I 6 Migliori BTP da Acquistare Oggi

 

i migliori-btp- per-investire-oggi

 

Articolo Aggiornato il 30 novembre 2018

Quali sono i migliori BTP da acquistare oggi, se vuoi guadagnare con lo spread a 300 punti base? Alcuni investitori hanno deciso di stare alla larga dai titoli pubblici italiani, mentre altri vedono nelle quotazioni attuali un’occasione di investimento irripetibile, come non si vedeva dal 2011.

Come sempre la decisione di acquistare o meno i titoli dipende dal rendimento dei BTP e dalla tua strategia di investimento. Quello che posso fare io per te in questa sede è offrirti una selezione dei più interessanti BTP disponibili oggi, affinché tu possa fare le scelte opportune.

Per aiutarti nel compito suddividerò i titoli in tre sotto categorie: BTP a breve scadenza, a medio e a lungo termine. Per ognuna di esse ti proporrò i due migliori titoli sulla base dei loro rendimento effettivo, che tiene conto sia della cedola sia del prezzo di acquisto.

I Migliori BTP a Breve Termine da Acquistare Oggi

Per BTP a breve scadenza si intendono quei titoli che verranno rimborsati entro i prossimi due anni. Può anche trattarsi di bond governativi emessi all’origine con una scadenza molto lunga, ma che per effetto del passare del tempo ora hanno i giorni “contati”. Fino a qualche tempo fa acquistare BTP così brevi non aveva molto senso a causa dei rendimenti risicati, ma ora – grazie alle tensioni sui tassi – il loro guadagno è tornato ad essere relativamente allettante.

BTP Italia 27 ottobre 2020 – IT0005058919

  • Quotazione: 102,30
  • Cedola annuale: 1,25%
  • Rendimento netto: 1,68% su base annua

BTP Italia 23 aprile 2020 – IT0005012783

  • Quotazione: 102,15
  • Cedola annuale: 1,65%
  • Rendimento netto: 1,25% su base annua

I BTP Italia sono molto interessanti grazie al fatto che le loro cedole effettive saranno maggiorate per effetto del recupero del tasso di inflazione sia sugli interessi sia sul valore nominale del titolo stesso.

Eviterei di comprare BTP standard sulle durate brevi perché ad eccezione dei due titoli appena visti i rendimenti sono limitati nell’ordine dello 0,70%. Se a ciò sottrai le commissioni di acquisto il guadagno netto resta piuttosto basso.

I Migliori BTP a Medio Termine da Acquistare Oggi

I BTP a medio termine sono quei titoli la cui scadenza è compresa tra i 3 ed i 5 anni. In condizioni “normali” il loro rendimento supera quello offerto da titoli simili ma con durata più breve grazie al fatto che se così non fosse gli investitori non li vorrebbero. La loro volatilità è più elevata rispetto ai BTP a breve termine, tuttavia portando i titoli alla scadenza e salvo problemi in capo all’emittente, l’investitore riceverà il valore nominale.

 

BTPi 15 maggio 2023 – IT0005329344

  • Quotazione: 94,20
  • Cedola annuale: 0,10% cui va aggiunta l’inflazione
  • Rendimento netto: 3,21% reale. Tale valore si aggiunge al tasso di inflazione europeo

BTP Italia 20 novembre 2023 – IT0005312142

  • Quotazione: 94,57
  • Cedola annuale: 0,25%
  • Rendimento netto: 2,75%

I Migliori BTP a Lunga Scadenza da Comprare Oggi

I BTP a lungo termine sono quei bond la cui scadenza supera i 5 anni. Si tratta di una categoria piuttosto eterogenea che arriva a comprendere bond della durata di cinquant’anni anni. La loro rischiosità è più elevata, perché variazioni relativamente piccole nei tassi di rendimento (o nello spread in senso lato) avranno ripercussioni pesantissime sul valore corrente dei titoli.

Investire in BTP lunghi va bene in modo particolare se ritieni di fare un impiego a lungo termine o se credi che successivamente all’acquisto i tassi di interesse scenderanno. Mi sono limitato a scegliere i migliori BTP restando su scadenze inferiori ai 20 anni, per non cadere nella trappola della speculazione.

