Gli Investimenti in BTP davanti alla Crisi di Governo. Ci Risiamo…

La crisi di Governo arriva a Natale e subito raffredda i BTP con lo spread in risalita. E i nostri investimenti….

Con il Natale alle porte, il rialzo dello spread provocato dalla crisi di Governo rischia di fare andare il panettone di traverso a chi ha fatto investimenti in BTP. O no?

“Il nemico è battuto dietro la collina” pensava il risparmiatore che ha BTP in portafoglio. A settembre lo scudo anti spread e l’accoppiata Mario Mario (Monti e Draghi) aveva ridato fiducia agli investitori e sollievo a chi vedeva scendere lo spread. “Il peggio è passato”. Ma oggi la crisi di Governo riporta la paura e l’incertezza nelle case degli italiani proprio alla vigilia del Natale.

Allora la domanda nasce spontanea? Che fare? Welcome ti aiuta ad investire da solo, in modo sicuro e redditizio.

La crisi di Governo e il promotore finanziario

Savino è un promotore finanziario da circa sedici anni. Certo, non è colpa sua se i soldi dei suoi clienti in tutto questo tempo non hanno reso nulla. C’è stato l’arrivo dell’Euro, la crisi del 2008, la risalita degli spread e, per finire in bellezza, la crisi di Governo. Ma Savino ha sguazzato in questa situazione. Ha fatto i suoi comodi, ha sempre sostenuto che le azioni erano per il lungo periodo, che bisognava tenere duro.

In realtà qualcuno gli aveva detto che le cose stavano andando diversamente da come lui voleva far credere. Ma con un pizzico di arroganza, Savino ha sempre sostenuto che era tutta apparenza. Le borse avrebbero presto ripreso la loro corsa e tutto sarebbe andato per il meglio. Fino a che è arrivata la crisi.

Che fare?

Dopo aver partecipato ad un incontro formativo sulla consulenza indipendente, Savino decide di cambiare tattica. “Andrò dai miei clienti e dirò loro che sono stufo che paghino commissioni di gestione e di ingresso elevate sui prodotti che hanno acquistato”. Allora va dai vertici della sua banca e rassegna le dimissioni. Anzi, costringe il capo area alle dimissioni, dato che era il cospicuo portafoglio di Savino a tenere in piedi l’area di cui faceva parte.

So che ti stai domandando cosa c’entri tutto questo con la crisi di Governo, gli investimenti e i BTP. Ma ti prego di continuare a leggere perché questa favola, come tutte le fiabe che si rispettino, avrà al termine una morale e pratiche indicazioni operative.

Appena dimessosi Savino va dai suoi clienti e dice loro: “i vostri soldi non rendono nulla perché fino a ieri avete pagato esorbitanti commissioni sugli investimenti. Ma ora vi salverò io con una consulenza personalizzata a parcella ed indipendente.” Ma i clienti, uno ad uno, se ne vanno e abbandonano Savino alla sua crisi, che si aggiunge a quella di Governo. Sanno bene i risparmiatori che lo stesso Savino che oggi s pone come salvatore, è il medesimo che ha contribuito a taglieggiarli fino a ieri ed oggi si fa pagare per rimediare i danni che ha provocato.

Welcome, e non avrai più bisogno di nessun consulente.

Investimenti e BTP

L’Italia, come avrai capito, è nella stessa situazione. Ma i mercati sono sono stupidi e sanno alcune cose:

