi i costi di gestione.
    Ho poi anche dovuto pagare tasse sulle plusvalenze maturate nell\’anno a causa della gestione \”molto attiva\” da parte della banca (In pratica hanno venduto nel 2018 diversi prodotti che hanno maturato plusvalenze tassabili pari ad oltre il 12% del valore del patrimonio, comprandone poi altri con il risultato che comunque alla fine dell\’anno il valore era minore che all\’inizio). Questo ha portato ad un esborso finanziario diretto che sommato alla perdita di valore del portafoglio non mi ha fatto piacere.
    La situazione si presenta ovviamente ogni anno, anche se quando il portafoglio cresce, fa meno male.
    La domanda è: Una polizza UL in questo caso avrebbe sì aggiunto un suo costo (ne ho trovata una con costo dello 0,4% annuo), ma avrebbe quanto meno differito l\’esborso diretto al momento di liquidazione della polizza compensando negli anni tutte le plus e minus. Corretto?

    Rispondi
    1. @ Alberto
      Sì è corretto. Ne parlo anche nei miei corsi di formazione: le Unit Linked, in certi casi, possono essere un valido strumento ma occorre ponderare bene tutto. Grazie per la sua testimonianza.

      Rispondi
  15. Buon giorno, ho investito in questo modo una cifra ottenuta da un risarcimento danni a seguito di un incidente stradale su consiglio della mia banca nel 2014 ad oggi sono sopra di 16000 euro lordi e non ho piu nessuna penale.
    Se avessi acquistato 2 o 3 appartamenti probabilmente oggi avrei in mano qualcosa, accetto consigli di investimento, calcolando che lo scopo è quello di arrivare ad una vecchiaia serena ho 42 anni.

    Rispondi
    1. @ Claudio
      Se avesse investito in un portafoglio composto in modo analogo, ma costruito con prodotti più efficienti, avrebbe certo guadagnato molto di più. Il tutto a parità di andamento dei mercati. Se desidera ricevere aiuto per investire, per favore faccia riferimento a questa pagina: https://www.segretibancari.com/investmentclub/. Un cordiale saluto.

      Rispondi
  16. Sono veramente impignorabili queste polize

    Rispondi
  17. IMPOSTA SU RISCATTO A SCADENZA POLIZZA UNIT LINKED
    Buonasera, volevo chiedere a quanto ammonterà l’imposta da pagare sul riscatto a scadenza (fine 2020) della mia polizza Unit Linked a premio ricorrente, durata 20 anni, sottoscritta nel dicembre 2000 e di cui ho sempre portato in detrazione i premi pagati. Non mi è per nulla chiaro se il 12,5% o il 26% o altra percentuale e su quale base imponibile.
    Grazie

    Rispondi

Rispondi o Commenta