BTPi 15 maggio 2028 – IT0005246134

  • Quotazione: 93
  • Cedola annuale: 1,30% cui va aggiunta l’inflazione
  • Rendimento netto: 3,80% reale. Tale valore si aggiunge al tasso di inflazione europeo

BTPi 15 settembre 2032 – IT0005138828

  • Quotazione: 87,50
  • Cedola annuale: 1,25% cui va aggiunta l’inflazione
  • Rendimento netto:4,06% reale. Tale valore si aggiunge al tasso di inflazione europeo

Considerazioni Finali

Ora che abbiamo visto quali siano i BTP migliori da acquistare oggi facciamo le ultime due considerazioni.

Le opportunità più interessanti si trovano nel comparto dei BTPi e dei BTP Italia

I titoli indicizzati all’inflazione europea (BTPi) e a quella italiana (BTP Italia) sono i titoli più redditizi tra quelli disponibili. Ricordando che se vuoi ottenere rendimenti superiori alla media devi abituarti a ragionare in modo diverso dalle masse, sappi che in questo momento i BTP standard  su cui si concentra l’attenzione dei media non sono così redditizi. Al contrario i meno noti BTP indicizzati offrono rendimenti più interessanti.

I BTP migliori sono quelli a medio e lungo termine

Acquistare BTP corti ti fa sopportare oneri piuttosto elevati in termini di commissioni di acquisto oggi e di rinnovo alla scadenza, quando li dovrai sostituire. Investire in BTP lunghissima scadenza ti farà guadagnare di più, ma ti esporrà ad oscillazioni di prezzo eccessivamente elevate.

I BTP con durata non troppo corta ma nemmeno eccessivamente lunga sono i prodotti migliori in cui valutare un investimento.

Risorse Utili

Permettimi di aiutarti se sei in alto mare con le tue scelte finanziarie. Entrambe le risorse che ti suggerirò sono GRATUITE, per cui non devi preoccuparti del loro costo 🙂

Se hai domande relative al post scrivi il tuo commento qui sotto. Grazie.

Giacomo Saver

33 commenti
  1. Buongiorno, nel complimentarmi con Lei per la chiarezza degli articoli, avrei un quesito:qualora si dovessero avere in portafoglio btp scadenza 2025, per i quali si ha, alla data attuale, una perdita in conto capitale di circa 50.000 euro ma coscienti, nella costruzione della asset allocation, di portarli a scadenza, con l’unica preoccupazione, oggi, di un eventuale default Italia o Haircut, cosa proporrebbe? Potrebbe essere utile vender una parte di btp lunghi e riacquistarne con scadenza 2020 o 2021? Si perderebbe in conto capitale (per la parte venduta) ma si acquisterebbe agli ottimi prezzi attuali con durate brevi. La perdita in conto capitale poi, sarebbe compensata dagli interessi che, nel frattempo i btp con durata lunga continuano a distribuire. Oppure, come ha scritto in un Suo articolo, ” …l’Italia è troppo grande per fallire….” ? Ringraziando anticipatamente distintamente saluto.

    Rispondi
    1. @ Marco
      Credo non sia conveniente fare il cambio. Vendendo i BTP lunghi subisce una perdita in conto capitale che, con i tassi attuali, sarebbe solo in parte recuperata grazie ai rendimenti dei titoli più brevi. Semmai occorre ragionare sulla esposizione complessiva del suo portafoglio al rischio Italia ed eventualmente rimodulare quella.

      Rispondi
  2. Buon giorno Giacomo , noto che hai selezionato btp con prezzo basso piuttosto che con cedola alta. c’è un motivo particolare?

    Rispondi
    1. @ Simone
      No. Ho selezionato i titoli che rendono di più. Il rendimento è un dato sintetico che combina la cedola e il prezzo. Se il secondo è molto basso compensa gli effetti di una cedola risicata.