  • per quanto inaspettata la crisi di Governo era attesa. Non è un giro di parole: il Governo Monti sarebbe comunque stato in carica fino a primavera e non oltre. Quindi, prima di drammatizzare, pensa che l’incertezza, il rialzo dello spread e tutto quanto sono solo state anticipati. Ma durante la campagna elettorale l’incertezza ci sarebbe stata comunque e gli effetti sarebbero stati probabilmente gli stessi;
  • lo spread risale perché la speculazione va a nozze con le notizie inattese. Che altro non fanno se non accelerare dei trend in atto piuttosto che non crearne di nuovi. Non appena luccicano le scintille di facili guadagni, ecco che avide mani attaccano creando uno scompiglio che probabilmente tenderà a scomparire;
  • l’Italia non è nelle mani di un solo partito, o di un solo soggetto, ma è legata a doppio filo con l’Europa. La strada delle riforme è stata tracciata. Che cosa sarà meglio per il nuovo Governo, superata la crisi: tornare indietro e portare il Paese allo sfascio oppure continuare sulla via del risanamento, peraltro già imboccata? Io penso che nonostante le facce siano sempre le stesse, oggi siamo ad un punto di svolta. Ad un giro di boa che significherà che indietro non si ritorna più.

Lo spread fa meno paura!!

Se hai avuto la bontà di leggere fino a qui hai capito che io sono moderatamente ottimista per il futuro dei nostri investimenti in BTP. Anzi, maggiore sarà il rialzo dello spread nei prossimi giorni e meglio sarà. Sì, perché i politici saranno avvertiti che il loro potere non è infinito. Il loro potere non deriva solo dagli elettori, ma anche in ultima analisi  dall’Elettore supremo, il mercato finanziario, le cui ricadute sono evidenti su chiunque voglia governare una nazione.

E se solo si pensasse di tornare indietro, gli effetti che la crisi di Governo ha avuto sui mercati è lì a testimoniare che il tempo stringe e occorre agire in modo concreto. Nell’interesse del Paese. Chi non lo fa questa volta rischia davvero grosso…

Tieni i tuoi BTP e stiamo (tutti quanti) alla finestra a guardare.

Sei d’accordo con me? Trovi utile questo post? Condividilo con i utoi amici, se pensi che anche loro abbiano bisogno di essere informati sul loro futuro finanziario.

Io sono qui per te e aspetto di leggere il tuo commento per approfondire la discussione!!

32 commenti
  1. Perfettamente d’accordo. Se ricordi avevo sottolineato questo punto anche quest’estate: o Monti a vita, o a un certo punto si sarebbe verificato questa situazione.
    Come sono dell’idea che invece la situazione greca si stia trascinando e che comunque un default è ancora possibile.
    Il 2013 poi vedrà anche le elezioni federali tedesche e sebbene la linea del rigore sarà mantenuta, a mio avviso, può anche succedere che la Germania passi a posizione meno intransigenti.
    Sai che ti dico? Se si torna ai prezzi di luglio incremento il mio btpi a scopi pensionistici.

  2. Carissimo Dottor Giacomo Saver,
    post puntualizzante! Si dice compra quando vedi scorrere il sangue per le strade… e così mantenendo i nervi saldi a luglio, qualche plusvalenza si è creata senza colpo ferire.
    Ma siccome la storia spesso la dimentichiamo… torniamo ancora come a luglio!
    O.T. Ma Savino è ancora vivo o lo hanno mandato in esilio? 🙂
    Un caro saluto a tutti!

  3. Concordo su quanto detto.
    E poi, come dice il buon Giacomo, mai farsi prendere dal panico!!

  4. Caro Giacomo,

    io penso che sia proprio questo il momento giusto per monitorare la situazione e fare qualche buon affare in ottica speculativa (che non dovrebbe mai mancare in un portafoglio che si rispetti). Credi sia opportuno attendere il ginocchio della curva dei prezzi dei BTP per acquistarne in piccola quantità, in maniera da fare un buon investimento a breve con grosso guadagno in linea capitale?

  5. Ciao a tutti

    Ancora un paio di sparate di B. (una l’ha già fatta stamani..)e i BTP ridiventano un affarone come a dicembre dello scorso anno!

  6. @ Moon Walker
    Mi ha fatto la stessa domanda in privato l’amico Alessio. Io a questi prezzi comprerei, anche se non posso garantire che non ci saranno ulteriori ribassi. Quello che credo è che la via del risanamento sia obbligata a preiscindere da quello che accadrò in futuro. Come dice qualcuno bisogna comprare quando il sangue corre per le strade…
    Cari saluti a tutti!!

