Come Investire nell’Indice NASDAQ Americano

Come Investire nel NASDAQ USA - Segretibancari.com

 

Aveva raggiunto 5.132 punti nel marzo 2000 per poi crollare a 1.108 a ottobre del 2002, registrando un calo del 78%. Ma ha saputo risorgere dalle sue stesse ceneri: chi ha comprato il Nasdaq ai minimi ha registrato, a novembre 2018, una performance eccezionale: il 544%.

In questo articolo ti spiegherò come investire nel NASDAQ, che cosa significa questa sigla, come è composto l’indice e quali possono essere le insidie per il futuro.

NASDAQ: Cosa Significa?

La National Association of Securities Dealers Automated Quotations è nata nel 1971. L’8 febbraio di quell’anno sono iniziate le contrattazioni. Il NASDAQ è un mercato “quote driven” fatto di operatori che comprano e vendono azioni in proprio (dealers). A differenza di altri mercati, order driven, che vedono la presenza sia di operatori professionisti sia di investitori e trader privati nel book di negoziazione, gli ordini impartiti si abbineranno alle proposte di un dealer.

Sul mercato sono quotate  3.000 imprese non finanziarie. Primo mercato elettronico al mondo, il NASDAQ è caratterizzato da una notevole volatilità, grazie al fatto che esso funge per lo più da “incubatore” per le aziende ad alta crescita e con forte vocazione tecnologica.

Sebbene la sede del mercato sia a Times Square il NASDAQ è un mercato completamente elettronico che può essere “raggiunto” attraverso una qualunque banca italiana abilitata.

L’andamento del mercato è misurato attraverso due diversi indici, uno dei quali è anche una opportunità di investimento grazie agli ETF.

L’Indice NASDAQ Composite

Composto da circa 3.200 azioni esso è uno degli indici più “popolosi” al mondo. Per fare parte del Composite una società deve essere quotata solo sul NASDAQ, anche se sono ammesse eccezioni per quelle aziende che nel 2004 erano già quotate presso un altro listino.

Ad essere quotati possono essere i seguenti tipi di strumento finanziario:

  • American Depositary Receipts (ADRs)
  • Common Stock
  • Limited Partnership Interests
  • Ordinary Shares
  • Real Estate Investment Trusts (REITs)
  • Shares of Beneficial Interest (SBIs)
  • Tracking Stocks

L’Indice NASDAQ 100

Si tratta di un indice più diffuso che rappresenta una “sotto categoria” del composite con il quale spesso è confuso. E’ composto da 103 azioni emesse dai principali 100 emittenti del NASDAQ. L’indice è costruito secondo una metodologia a capitalizzazione. Esso privilegia, quindi, le società che hanno un valore di mercato più elevato sebbene ci siano dei tetti massimi per consentire una adeguata diversificazione.

L’assenza di società finanziarie differenza il NASDAQ 100 sia dallo Standard & Poor’s 500 sia dal più noto Dow Jones.

I titoli più rappresentati nell’indice sono:

  • Apple (11,57%)
  • Microsoft (10,32%)
  • Amazon (10%)
  • Alphabet (4,69%)
  • Facebook (4,46%)

Due Modi per Investire nel Nasdaq

Come investire nel NASDAQ Usa? Se hai scelto di mettere in portafoglio delle azioni tecnologiche americane, hai essenzialmente due modi per farlo. In entrambi i casi non dovrai compiere grossi sforzi, perché potrai effettuare le operazioni direttamente dal tuo PC o Smartphone in pochi clic.

Se operi attraverso una banca fisica ti sarà comunque possibile investire nel NASDAQ, anche se pagherai una commissione più alta sulle operazioni.

Come Comprare Azioni NASDAQ

Il primo modo per investire nel NASDAQ consiste nel comprare singole azioni quotate. Se non sei in grado di scegliere le migliori, una strategia può essere quella di individuare i titoli più importanti che compongono l’indice e comprare quelli.

Il vantaggio di questo modo di operare sta nel fatto che avrai una correlazione forte tra l’andamento del tuo “portafoglio tecnologico” e quello dell’indice sottostante.Lo svantaggio sta nel fatto che dovrai seguire l’evoluzione dell’indice e cambiare i titoli quando questi non fanno più parte del NASDAQ 100.

Se investi in singole azioni da te scelte, invece, dovrai seguirne l’andamento in rapporto ai dati fondamentali e sostituirle quando la società sottostante perde colpi. Se saprai individuare i titoli migliori il grande vantaggio starà nella performance più elevata che otterrai, rispetto all’investimento nell’indice complessivo.

Le principali banche on line italiane ti permettono di inserire ordini sul mercato Usa. L’unica accortezza cui dovrai prestare attenzione è il fuso orario. Se disponi di un conto valutario potrai farti accreditare le vendite e addebitare gli acquisti direttamente in dollari, senza cambiare la valuta volta per volta. Questo ti permetterà di ridurre i costi e di farti scegliere il momento migliore per trasformare Dollari in Euro e viceversa.

Se non disponi di un conto valutario o non vuoi aprirne uno, non importa. In questo caso gli addebiti e gli accrediti saranno regolati sempre in Euro, attraverso la conversione automatica tra le due valute. Questo comporterà costi maggiori (anche le transazioni valutarie hanno una loro commissione) e non potrai separare la vendita di un titolo da quello della valuta. Idem in caso di acquisto.

Come Investire sul NASDAQ Con gli ETF

Se scegli di investire nel NASDAQ usando gli ETF hai diverse opportunità a tua disposizione. Tutti gli strumenti che vedremo sono quotati presso Borsa Italiana e sono accessibili da TUTTE le piattaforme: sia le banche tradizionali sia quelle on line.

Lyxor ETF NASDAQ100 – FR0007063177

L’ETF è a replica sintetica attraverso un derivato (Swap). Il costo annuo di gestione ammonta allo 0,30% ed il prodotto è a distribuzione dei proventi. I dividendi sono pagati con frequenza annuale.

iShares NASDAQ 100 – IE00B53SZB19

Il prodotto è a replica fisica, ossia detiene i titoli che compongono l’indice. Costa lo 0,33% l’anno ed è ad accumulazione dei proventi. Non prevedendo lo stacco di alcun dividendo questo ETF è fiscalmente più efficiente rispetto al Lyxor.

Invesco Eqqq Nasdaq 100 – IE0032077012

L’ETF costa lo 0,30% (anche se il sito di Borsa Italiana riporta lo 0,20%) ed è a distribuzione dei proventi. Il dividendo è staccato con periodicità trimestrale.

Amundi Nasdaq 100 – Eur – LU1681038243

Il prodotto Amundi è il meno costoso di tutti. L’onere di gestione ammonta allo 0,23%, la modalità di replica del sottostante è sintetica e l’ETF è ad accumulazione dei proventi.

Giacomo Saver – Segretibancari.com

Rispondi o Commenta