      Rispondi
  3. Buongiorno, per quanto riguarda le nuove emissioni di btp? i tassi dei rendimenti se non erro dipenderanno dalle domande che ci saranno? Per sapere orientativamente quale sarà il tasso definitivo,mi posso orientare sul valore riportato da bloomberg? Grazie

    Rispondi
    1. @ Cermelo
      I nuovi BTP non avranno tassi di rendimento molto diversi da quelli attuali, per le scadenze per le quali saranno emessi. Attenzione però a non confondere la cedola con il rendimento perché sono due cose diverse.

      Rispondi
  4. BUONA SERATA GIACOMO,VOLEVO CHIEDERTI SU UN ACQUISTO DI UN BTP CON SCADENZA DICEMBRE 2026 COME CONSIDERARLO LUNGA SCADENZA MI SEMBRA DI CAPIRE?SULLA SITUAZIONE DEFAULT DEL NOSTRO PAESE SECONDO IL TUO PARERE PUÒ ESSERE UN EVENTO CHE UNO STATO RIESCE CON DELLE STRATEGIE DI AUMENTO DI TASSE PATRIMONIALI ECC.. RIESCE A GESTIRE UN EVENTO COSI NEGATIVO?GRAZIE.

    Rispondi
    1. @ Antonio
      Non scrivere in maiuscolo perché equivale a gridare. Purtroppo non so cosa succederà allo Stato e al debito pubblico. Nessuno lo può sapere in anticipo. Visto che l’Italia ha il terzo debito pubblico al mondo credo che prima di arrivare ad un default si percorreranno altre strade (tassazione, taglio dei serivzi pubblici, ecc).

      Rispondi
  5. Grazie.

    Rispondi
  6. Buongiorno Giacomo, credo che tra le 2 soluzioni andrebbero inseriti i Btp indicizzati : ad es. il btpi 32 1,25% acquistato a 86 con inflazione accumulata del 3% sia una valida alternativa. Perché non li ha considerati ? Grazie

    Rispondi
    1. @ Sergio
      I BTP indicizzati sono un’ottima alternativa. Non li ho considerati perché ho preferito stare sui generici BTP. Grazie per il suggerimento.

      Rispondi
  7. Quando si parla di rendimento annuo si intende il rendimento al netto delle commissioni?

    Rispondi
    1. @ Francesco
      No, parlo di rendimento al netto delle tasse. L’incidenza della commissione di acquisto non è considerata.

      Rispondi
  8. salve ,il commento che voglio fare e particolare, mettiamo come ipotesi che il debito italiano venga paragonato al greco, in un caso del genere andando a scadenza quali pericoli incontrerebbe un investimento in titoli di stato? dalle poche mie informazioni risulta che chi detiene questi titoli sta recuperando ….

    Rispondi
    1. @ Sandro
      Se il debito pubblico verrà rinegoziato non tutti i bond saranno pagati. Alcuni di essi potranno essere stralciati, ossia perdere il proprio valore.

      Rispondi
      1. ok ma perdendo di valore arrivati alla scadenza rimborserebbero sempre 100? scusa ma non capisco cosa si intende per stralciati?

        Rispondi
        1. @ Sandro
          No. Se il credito venisse stralciato a fronte di 100 € di nominale ne rimborserebbero, ad esempio, 80 con una perdita di 20.

          Rispondi
  9. Buongiorno, approfitto ancora della Sua gentilezza, convincendomi sempre più che il Suo corso ” investiment club”, deve essere davvero interessante, vista la professionalità, chiarezza e spontaneità che, pur con le sole risposte gratuite, ci permette di confrontare ed imparare.
    Riprendo dalla prima domanda che ha pubblicato: premesso che 40% del patrimonio è investito in btp con una notevole perdita in conto capitale, 40% in buoni postali ed il restante 20% distribuito tra c/c ed etf world , sarebbe opportuno vendere …diciamo un 10% dei btp per rinvestirli in bei z.c. in $ scadenza 2026 al prezzo attuale di 76.50 circa? Avrei la diversificazione in $, un valore algebrico positivo, dato dalla perdita conto capitale btp ma guadagno dato dallo zero coupon, mantenendo la volontà di tenere il titolo fino a scadenza e con l’ obbiettivo della pensione. Cosa ne pensa? Oppure ha qualche altro suggerimento? Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti

    Rispondi
    1. @ Marco
      A mio avviso se vende i BTP e compra bond in dollari fa una cosa saggia, a patto di selezionare accuratamente i titoli da comprare. Gli zero coupon per lo più sono emessi da emittenti privati il che comporta l’assoggettamento al rischio emittente.
      Non ho nessun corso che si chiama Investment Club. Ho un percorso che si chiama Investitore Libero; l’Investment Club è un servizio informativo per investire 🙂

      Rispondi
      1. concordo sul fatto che non sarebbe male diversificare con investimenti in $, ma per scadenze lunghe come quella di Marco non potrebbero verificarsi ulteriori perdite dovute al cambio euro dollaro?

        Rispondi
        1. @ Michele
          Sì, certo. Sulle scadenze lunghe al rischio cambio aggiungi il rischio derivante dalle fluttuazioni del sottostante. Per questo è importante avere una strategia globale.

          Rispondi
  10. Buon giorno Giacomo; Ho letto con interesse il post e nella mia ignoranza non capisco il calcolo del rendimento del BTP 020% OT20.
    Mi chiedo come faccia con cedola annuale del 0,20% quotato a 97,67 (abbastanza vicino alla parità) ad avere un rendimento annuale sopravvalutato dell’1,35%.
    Cosa mi sfugge??
    Un grazie anticipato per la spiegazione; Cordiali saluti.

    Rispondi
    1. @ Berto
      Questo video ti spiega come si calcola il rendimento di un’obbligazione. Seguilo passo passo e tutto sarà chiaro: https://www.youtube.com/watch?v=T_Url5F4HFw

      Rispondi
  11. Buon giorno Giacomo;
    Ho calcolato il rendimento seguendo le istruzioni date dal video per il BTPi 0,1% MG23
    quotazione: 94,20
    cedola annuale: 0,1%
    Mi risulta un rendimento netto annuale di 1,44% (anziché 3,21%)
    Cos\’altro devo considerare ? Dove sbaglio ?
    Grazie per le tue sempre cortesi ed esaustive risposte.
    Distinti saluti.

    Rispondi
    1. @ Berto
      I BTPi funzionano in modo diverso per effetto del coefficiente di indicizzazione, del quale devi tenere conto nel calcolo del rendimento. Per questa ragione i conti non tornano…

      Rispondi
  12. Scusa Giacomo;
    A completamento volevo specificare che applicando le istruzione del video ai BTP del precedente post i conti tornavano, tutto era chiaro. Il problema riguarda questi BTPi.
    Ancora grazie…..

    Rispondi
  13. Buona serata GIACOMO,sentivo un giudizio di un analista finanziario sullo spread dove affermava che il valore giusto secondo il sul parere dovrebbe essere sui 150 punti cosa ne pensi in merito?

    Rispondi
    1. @ Antonio
      Che nessuno può sapere qual è il livello giusto dello spread 🙂 Quello è un dato che fissa il mercato e a volte lo fa in modo arbitrario ed emotivo perché i mercati sono fatti da uomini.

      Rispondi
  14. buona sera, stavo cercando qualcosa su cui investire e visto che mi piace leggere le sue news, mi sono imbattuto in questo articolo. Sarà l’ora ma volevo una conferma se il titolo BTP€i (IT0005329344) che propone quotato a 94,20 allo scadere della durata prefissata dell’ investimento verrà rivalutato a 100? quindi oltre alle cedole indicizzate, anche la differenza di 100 con 94,2?
    grazie

    Rispondi
    1. @ Luca
      Sì, confermo che il BTP a scadenza sarà rimborsato a 100. Un caro saluto.

      Rispondi
  15. Grazie GIACOMO.

    Rispondi
  16. Io non ho 50 mila euro da investire
    Ma i suoi consigli sono molto preziosi le dico grazie
    Buongiorno
    MARIO. M.

    Rispondi
    1. @ Mario
      Grazie a lei!

      Rispondi

Rispondi o Commenta