  7. @ Giuliano
    Purtroppo c’è ancora e continua a spararle…

  8. Scusate se vado controcorrente, ma se uno ha acquistato BTP a inizio anno e ora se trova un 15% e più di guadagno in conto capitale non sarebbe il caso di vendere e passare quindi all’incasso?
    Poi se il signor B nei prossimi giorni o mesi vuol mettereci del suo per far precipitare di nuovo le quotazioni dei BTP si puo sempre rientrare.

  9. Grazie Giacomo!

  10. http://www.rendimentobtp.it/isin/IT0004361041

    Forse arrivare a quei livelli è impossibile…

  11. Ciao Giacomo,

    Anch’io sono alla finestra e chi sa mai che si presenti una buona occasione di acquisto.

    Ti faccio una domanda da uomo della strada: lunedì c’è stato il crollo delle quotazioni e lo spread è salito, poi lento lento ha cominciato a scendere e la situazione è migliorata. Secondo te c’è dietro lo zampino della BCE che sta acquistando?

    Complimenti per il livello di informazione!
    Saluti
    F

  12. Sono sostanzialmente d’accordo con quanto detto.
    Personalmente, ed anche grazie ai consigli di Giacomo, attualmente ho liquidato le posizioni lunghe sui BTP (con plusvalenze in conto capitale a doppia cifra!!).
    Mi sono detto: cado in piedi! Intanto porto a casa il guadagno maturato e mi affaccio alla finestra per un paio di mesi e seguo le turbolenze, che ritengo non mancheranno.
    Il sangue non sta ancora scorrendo!
    Presto i nostri politici ci regaleranno altre gradite sorprese (sigh!).
    Che ne dici Giacomo??

    p.s. per i lettori del blog: ho acquistato gli interessanti ebook di Giacomo ed ho avuto il piacere di parlare con lui!
    L’ho massacrato di domande, dubbi e curiosità per 45 minuti (non prima di avergli inviato la mia posizione finanziaria che abbiamo valutato insieme!)!!!
    Grazie, ti ho trovato veramente competente ed il colloquio è stato ampiamente soddisfacente e piacevole.
    Un altro modo di concepire gli investimenti, insomma, partendo dall’assunto “prima di guadagnare, iniziamo a non rimetterci!” (la diligenza del buon padre di famiglia, come si diceva un tempo!).

    A presto.

  13. In ottica speculativa, effettivamente qualche acquisto potrebbe essee fatto sui BTP. Ma prudentemente qualche mese fa ho ridotto al 20% il mio portafoglio in Btp.Ma non solo, anche le azioni italiane ora le ho ridotte, preferendo azioni americane, nonostante il fiscal cliff, se non dovesse passare sì la borsa di New York crollerebbe, ma farebbe altrettanto Milano.Mentre il contrario sarebbe impossibile-Grazie Giacomo per l’ indicazioni utili. Sarei per mettere l’educazione finanziaria come materia scolastica.Ormai è da tempo che sostengo che una educazione finanziaria di base ormai sia necessria.

  14. Penso pure io che arrivare a quei punti di rendimento sia improbabile ,(Draghi e’ gia ‘ armato..), pero’ in Italia nulla e’ impossibile…

    ciao

  15. Concordo pienamente Giacomo, anche perchè investo in Titoli di Stato sempre e comunque nell’ottica di portare a scadenza (salvo poi riservarmi di vendere se le condizioni divenissero favorevoli…).
    È comunque difficile capire quale curva prenderanno i mercati nei 2-3 mesi che ci separano dalle elezioni.
    Tu credi rimarranno “stabili” fino al voto o è piu probabile che risalgano un po’ per poi scendere di nuovo verso Febbraio a causa dell’incognita elezioni?

