Fondi Monetari: Come Fare Investimenti Sicuri a Breve Termine

fondi-monetari

Il fondo monetario è uno strumento di investimento/parcheggio della liquidità adatto per attraversare indenni le fasi di turbolenza sui mercati. Capirne il funzionamento è semplice, ma scegliere il migliore non è sempre facile a causa dei costi che rendono questi prodotti troppo costosi in base alla situazione attuale dei tassi di interesse.

Cosa Sono e Come Funzionano i Fondi Monetari

I fondi monetari sono fondi comuni di investimento specializzati sulle obbligazioni a breve termine. Il loro obiettivo è la conservazione del capitale investito e l’ottenimento di un reddito tarato in base alla situazione contingente dei mercati. Di norma gli strumenti finanziari in cui il gestore investe sono:

  • certificati di deposito
  • obbligazioni a breve scadenza
  • titoli di stato a scadenza breve
  • altri strumenti del mercato monetario purché caratterizzati da liquidità e sicurezza.

Investire in fondi monetari è sicuro, perché grazie alla durata contenuta del portafoglio obbligazionario è praticamente impossibile subire forti oscillazioni di valore del capitale investito.

I Migliori Fondi Monetari

Se pensi che investire in fondi monetari sia conveniente, purtroppo devo deluderti. A causa dei tassi di interesse molto bassi, se non negativi, per gran parte della curva dei rendimenti, la quasi totalità dei fondi specializzati sul breve termine ha performance negative. Secondo quanto riporta Morningstar, su 81 fondi collocati in Italia, solo due hanno un guadagno positivo ad un anno:AZ Fund 1 Alternative Cash e AcomeA Liquidità.

Il secondo deve il suo “successo”, se così vogliamo definire una performance dello 0,09% da ottobre 2017 ad ottobre 2018, alle commissioni basse. Il costo di gestione, infatti, ammonta ad appena lo 0,18%. Il prodotto Azimut, invece, svetta in classifica con un +1,07% a fronte di una commissione di gestione dello 0,74%.

Analizzando la documentazione del fondo si legge che “Il comparto si propone di ottenere l’apprezzamento del capitale nel breve/medio periodo con un profilo di rischio contenuto, in
condizioni normali.” Non solo, ma il fondo usa derivati su indici azionari ed obbligazionari per generare redditività. Non so tu ma io non sono tranquillo ad investire in un fondo che mira a contenere il rischio in condizioni “normali” di mercato, usando poi prodotti derivati.

L’obiettivo di un prodotto di questo tipo dovrebbe essere la protezione in caso di eventi straordinari, non in condizioni stabili dei mercati, non credi?

Posto che la performance non è il modo migliore per scegliere un fondo di investimento, la cosa migliore che puoi fare è selezionare quei prodotti che presentano i costi di gestione più bassi.

Il problema è che risulta impossibile trovare dei prodotti monetari, sottoscrivibili dagli investitori privati, che abbiano costi inferiori allo 0,50% l’anno. Nel momento in cui scrivo, quindi, i migliori fondi monetari NON ESISTONO.

Quando e Perché Investire in Fondi Monetari?

L’investimento in prodotti specializzati sui bond a breve scadenza ha senso solo in alcuni casi. Vediamoli insieme.

Timori del Bail In

Se sul conto corrente hai una somma liquida che supera i  100.000 € non sarai coperto dal FITD se la tua banca andrà in default. A questo punto le alternative sono due: aprire più conti presso banche diverse, tenendo il saldo di ogni rapporto sotto i cento mila euro, o tenere tutto nella stessa banca ma investire in un fondo monetario. Poiché quest’ultimo è uno strumento finanziario e non un credito, esso è fuori dal bail in e non sarà toccato nel caso in cui la tua banca venga posta in liquidazione.

In questo scenario l’investimento è fatto per proteggere il capitale, ben sapendo che le commissioni di gestione ne eroderanno una parte.

Il disinvestimento temporaneo

Immagina di essere uscito da un fondo azionario, magari perché temevi una discesa delle quotazioni. Se il tuo fondo è ad ombrello (multicomparto) e magari ha la commissione di uscita, trasferire i soldi sul conto corrente non è la scelta migliore da fare. Meglio allora restare nella stessa “famiglia” di fondi facendo un passaggio (switch) verso un prodotto di tipo monetario.

Timori di rialzo dei tassi

Un rialzo dei tassi di interesse farà scendere il valore delle obbligazioni in circolazione in misura proporzionale alla durata del titolo. Tanto più lontana è la scadenza tanto più forte sarà la pressione al ribasso, se e quando i rendimenti risaliranno. Investire in  un fondo monetario ti permette di ridurre l’onda d’urto provocata dai tassi in salita grazie alla breve durata dei titoli che il prodotto ha in portafoglio.

L’elevato turnover del portafoglio, però, creerà ulteriori costi che ridurranno ancora i rendimenti.

Giacomo Saver – Segretibancari.com

 

2 commenti
  1. Caro Giacomo, come prodotto liquido,considerando le performance negative di fondi ed etf obbligazionari a breve termine, si potrebbero considerare i bfp, ad esempio 3×2

    Rispondi
    1. @ Massimo
      Sì, certamente. Non ho più seguito il tema dei buoni postali, ma mi sembra di ricordare che in caso di rimborso anticipato ci siano comunque delle penalità (perdita di interessi o roba simile). Verifica bene prima di muoverti.

      Rispondi

Rispondi o Commenta