Investire nell’invecchiamento della popolazione con gli ETF

ETF invecchiamento popolazione

iShares Ageing Population è il miglior ETF per investire sull’invecchiamento della popolazione, sfruttando un macrotrend utile ed etico.

Perché investire nell’invecchiamento popolazione utilizzando gli ETF

Entro il 2050 una persona su sei nel mondo avrà più di 65 anni (rispetto a una su 11 nel 2019 ). Alla luce di ciò si dovrebbe considerare l’investimento in aziende che forniscono prodotti per gli over 60. La speranza di vita, infatti, si è molto allungata nel corso del tempo. A titolo di esempio a fronte di un’età media di 49 anni alla nascita nel 1911, siamo arrivati a superare gli 80 anni nel 2021.

Oltre a ciò la crisi delle nascite nei Paesi sviluppati genera un progressivo invecchiamento della popolazione, che diventa un macrotrend di investimento grazie agli ETF.

Backstage: tutti i retroscena dei migliori portafogli di ETF.

Il miglior ETF sull’invecchiamento della popolazione

Un investimento ESG

iShares Ageing Population UCITS ETF (AGED : IE00BYZK4669), è un prodotto quotato su Borsa italiana da settembre 2016 che investe su società che forniscono specificamente prodotti e servizi per over 60.

Dal punto di vista dell’investimento sostenibile vale la pena ricordare che dal 10 marzo 2021 è entrato in vigore il regolamento sull’informativa di sostenibilità dei servizi finanziari (SFDR). Si tratta, in breve, di un insieme di regole europee creato per rendere il profilo di sostenibilità dei fondi più comparabile e di facile comprensione.

Le nuove regole classificano i prodotti in tipologie specifiche e includono metriche per valutare gli impatti ambientali, sociali e di governance (ESG) del processo di investimento per ciascun fondo.
Come Classificazione SFDR l’ETF Shares Ageing Population è conforme all Articolo 8. Esso, infatti, appartiene ai prodotti che promuovono caratteristiche ambientali o sociali e buone pratiche di governance.

Composizione

Ripartizione geografica

I maggiori paesi in cui investe l’Shares Ageing Population sono gli Stati Uniti (50%), il Giappone (7%) seguiti da UK (5%) e Australia (3.8%). Ne segue che il prodotto, come tutti gli ETF azionari tematici, è parecchio concentrato negli States. Di questo è opportuno tenere conto per evitare una diversificazione apparente.

Ripartizione settoriale

Dal punto di vista dei settori merceologici, il miglior ETF sull’invecchiamento della popolazione è così suddiviso:

  • salute: 47%
  • servizi finanziari: 37%
  • consumi discrezionali: 10%
  • generi di largo consumo: 2%
  • immobili: 2%.

Le azioni più rappresentative

Il fondo possiede una grande quantità di partecipazioni. Le principali non superano lo 0.60% Non è pertanto possibile parlare di principali componenti. Possiamo, però, guardare ad alcune aziende presenti nell’ETF.

  • TENET HEALTHCARE CORP: Al 31 dicembre 2020 la società gestiva 65 ospedali e circa 550 altre strutture sanitarie
  • HOYA Corporation è un fornitore di prodotti high-tech medici in tutto il mondo, è stata fondata nel 1941 e ha sede a Tokyo, in Giappone
  • NOVOCURE LTD: offre prodotti per il trattamento dei tumori solidi
  • STAAR SURGICAL: progetta, produce e commercializza lenti impiantabili per l’occhio
  • AFFILIATED MANAGERS GROUP INC: opera come società di gestione patrimoniale che fornisce servizi di gestione degli investimenti a fondi comuni di investimento, clienti istituzionali e persone con un patrimonio netto elevato negli Stati Uniti
  • FUBON FINANCIAL HOLDING CO fornisce servizi finanziari a Taiwan, nel resto dell’Asia e a livello internazionale. L’azienda offre principalmente prodotti assicurativi, tra cui proprietà, infortuni, vita, incidenti e salute.

Come vediamo il settore in cui risulta maggiormente investito l’iShares Ageing Population è quello sanitario, nello specifico la cura e l’assistenza alla persona. Come secondo settore per importanza abbiamo i servizi finanziari, in particolare le assicurazioni. Il fondo ha, per esempio, partecipazioni anche in Generali e Allianz.

I componenti dell’investimento perfetto in ET? Li trovi su Backstage.

Andamento grafico e confronto con i competitor

Per capire come mai l’iShares Ageing Population sia il miglior ETF per investire nell’invecchiamento della popolazione, esaminiamone l’andamento comparato con i principali concorrenti.

  • iShares Ageing Population UCITS ETF (AGED : IE00BYZK4669L
  • Lyxor MSCI Millennials ESG Filtered UCITS ETF (MILL: LU2023678449)
  • iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) (SWDA: IE00B4L5Y983)
  • iShares Core S&P 500 UCITS ETF (Acc) (CSSPX: IE00B5BMR087)

Ho pensato di confrontare l’iShares Ageing Population con il Lyxor MSCI Millennials ESG Filtered di cui avevamo parlato a proposito dei millennials. Inoltre guarderemo l’andamento del mercato mondiale e del mercato americano che è il principale paese in cui investe l’ETF.

ETF ageing population

Se confrontiamo l’andamento del iShares Core MSCI World con l’iShares Core S&P 500 notiamo una certa similitudine. L’l’iShares Ageing Population, invece, presenta un comportamento leggermente più simile al MSCI World. Inoltre, come potevamo aspettarci, esso mostra una sovraperformance nel periodo Novembre 2020 febbraio 2021.

Si tratta di un comportamento comune a molti Megatrend, rispecchiatile anche nel Lyxor MSCI Millennials. Quest’ultimo, tuttavia, ha un andamento molto più brillante. Possiamo notare meglio questa sovraperformance nel grafico sottostante.

ETF invecchiamento popolazione vs MSCI World

Concludo guardando il grafico del rischio (inteso come volatilità) e rendimento calcolati su base annua.

rischio rendimento etf invecchiamento popolazione

Possiamo notare che, nell’intervallo di tempo considerato, il rendimento sia simile a quello dell’indice mondiale. La volatilità, al contrario, si avvicina a quella dei prodotti tematici più aggressivi quali, ad esempio, il Lyxor MSCI Millennials.

L’iShares Ageing Population presenta, costi (TER) più alti degli ETF generalisti. In questo caso parliamo, in definitiva, dello 0,4% annuo rispetto ad esempio allo 0.2% del iShares Core MSCI World, con un andamento abbastanza simile all’indice mondiale. Va quindi valutato con attenzione l’inserimento di questo prodotto all’interno del proprio portafoglio, da costruire come sempre valutando i proprio obiettivi e la propria tolleranza al rischio.

Think different. Invest differently.

Francesco Melandri – Rischioerendimento.com

Rispondi o Commenta