  16. @ Enzo
    L’idea non è male, a patto che:

    a) si sia trattato di un’operazione speculativa. In caso contrario oggi dovresti reinvestire la somma disponibile per la scadenza che hai “venduto” con il rischio di rientrare a prezzi maggiori di quelli cui sei “uscito”;
    b) a monte ci sia stata un’analisi del trend. Non è detto, infatti, che il prezzo dei BTP debba per forza scendere. In effetti già ieri lo spread è ridisceso, per cui manovre volte a sfruttare le oscillazioni di prezzo non sempre danno risultati positivi…

    Ci torneremo presto…

  17. @ Enrico
    Grazie a Te… E’ un sincero piacere poterti aiutare…

  18. @ Bob
    Che piacere rileggerti dopo tanto tempo!!
    Credo anche io che quei livelli non li vedremo più. Come ho scritto la strada del risanamento dei conti ormai è segnata e solo un folle potrebbe pensare di mandare l’Italia allo sfascio. Sarebbe sul serio guerra civile.

  19. @Matteo

    Se non torneranno i prezzi di luglio che farai?

  20. @ FabioG
    Purtroppo, caro Fabio, non è dato sapere ai comuni mortali che cosa stia facendo la BCE. Di certo credo che i mercati sanno che chiunque sarà chiamato a governare il Paese non potrà abbandonare il sentiero della stabilità e del risanamento sino ad oggi percorso. Inoltre credo che una certa incertezza sul futuro politico dell’Italia fosse già “scontata” dai mercati che hanno reagito solo alla notizia della fin eanticipata della legislatura.

    Per questo invito alla calma ed al sangue freddo: vendere in modo precipitoso potrebbe essere un grave errore.

    Grazie a te e a tutti gli amici che leggono e seguono il blog con affetto e costanza…

  21. @ Diridin
    Grazie per la tua testimonianza. Credo che il successo del blog e dei prodotti per la formazione finanziaria stia proprio nella semplicità.

    In giro per il web è pieno di gente che promette miracoli e guadagni favolosi, spesso a costo di rischi insostenibili. Io parto dal presupposto che i soldi ripsamriati sono stati faticosamente messi da parte e, se da un lato devono essere valorizzati nella giusta maniera, dall’altro è bene restare con i piedi per terra e ricordare sempre che la differenza tra investimento e speculazione sta proprio nella salvaguardia del capitale.

    Questo è ciò che diceva il grande Ben Graham, maestro di Buffett.

    Per quanto riguarda i BTP, visto che l’argomento è stato oggetto di diversi commenti scriverò un post per te e per tutti gli Amici interessati. Diciamo che non è così scontato che lo spread risalga e i prezzi crollino di nuovo. Certo che i titoli a lunga scadenza sono quelli più turbolenti, e quindi se sei in forte utile hai fatto bene a venderli.

    Concludo dicendo che è stato un piacere anche per me parlare con te al telefono ed essere “massacrato” dalle tue domande. Proprio dalle domande emergono spunti di riflessione e di studio e così continuo ad imparare pure io 🙂

  22. @ Francesco
    Concordo con te su tutta la linea. In modo particolare sulla necessità di inserire l’educazione finanziaria tra le materie di studio da inserire a scuola. Ricordo che quando facevo le medie mi furono insegnati concetti come l’interesse semplice e la capitalizzazione composta e alcuni rudimenti sugli investimenti.

    Sarebbe bello potesse accadere anche oggi. Ad ogni modo, un occhio di riguardo è rivolto ai bambini ed alla loro “forma mentis” finanziaria. I piccoli di oggi, saranno i grandi di domani…

  23. Concordo pienamente Giacomo, anche perchè comunque investo in titoli di Stato sempre nell’ottica di portare a scadenza (riservandomi di vendere solo a condizioni davvero allettanti…).
    E’ comunque difficile capire come si muoveranno i mercati nei due mesi che ci separano dalle elezioni.
    Tu credi rimarranno pressoché stabili fino a poco prima del voto o che piuttosto risalgano per poi scendere appena prima delle elezioni?
    Grazie
    SteV
    Nota : da ieri non riesco più a postare i commenti dallo smartphone, li invio ma sul sito non “arrivano” (non credo sia per la moderazione)

  24. caro giacomo, grazie innanzitutto x i tuoi articoli illuminanti, io non riesco ad afferrare tutto causa carenze di base, ma sulle cose più semplici devo dire che ho strumenti per dialogare con la banca e sostenere con forza le mie posizioni, mentre prima ero in balia delle loro parolone! grazie.
    posso chiederti una cosa: se ho un utile su un btpi (ad es 1000€) posso portare a casa solo quello e lasciare il resto ? ha senso o no?
    e per una persona anziana alla posta ha senso fare un bpf3x4 o è meglio il classico ind all’inflazione?
    un caro saluto silvia & fam

  25. Caro Giacomo
    mi inserisco anche io in questa vivace discussione per dire come la penso. E’ ovvio che non è dato sapere se nei prossimi 6 mesi ci sarà un crollo delle quotazioni dovuto alle incertezze sul prossimo governo, oppure se rimarrà tutto stabile oppure ancora ci sarà addirittura un rialzo (cosa poco probabile).
    Io parto da un altro presupposto e cioè che oggi il mercato obbligazionario ha quotazioni troppo elevate. Prendiamo per esempio il BTP in scadenza tra un anno, cioè quello che scade a Nov 2013: vedo ora che ha un rendimento del 1,23% netto.
    Webank (ma è solo un esempio di tanti) offre un tasso anno del 4,25% lordo per vincoli di 6 mesi per chi porta nuova liquidità. Ora spiegami perchè non dovrei liquidare un Btp come quello da me citato (con relativa plusvalenza), stare fermo 6 mesi e poi vedere. Se le quotazioni crollano allora rientro verso maggio e faccio l’affare, compro quando vedo il sangue ;-), se invece restano stabili o migliorano avrò cmq ottenuto un rendimento migliore grazie al mio conto deposito.
    Un abbraccio e continua così!

  26. @ Stev
    E’ tutto ok con i commenti, solo questi devono essere approvati perché a volte sono bloccati dal filtro anti spam. Ma io li controllo tutti e li pubblico rispondendo, come sempre 🙂
    Grazie per la segnalazione!!

  27. @ Silvia
    Quello che hai ottenuto, cra Silvia, è un grande risultato. Ora sei in grado di discutere “alla pari” con i consulenti della banca e la tua cultura finanziaria non può che aumentare!!
    Se non sei tranquilla con i tuoi BTPi puoi tranquillamente pensare di vendere la parte corrispondente all’utile. I BTPi, infatti, hanno tagli minimi di 1.000 euro il che rende fattibile questa operazione anche se devi prestare attenzione alle commissioni minime applicate dalla banca.

    Per una persona anziana il cui obiettivo è mantenere il potere di acquisto del risparmio direi che sono meglio quelli indicizzati.

    Un caro saluto!!

  28. @ SteV
    E’ impossibile fare delle previsioni… Ti anticipo però che il prossimo post, quello di dopo domani, sarà proprio sui BTP.
    Buona lettura!!

  29. Sei mitico, grazie ai tuoi consigli e ai tuoi libri stò cominciando a conoscere il mondo della finanza e soprattutto a non farmi prendere dal panico, grazie Giacomo,buona giornata———-Marco

  30. @ Marco
    Che dire se non un semplice GRAZIE?
    Un caro saluto a tutti!!

  31. Caro Giacomo,
    grazie per il tuo importante lavoro,
    e per l investimento perfetto altrettanto prezioso.

    Pochi giorni fa il sole 24 ore pubblico un articolo sui BTP stripping
    potresti indicarci i pro e i contro e in caso come e perche utilizzarli?

    grazie di cuore

  32. @ Renato
    Ho trattato l’argomento in una lezione del nuovissimo corso che partirà a gennaio.
    Imparerai tutto sui vantaggi, svantaggi e regime fiscale di questo nuovo strumento, insieme a moltissime altre cose.
    A presto allora 🙂

Rispondi o Commenta